Domenica 17 Gennaio 2021 | 11:41

NEWS DALLA SEZIONE

I numeri
Covid, in Basilicata una festa di compleanno a Grumento accende un altro focolaio

Covid, in Basilicata una festa di compleanno a Grumento accende un altro focolaio

 
zona gialla
Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

 
dati regionali
Covid in Basilicata, altri 2 decessi e 89 nuovi contagi (su 790 tamponi): tasso di positività all'11,2%

Covid in Basilicata, altri 2 decessi e 89 nuovi contagi (su 790 tamponi): tasso di positività all'11,2% e trend in aumento

 
L'emergenza
Basilicata, abbattimento cinghiali: sì al piano regionale. Si potranno eliminare 5.600 esemplari

Basilicata, abbattimento cinghiali: sì al Piano regionale. Coldiretti: «C'è altro da fare»

 
sanità
Potenza, cure domiciliari: il Tar boccia il bando lucano

Potenza, cure domiciliari: il Tar boccia il bando lucano

 
L'emergenza
Vaccini anti covid, in Basilicata somministrate 7.261 dosi (52,8%)

Vaccini anti covid, in Basilicata somministrate 7.261 dosi (52,8%). Anci: «Nessuno conosce il piano»

 
la «trovata»
Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

 
Difesa ambiente
No a deposito nucleare: Basilicata e Puglia stabiliscono un percorso comune

No a deposito nucleare: Basilicata e Puglia stabiliscono un percorso comune

 
Il caso
Tempa Rossa, Total lancia app per il monitoraggio ambientale

Tempa Rossa, Total lancia app per il monitoraggio ambientale

 
migranti
Venosa, centro accoglienza Boreano intitolato al bracciante Girasole

Venosa, centro accoglienza Boreano intitolato al bracciante Girasole

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, Auteri: «Contro il Bisceglie saremo spietati»

Bari calcio, Auteri: «Contro il Bisceglie saremo spietati»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLotta al virus
Bari, al Policlinico via al richiamo vaccinale per i primi 30 operatori sanitari

Bari, al Policlinico via al richiamo vaccinale per i primi 30 operatori sanitari

 
PotenzaI numeri
Covid, in Basilicata una festa di compleanno a Grumento accende un altro focolaio

Covid, in Basilicata una festa di compleanno a Grumento accende un altro focolaio

 
LecceL'evento
La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

 
Brindisia S. Michele Salentino
Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

 
MateraL'annuncio
Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

 
TarantoIl caso
Taranto, bimba morta di tumore, la mamma: «Sia fatta giustizia per i nostri figli»

Taranto, bimba morta di tumore, la mamma: «Sia fatta giustizia per i nostri figli»

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 
Foggiaemergenza coronavirus
San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

 

i più letti

Una proiezione dell'Istat

Incidenti stradali, in Basilicata
muore più gente che altrove

Nel 2017 il 3,4 per cento degli incidenti ha avuto une sito mortale: in Italia solo l'18 per cento

Incidenti stradali, in Basilicatamuore più gente che altrove

I lucani muoiono di strade. Sì, di strade, di una viabilità che quando qualcosa va storto non lascia scampo. Non importa se si adottano cautele e stili di guida, morigerati, l’inconveniente è sempre in agguato e quando arriva, su strade come quelle che abbiamo, può essere fatale.

La conferma a quella convinzione popolare che porta i lucani a etichettare come «strada della morte» arterie sparse un po’ ovunque, viene ora dai numeri e precisamente dai dati messi insieme dall’Istat e pubblicati a fine luglio. Dati che, ovviamente, parlano come i numeri sanno fare e mostrano che se la Basilicata ha, in proporzione, un numero di incidenti stradali sensibilmente inferiore a quello del resto del Paese il tasso di mortalità è praticamente lo stesso, ma, a conti fatti, quasi doppio in relazione al numero degli incidenti stradali. Insomma, prudenti alla guida, ma se qualcosa va storto ce la vediamo nera.

E dato che la lezione ce la danno i numeri vediamoli nella loro crudezza. Nel 2017 in Basilicata ci sono stati 848 incidenti, vale a dire 149,5 ogni 100mila abitanti. Nello stesso periodo in Italia si sono contati 174933 incidenti, ossia ben 289,2 ogni 100mila italiani. Nello stesso periodo i lucani hanno avuto 29 incidenti con lutti stradali (5,1 ogni 100mila residenti) mentre in generale il Paese ha contato ben 3.178 incidenti con vittime della strada, ossia 5,2 ogni 100mila residenti. Un rapido conto ci porta a dire che il 3,4 per cento degli incidenti che si sono verificati il Basilicata hanno avuto esito mortale, a fronte dell’1,8% di incidenti con lo stesso tragico esito a livello nazionale, vale a dire ben l’88,2 per cento in più del dato nazionale. E per gli esperti la mortalità in caso di incidente aumenta quando le condizioni in cui si viaggia sono peggiori: è appunto il caso della rete stradale lucana. E se in ogni incidente mortale a livello nazionale ci sono 1,06 vittime (in totale nel 2017 sono state 3.378), in Basilicata se ne contano 1,14 per un totale, nello scorso anno, di 33.

Da tener presente che i dati di base sono assolutamente paragonabili. Perché se la mortalità è stata parametrata al numero dei residenti, c’è un altro dato, quello della dotazione di veicoli, che è assolutamente omogeneo tra Basilicata e Italia, vale a dire quello della consistenza del parco veicolare, che risulta di 0,84 veicoli (tra auto , bus carri moto ecc.) per ogni residente. Per cui la discrepanza non è legata al minor numero di mezzi circolanti, cosa che, ancora una volta, pone la condizione della rete viaria sul banco degli imputati. E poi c’è da dire che nello stesso senso ancora più depone il dato di un minor peso percentuale degli incidenti in Basilicata rispetto al resto del Paese.

Detto ciò va comunque evidenziato come nel corso degli anni la sicurezza della circolazione stradale sia generalmente migliorata e (ancora a conferma di quanto detto prima) come il 2017 sia ben altro che un anno nero per la mortalità stradale lucana con un calo di oltre il 27% degli incidenti con vittime rispetto all’anno precedente (ce ne erano stati 40) e in generale un calo del 10 per cento di incidenti. Un dato che si conferma nel lungo periodo, con gli incidenti mortali che rispetto al 1996, primo anno monitorato dall’Istat, calano del 36 per cento anche a fronte di un aumento del 15 per cento del numero degli incidenti. Ancora una riprova che i miglioramenti stradali hanno prodotto frutti in termini di vite umane. Ma, evidentemente, non basta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie