Venerdì 19 Aprile 2019 | 17:01

NEWS DALLA SEZIONE

L'annuncio
Fca, Melfi: sindacati, a maggio alcuni stop a produzione

Fca, Melfi: sindacati, a maggio alcuni stop a produzione

 
La curiosità
Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: squadra di un paese di 5mila anime

Calcio, il Picerno arriva in C: aggrediti 3 calciatori del Taranto. La squadra fa ricorso

 
A potenza
Ospedale San Carlo, da giugno sospesi 14 ambiti intramoenia

Ospedale San Carlo, da giugno sospesi 14 ambiti intramoenia

 
Nel Potentino
Melfi, costrinse compagna incinta a prostituirsi: arrestato

Melfi, costrinse compagna incinta a prostituirsi: arrestato

 
Parco del Pollino
Il parco naturalistico «Viggianello Waterland» diventa realtà

Il parco naturalistico «Viggianello Waterland» diventa realtà

 
Stalking
Melfi, chiedeva sesso alla sua ex minacciando il «revenge porn»

Melfi, chiedeva sesso alla sua ex minacciando il «revenge porn»

 
La terra trema
Paura nella notte nel Potentino: scossa di terremoto di magnitudo 2.9

Paura nella notte nel Potentino: scossa di terremoto di magnitudo 2.9

 
Neo governatore
Regione Basilicata, arriva l'insediamento di Bari

Basilicata, Bardi insediato: è presidente della Regione

 
Sentenza
Potenza, abusò di minori in casa famiglia e clinica: condannato a 9 anni

Potenza, abusò di minori in casa famiglia e clinica: condannato a 9 anni

 
Il punto
Basilicata, 10 comuni ad alto rischio Radon

Basilicata, 10 comuni ad alto rischio Radon

 
Nel Potentino
Avigliano, principio d'incendio su scuolabus, salvi alunni

Avigliano, principio d'incendio su scuolabus, salvi alunni

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiIl batterio killer
Xylella, Cia annuncia: «in corso eradicazioni di 12 alberi nel Brindisino»

Xylella, Cia annuncia: «in corso eradicazioni di 12 alberi nel Brindisino»

 
BariLa scomparsa
Bari piange il professor Domenico D'Oria: il cordoglio di Decaro e Emiliano

Bari piange il professor Domenico D'Oria: il cordoglio di Decaro e Emiliano

 
TarantoA grottaglie (Ta)
Cinzella Festival: nella line-up anche gli Afterhours, oltre a Franz Ferdinand, Marlene Kuntz, White Lies

Cinzella Festival: nella line-up anche gli Afterhours, oltre a Franz Ferdinand, Marlene Kuntz, White Lies

 
Materavittima un materano
Compra iPhone 7 sul web a 200€, ma è una truffa: una denuncia

Compra iPhone 7 sul web a 200€, ma è una truffa: una denuncia

 
PotenzaL'annuncio
Fca, Melfi: sindacati, a maggio alcuni stop a produzione

Fca, Melfi: sindacati, a maggio alcuni stop a produzione

 
LecceVerso il voto
«Santini» elettorali per strada, a Lecce appello al senso civico

«Santini» elettorali per strada, a Lecce appello al senso civico

 
FoggiaAccoglienza
Borgo Mezzanone, migranti cercano un altro ghetto

Borgo Mezzanone, migranti cercano un altro ghetto

 
BatÈ incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 

Indice tra i più bassi d'Italia

Basilicata, il cinema è un lusso: poche strutture e pochi spettatori

Solo il 27,5% di chi va, sceglie prima il film da vedere

sala cinema

L’ultima volta al cinema? Se lo chiedete a un lucano è facile che vi parli del 2017 se non prima. Quanti, in regione, vanno nelle sale a vedere un film almeno una volta all’anno sono in realtà una minoranza, vale a dire il 44,5 per cento del totale e ad approfondire i dati rilevati dall’Istat e pubblicati questa settimana ci vanno anche in modo molto saltuario.
Si potrà osservare che non è uno dei cardini della vita, ma anche in questo piccolo piacere stiamo dietro a tutti gli indici nazionali aggregati del Paese. Sotto il dato italiano, dove in media il 49,6 per cento delle persone con più di sei anni vanno almeno una volta all’anno a cinema, sotto la media meridionale (dove i cinefili sono il 46,8%) e distanti anni luce da altre zone del paese, su tutte il Centro Italia, dove i frequentatori delle sale per film sono esattamente il 10% in più che da noi.
Poco da dire. Un film, magari con bibita e popcorn, da noi è un lusso. È un lusso forse anche economicamente (una famiglia di 4 persone deve farci i conti, specie nel weekend) ma solamente il 14,3 per cento dei lucani che non vanno a cinema dicono che è perché costa troppo (mentre a livello nazionale è la motivazione del 18,1%). E allora emerge con chiarezza che è un lusso soprattutto per trovare una sala. Ad eccezione dei capoluoghi, dove pure la situazione non è rosea ed è stata risollevata solo dall’arrivo delle multisale, negli altri Comuni le presenze (come vediamo meglio nei pezzi accanto) è rara.
Lo dicono, come lo si può dire con i numeri, i «non-spettatori» che in Basilicata alla domanda del perché non sono riusciti a vedere un film in un anno rispondono nel 39,8 per cento dei casi che «nella zona in cui abito non ci sono cinema». La stessa risposta, a livello di media Paese, la dà il 18,2% degli intervistati. E la conferma arriva anche da quei 262mila lucani su 567mila che pure almeno una volta all’anno a cinema ci sono andati: ben il 30,3 per cento confessa che sceglie il film da vedere in base alla facilità di raggiungere la sala mentre solo il 27,5 per cento sceglie prima la pellicola e poi il cinema. Esattamente il contrario di quanto avviene nella generalità del Paese, dove il 32,9 per cento delle persone che vanno a cinema fanno una scelta in base al film che vogliono vedere e il 27,7% limita l’orizzonte tra le sale più facili da raggiungere. E tornando al dato economico, non può tacersi che i lucani sono quelli in Italia che più si lasciano influenzare dal costo del biglietto: il 13,1 per cento di quanti vanno a cinema basano la propria scelta principalmente sul minor costo dell’ingresso, vale a dire ben 5 punti in più rispetto alla media nazionale che è dell’8,3 per cento. Tra le altre motivazioni della scelta, la preferenza per i multisala per il 19,7% dei lucani (il 24,9% degli italiani) e la disponibilità di servizi (5,4 per cento qui, 3,6 nel Paese) oltre a una nicchia di amanti del cinema di essai (1,1% tra i lucani, ossia circa duemila spettatori in tutto, 1,2 a livello nazionale).
Per consolarci c’è da dire che tra chi va a cinema non ci sono meno cultori della materia che nel resto del Paese. Il 7 per cento degli spettatori lucani partecipa a festival e rassegne (mentre a livello nazionale la percentuale è del 5,1), il 2,6 nel parla in blog, community e forum (2,7 la media Paese), il 3,8 frequenta cineclub e cineforum (qui un po’ meno rispetto al 5,2 di media nazionale).
Quanto ai tipi di film più amati (sia in cinema che sul piccolo schermo), le differenze tra i lucani e il resto del Paese non sono tanti. Primeggia la commedia (53,6%) poi film Comici (44,2%) e di Avventura (44,1) qui con lievi differenze sul pubblico di tutt’Italia (rispettivamente 38,9 e 48,6), quindi drammatici (27%), gialli (22,9), cartoni (22,1) e fantasy (20,8) mentre il genere meno amato è quello dei cortometraggi, visti appena da 4mila lucani, l’1,9 per cento del pubblico totale.
Perché i film, comunque, i lucani li amano. Tra le varie regioni d’Italia siamo quella che ne vede di più in Tv. Ben il 70,8 per cento dei lucani dice di vederne uno o più ogni settimana, contro la media nazionale del 62,3% e siamo secondi tra le regioni (alle spalle delle sole Marche) per il consumo di film su smartphone e tablet, con il 7,5% della popolazione che dice di vederne uno o più a settimana (la media nazionale è del 6,3). Questo per togliere ogni dubbio sul fatto che il cinema ci piace e piace ad ogni età. Ma per molti, comunque, resta un lusso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400