Sabato 21 Settembre 2019 | 07:28

NEWS DALLA SEZIONE

Le assunzioni
Concorsi Arpab, assessore ai sindacati: non abbandonate il tavolo

Concorsi Arpab, assessore ai sindacati: non abbandonate il tavolo

 
Ispettorato
Lavoro nero, controlli nel Metapontino: trovati 11 «irregolari»

Lavoro nero, controlli nel Metapontino: trovati 11 «irregolari»

 
Sul raccordo Potenza-Sicignano
Furgone portavalori si schianta sul guardrail nel Potentino: un ferito

Furgone portavalori si schianta sul guardrail nel Potentino: un ferito

 
Tragedia sfiorata
Potenza, in fiamme bus pieno di studenti: tutti illesi, danni a 3 auto

Potenza, in fiamme bus pieno di studenti: tutti illesi, danni a 3 auto

 
A Chiaromonte
In casa fucili e piante di cannabis: arrestato 31enne nel Potentino

In casa fucili e piante di cannabis: arrestato 31enne nel Potentino

 
A Sant'Arcangelo
Piante di marijuana sul terrazzo, arrestato 46enne

Piante di marijuana sul terrazzo, arrestato 46enne

 
La decisione
Concorsi in Regione, giunta dispone scorrimento graduatorie

Concorsi in Regione, giunta dispone scorrimento graduatorie

 
A Londra
Birra lucana bissa titolo campione del mondo

Birra lucana bissa titolo campione del mondo

 
La challenge
Avigliano, avvistata «Samara» nella notte: è arrivata in Basilicata

Avigliano, avvistata «Samara» nella notte: è arrivata in Basilicata

 
A reggio emilia
La birra è troppo fredda, 39enne del Potentino tenta di strangolare una barista

La birra è troppo fredda, 39enne del Potentino tenta di strangolare una barista

 
Le dichiarazioni
AstroSamantha a Potenza, «L'esperienza con la Cina? Molto significativa»

AstroSamantha a Potenza, «L'esperienza con la Cina? Molto significativa»

 

Il Biancorosso

Il match di domenica
Bari, Schiavone out per derby con Francavilla

Bari, Schiavone out per derby con Francavilla

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl rapporto sanità
Umanizzazione ospedali, Bari sul podio con Santa Maria e San Paolo

Umanizzazione cure, Bari sul podio con Santa Maria e San Paolo

 
PotenzaLe assunzioni
Concorsi Arpab, assessore ai sindacati: non abbandonate il tavolo

Concorsi Arpab, assessore ai sindacati: non abbandonate il tavolo

 
FoggiaFinanziato dal Miur
Sanità, il robot «Mario» in corsia a Casa Sollievo: progetto di Exprivia

Sanità, la robotica in corsia e a casa: progetto di Exprivia

 
LecceUN 45enne
Racale, maltrattava la madre: dal divieto di stare a casa passa al carcere

Racale, maltrattava la madre: dal divieto di stare a casa passa al carcere

 
BrindisiDenunciato un uomo
Brindisi, usa abusivamente lampeggiante blu: «Lo facevo per l'autovelox»

Brindisi, usa abusivamente lampeggiante blu: «Lo facevo per l'autovelox»

 
MateraL'iniziativa
Matera 2019, un concerto fra i Sassi con il compositore della musica spettarla

Matera 2019, un concerto fra i Sassi con il compositore della musica spettarla

 
TarantoIl Riesame
Taranto, accolto ricorso ex Ilva: Altoforno 2 resterà acceso

Taranto, accolto ricorso ex Ilva: Altoforno 2 resterà acceso

 
BatL'inchiesta
Barletta, tangenti al carabinieri per l'appalto delle palazzina

Barletta, tangenti al carabinieri per l'appalto delle palazzine

 

i più letti

Indice tra i più bassi d'Italia

Basilicata, il cinema è un lusso: poche strutture e pochi spettatori

Solo il 27,5% di chi va, sceglie prima il film da vedere

sala cinema

L’ultima volta al cinema? Se lo chiedete a un lucano è facile che vi parli del 2017 se non prima. Quanti, in regione, vanno nelle sale a vedere un film almeno una volta all’anno sono in realtà una minoranza, vale a dire il 44,5 per cento del totale e ad approfondire i dati rilevati dall’Istat e pubblicati questa settimana ci vanno anche in modo molto saltuario.
Si potrà osservare che non è uno dei cardini della vita, ma anche in questo piccolo piacere stiamo dietro a tutti gli indici nazionali aggregati del Paese. Sotto il dato italiano, dove in media il 49,6 per cento delle persone con più di sei anni vanno almeno una volta all’anno a cinema, sotto la media meridionale (dove i cinefili sono il 46,8%) e distanti anni luce da altre zone del paese, su tutte il Centro Italia, dove i frequentatori delle sale per film sono esattamente il 10% in più che da noi.
Poco da dire. Un film, magari con bibita e popcorn, da noi è un lusso. È un lusso forse anche economicamente (una famiglia di 4 persone deve farci i conti, specie nel weekend) ma solamente il 14,3 per cento dei lucani che non vanno a cinema dicono che è perché costa troppo (mentre a livello nazionale è la motivazione del 18,1%). E allora emerge con chiarezza che è un lusso soprattutto per trovare una sala. Ad eccezione dei capoluoghi, dove pure la situazione non è rosea ed è stata risollevata solo dall’arrivo delle multisale, negli altri Comuni le presenze (come vediamo meglio nei pezzi accanto) è rara.
Lo dicono, come lo si può dire con i numeri, i «non-spettatori» che in Basilicata alla domanda del perché non sono riusciti a vedere un film in un anno rispondono nel 39,8 per cento dei casi che «nella zona in cui abito non ci sono cinema». La stessa risposta, a livello di media Paese, la dà il 18,2% degli intervistati. E la conferma arriva anche da quei 262mila lucani su 567mila che pure almeno una volta all’anno a cinema ci sono andati: ben il 30,3 per cento confessa che sceglie il film da vedere in base alla facilità di raggiungere la sala mentre solo il 27,5 per cento sceglie prima la pellicola e poi il cinema. Esattamente il contrario di quanto avviene nella generalità del Paese, dove il 32,9 per cento delle persone che vanno a cinema fanno una scelta in base al film che vogliono vedere e il 27,7% limita l’orizzonte tra le sale più facili da raggiungere. E tornando al dato economico, non può tacersi che i lucani sono quelli in Italia che più si lasciano influenzare dal costo del biglietto: il 13,1 per cento di quanti vanno a cinema basano la propria scelta principalmente sul minor costo dell’ingresso, vale a dire ben 5 punti in più rispetto alla media nazionale che è dell’8,3 per cento. Tra le altre motivazioni della scelta, la preferenza per i multisala per il 19,7% dei lucani (il 24,9% degli italiani) e la disponibilità di servizi (5,4 per cento qui, 3,6 nel Paese) oltre a una nicchia di amanti del cinema di essai (1,1% tra i lucani, ossia circa duemila spettatori in tutto, 1,2 a livello nazionale).
Per consolarci c’è da dire che tra chi va a cinema non ci sono meno cultori della materia che nel resto del Paese. Il 7 per cento degli spettatori lucani partecipa a festival e rassegne (mentre a livello nazionale la percentuale è del 5,1), il 2,6 nel parla in blog, community e forum (2,7 la media Paese), il 3,8 frequenta cineclub e cineforum (qui un po’ meno rispetto al 5,2 di media nazionale).
Quanto ai tipi di film più amati (sia in cinema che sul piccolo schermo), le differenze tra i lucani e il resto del Paese non sono tanti. Primeggia la commedia (53,6%) poi film Comici (44,2%) e di Avventura (44,1) qui con lievi differenze sul pubblico di tutt’Italia (rispettivamente 38,9 e 48,6), quindi drammatici (27%), gialli (22,9), cartoni (22,1) e fantasy (20,8) mentre il genere meno amato è quello dei cortometraggi, visti appena da 4mila lucani, l’1,9 per cento del pubblico totale.
Perché i film, comunque, i lucani li amano. Tra le varie regioni d’Italia siamo quella che ne vede di più in Tv. Ben il 70,8 per cento dei lucani dice di vederne uno o più ogni settimana, contro la media nazionale del 62,3% e siamo secondi tra le regioni (alle spalle delle sole Marche) per il consumo di film su smartphone e tablet, con il 7,5% della popolazione che dice di vederne uno o più a settimana (la media nazionale è del 6,3). Questo per togliere ogni dubbio sul fatto che il cinema ci piace e piace ad ogni età. Ma per molti, comunque, resta un lusso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie