Mercoledì 12 Dicembre 2018 | 18:42

GDM.TV

Il marchio del Bifest e le strategie di Emiliano sul festival del cinema

BARI - Il marchio è suo, ma lo paghiamo noi. È incredibile eppure è così: il marchio «Bif&st», il festival del cinema che la Regione finanzia con i fondi europei, è di proprietà del critico e fondatore Felice Laudadio che ogni anno lo concede in licenza. Ottenendo un contratto da direttore artistico grazie a cui dispone a proprio piacimento dei soldi pubblici.

È un po’ come se il marchio del festival del cinema di Venezia non fosse della Biennale ma del suo direttore, o se la Federtennis non possedesse il logo degli Internazionali d’Italia. Ma in Puglia, grazie all’ultimo decennio di gestione della cultura, hanno tutti fatto finta di niente. Immemori - ad esempio - di vecchie esperienze simili, in cui alla fine la Regione si è dovuta far carico di tutte le spese.

Va dunque spiegato il perché Michele Emiliano, normalmente abituato a piallare tutto ciò che non è passato dalle sue mani, ha deciso di firmare un accordo quinquennale con Laudadio. L’atto approvato dalla giunta e poi sottoscritto prevede la concessione del marchio «Bif&st» alla Regione per le edizioni dal 2016 al 2020, in cambio dell’incarico da direttore artistico a Laudadio, da affidare però (a differenza di quanto è stato detto) «per ciascuna annualità», cioè volta per volta. Ma con compensi «che non potranno essere inferiori a quanto previsto per l’edizione del 2016» (circa 73mila euro lordi).

Non sono in discussione né la competenza né l’esperienza di Laudadio, uno dei più importanti direttori di festival in Italia. Ma la situazione in cui si trova ogni anno la Regione è quantomeno bizzarra: anche perché difficilmente il padrone del «Bifest» troverebbe un privato disposto a farsi carico del milione di euro necessario a organizzare il festival. Emiliano spera ora di convincere Laudadio (che ha già 71 anni) a cedere il marchio alla Regione, tra 5 anni. Diversamente la soluzione è già pronta ed è pure banale: basta cambiare nome al festival. Strano che nessuno ci abbia mai pensato. [m.s.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Strasburgo: gli spari, i morti, i blitz, la gente in fuga

Strasburgo: gli spari, il morto, i blitz, la gente in fuga

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi  
Sindaco: «Indagheremo»

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO

 
Cristina, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la ciabattina

Cristina, 37 anni, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la «ciabattina»

 
Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

 
Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive