Giovedì 26 Novembre 2020 | 05:37

NEWS DALLA SEZIONE

L'annuncio
Nichi Vendola torna poeta

Nichi Vendola torna a scrivere poesie

 
l'iniziativa
Bari, violenza donne: numeri di emergenza su buste farmacie e confezioni pizze

Bari, violenza donne: numeri di emergenza su buste farmacie e confezioni pizze

 
25 novembre
Bari calcio, videospot dei biancorossi contro violenza sulle donne

Bari calcio, videospot dei biancorossi contro violenza sulle donne

 
Il virus
Covid, lo sfogo di un anestesista: il terrore, il silenzio e quegli sguardi che ti chiedono aiuto

Covid, lo sfogo di un anestesista: il terrore, il silenzio e quegli sguardi che ti chiedono aiuto

 
fra progetti e sfide
Puglia militare, Matarrese dà il via ai lavori per i nuovi F-35 a Brescia

Puglia militare, Matarrese dà il via ai lavori per i nuovi F-35 a Brescia

 
Il video
Da Parigi a Tokyo: Dior accende le luminarie salentine in giro per il mondo. L'elogio di Emiliano

Da Parigi a Tokyo: Dior accende le luminarie salentine in giro per il mondo

 
L'evento
Vela, sarà Taranto a ospitare la prima tappa europea della SailGP 2021

Vela, sarà Taranto a ospitare la prima tappa europea della SailGP 2021

 
mobilità sostenibile
Lecce, dipendenti Comune a lavoro in monopattino: tariffe speciali nei prossimi giorni

Lecce, dipendenti Comune a lavoro in monopattino: tariffe speciali nei prossimi giorni

 
La curiosità
Nuova sfida delle Grotte di Castellana i turisti saranno «presi per la gola»

Nuova sfida delle Grotte di Castellana i turisti saranno «presi per la gola»

 
il libro
Biccari, gli scavi archeologici tra i pozzi per l'estrazione del metano

Biccari, gli scavi archeologici tra i pozzi per l'estrazione del metano

 
Ostaggi Selvaggi
Flavia Pennetta, «Non torno al tennis scelgo i figli»

Flavia Pennetta, «Non torno al tennis scelgo i figli»

 

Il Biancorosso

25 novembre
Bari calcio, videospot dei biancorossi contro violenza sulle donne

Bari calcio, videospot dei biancorossi contro violenza sulle donne

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatAveva 79 anni
Covid, morto ad Andria Rettore Santuario SS. Salvatore

Covid, morto ad Andria ex rettore Santuario SS. Salvatore

 
LecceSalento
Presicce, sigilli a depuratore: convertito senza autorizzazione

Presicce, sigilli a depuratore: convertito senza autorizzazione

 
Covid news h 24l'appello
Covid in Basilicata, governatore chiede ad Arcuri screening di massa

Covid in Basilicata, governatore chiede ad Arcuri screening di massa

 
Tarantoagricoltura
Taranto, crisi settore clementine: cambiamenti climatici hanno inciso sulla produzione

Taranto, crisi settore clementine: cambiamenti climatici hanno inciso sulla produzione

 
Covid news h 24sanità
Altamura, completata riconversione ospedale: guariti e dimessi i primi 12 pazienti dall’area Covid

Altamura, completata riconversione ospedale: guariti e dimessi i primi 12 pazienti dall’area Covid

 
Brindisiindagini dei CC
Oria, ricercato da aprile, si era nascosto in un «bunker» per sfuggire alla cattura: arrestato 46enne

Oria, ricercato da aprile, si era nascosto in un «bunker» per sfuggire alla cattura: arrestato 46enne

 
Matera25 novembre
Basilicata, in aumento i reati di genere: soprattutto maltrattamenti e violenze sessuali

Basilicata, in aumento i reati di genere: soprattutto maltrattamenti e violenze sessuali

 

i più letti

La testimonianza

Risuona la voce di Wojtyla per il suo «Popolo diletto»: la memoria è in un libro

L’appassionato volume documentaristico di Cristofaro consegna oggi alla comunità il ricordo di una giornata storica

Risuona la voce di Wojtyla per il suo «Popolo diletto»: la memoria è in  un libro

«L’arcivescovo, essendo arcivescovo di Taranto, sempre insisteva Martina Franca, Martina Franca… ». Le parole sono quelle di Giovanni Paolo II. È la citazione-aneddoto del libro di Ottavio Cristofaro Popolo Diletto, che svela il retroscena della visita che Papa Giovanni II compì nella città della Valle d’Itria il 29 ottobre 1989. Esattamente trentuno anni fa.

La memoria zampilla attraverso l’opera pubblicata da Posa Edizioni, in cui Cristofaro, giornalista de La Gazzetta del Mezzogiorno, coltiva una testimonianza documentaristica dell’evento. A scolpirlo per sempre sulla pietra della comunità martinese vi è la lapide sotto l’arco di Santo Stefano che è l’imbocco per la bomboniera antica, dove la Papa mobile «ebbe una piccola esitazione» nell’attraversarlo, ma fu l’allora arcivescovo De Giorgi di Taranto (che il giorno prima il pontefice abbracciò) a incoraggiare il passaggio di Wojtyla in quella piazza XX Settembre dove concluse il suo approdo con un discorso che Cristofaro consegna totalmente ai lettori.

La titubanza dell’autista di Giovanni Paolo II nell’attraversare il passaggio tra la nuova e vecchia Martina, nel libro viene palesata da una delle tante testimonianze raccolte dall’autore, che è quella dell’allora vicario foraneo don Michele Castellana, a capo della complessa organizzazione della visita. Tra i racconti di quella tappa, tra le pieghe di un libro illuminato dagli scatti del decano Benvenuto Messia (a partire dalla copertina: uno dei primi esperimenti di fotomontaggio), vi è anche quello dell’ex sindaco Franco Punzi. Il suo pensiero è rivolto a monsignor De Giorgi, divenuto poi cardinale, il quale volle «tenacemente questa visita» è scritto nel volume di Cristofaro, che pubblica il manifesto che annunciava l’arrivo di Giovanni Paolo II.

«La comunità civile, quelle religiose, le istituzioni, in particolare il mondo agricolo e artigianale, specifico destinatario della venuta del Papa, trarranno motivo di rinnovato impegno per rinsaldare gli autentici valori morali e religiosi che hanno caratterizzato da sempre la città di Martina». Le parole affisse risuonano nella mente di Punzi che, nel trentennio della «memoria papale», celebrato nel 2019 nella biblioteca comunale, come riportato da Cristofaro nel libro, svelò un particolare sulla scritta marchiata sull’arco di Santo Stefano: «La delibera che adottammo per l’installazione di questa lapide fu mandata due volte al comitato di controllo che la bocciò. Ma noi ci autotassammo, è vero? - rivolgendosi all’ex consigliere regionale Antonuccio Silvestri - e pagammo di tasca nostra la lapide. Ma fu un piacere, perché ci ha portato fortuna».

Il presidente del Festival della Valle d’Itria, che nel giorno della visita di Wojtyla non era più sindaco (a causa di una crisi politica, al suo posto un giovane reggente Stefano Casavola), nel 2000, anno del Giubileo, ricevette dall’allora santo padre il riconoscimento di commendatore dell’ordine di San Gregorio Magno. Accadde undici anni dopo la tappa martinese, che la comunità locale poi restituì al Pontefice. In quella occasione Giovanni Paolo

II si rivolse a Punzi, promettendogli le sue preghiere e dicendogli: «Mi ricorderò di lei»! Così accadde con quella nomina istituzionale.
Dalle colonne del suo libro, Cristofaro fa emergere un altro particolare, che svela il cuore dell’allora comunità tessile, emblema dell’artigianato, ora attanagliato dalla crisi. La notizia emerge dalla testimonianza di don Michele Castellana circa l’entusiasmo dei produttori del tempo i quali, coinvolti nella donazione al Pontefice (a cui la città intitola anche il suo palasport), dopo una prima adesione di tremila pezzi, arrivarono a fruttare un totale di settemila nuovi capi di abbigliamento che giunsero a Roma «tra lo stupore e la gioia dei funzionari del Vaticano che ne disposero la distribuzione in ogni parte del mondo». Tale notizia rammenta l’allora florido momento di Martina Franca, «fiore all’occhiello dello sviluppo nel sud Italia, spinta da un’economia forte su cui primeggiava un manifatturiero in crescita esponenziale» scrive nel libro Cristofaro. La sua opera documentaristica affonda le radici quando l’autore aveva tre anni.

Era l’età in cui il Papa venne a fare visita alla sua città. «… quel giorno piansi, e pure tanto. Implorai mio padre di portarmi con sé in piazza, nella folla, tra la gente, come sempre». Difficile, scrive l’autore, avere contezza precisa dei concittadini che accolsero il Papa polacco al suo arrivo da Taranto dove il giorno prima aveva illuminato i giovani nell’epico incontro allo stadio «Iacovone», dopo essere approdato nel capoluogo a bordo della bave traghetto «Tarantola», custode della tradizione arsenalotta.

Quella del Papa, il 28 e 29 ottobre 1989, fu «una grande seminagione di bene» testimonia l’allora parroco della Basilica di San Martino don Franco Semeraro, coinvolto nell’organizzazione dell’epoca, il quale consegna al giornalista il suo quadro di Wojtyla: «Un Papa che guardava lontano, che invitava anche noi a guardare lontano con lui». Calvalcando trepidamente quella visione sacrale, 31 anni dopo la visita di colui che poi sarebbe stato riconosciuto Santo (nel 2014), il Cristofaro adulto scrive un volume documentaristico intriso di umanità. La sua opera è la naturale conseguenza di un talento giornalistico. Popolo Diletto infatti trae ispirazione dal docufilm «Il Papa a Martina Franca», redatto e diretto da Cristofaro in occasione del venticinquennale della famosa visita. La pellicola celebrativa che l’autore confeziona con la sua esperienza televisiva, proviene dal documento straordinario lasciatogli in eredità dal padre che, il 29 ottobre 1989, riprese la visita del Papa con la sua amata telecamera. Il lascito, adesso, è consegnato dallo scrittore alla comunità. Leggere la sua opera fa sentire Piazza XX Settembre ancora adesso amata da Giovanni Paolo II.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie