Giovedì 06 Agosto 2020 | 08:59

NEWS DALLA SEZIONE

L'evento
Giorgio Panariello, rinviato il tour in Puglia: ecco le date del 2021 a Bari e Lecce

Giorgio Panariello, rinviato il tour in Puglia: ecco le date del 2021 a Bari e Lecce

 
L'evento
«La Madonna piange sangue» preghiere intorno alla statua a Carmiano

«La Madonna piange sangue» preghiere intorno alla statua a Carmiano

 
l'appuntamento
«Prima che dimentico tutto»: speciale serata ad Andria con Vincenzo Mollica

«Prima che dimentico tutto»: speciale serata ad Andria con Vincenzo Mollica

 
cinema
Bif&st: a Bari arriva Benigni, 150 eventi dal 22 al 30 agosto

Bif&st: a Bari arriva Benigni, 150 eventi dal 22 al 30 agosto

 
LA STORIA
Regala ai vip di Puglia le maglie anni'80 create da lui

Bari, regala ai vip di Puglia le maglie anni'80 create da lui

 
IL PROGETTO
Andria, discobook niente più attese

Andria, ecco «Discobook»: niente più attese per entrare nei locali, l'idea di uno studente

 
il video
Bari, l'appello di Decaro: «Non lasciamo soli gli amici cani»

Bari, l'appello di Decaro: «Non lasciamo soli gli amici cani»

 
libri
Paolo Stella porta il suo «Per Caso» in Puglia: a Savelletri non mancano le sorprese

Paolo Stella porta il suo «Per Caso» in Puglia: a Savelletri non mancano le sorprese

 
IL PROGETTO
Scamarcio alla Regione Puglia: «Ho scoperto la grandezza di Moro»

Scamarcio alla Regione Puglia: «Ho scoperto la grandezza di Moro»

 

Il Biancorosso

serie c
Bari, quanta folla agli arrivi: centrocampo da ridisegnare

Bari, quanta folla agli arrivi: centrocampo da ridisegnare

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoLe nuove professioni
Taranto, firmato protocollo per formare i «manager» del turismo del mare

Taranto, firmato protocollo per formare i «manager» del turismo del mare

 
MateraAllarme covid 19
Ferrandina, altri 10 migranti in fuga dal centro di accoglienza: hanno violato la quarantena

Ferrandina, altri 10 migranti in fuga dal centro di accoglienza: hanno violato la quarantena

 
BariIl caso
In due sul monopattino a Bari: filmati e multati dalla Polizia 

In due sul monopattino a Bari: filmati e multati dalla Polizia

 
PotenzaL'ufficialità
Nasce la prima facoltà di Medicina in Basilicata: firmato l'accordo. Bardi: «Traguardo storico»

Nasce la prima facoltà di Medicina in Basilicata: firmato l'accordo. Bardi: «Traguardo storico»

 
LecceIl caso
È ufficiale: l'animale che si aggirava sulle spiagge del Salento è un lupo

È ufficiale: l'animale che si aggirava sulle spiagge del Salento è un lupo

 
FoggiaL'iniziativa
Braccianti morti a Foggia: un'opera per ricordare le vittime del caporalato

Braccianti morti a Foggia: un'opera per ricordare le vittime del caporalato

 
BatIl caso
Covid 19, anziana torna positiva in Rsa di Andria: tutti negativi i dipendenti

Covid 19, anziana torna positiva in Rsa di Andria: tutti negativi i dipendenti

 
BrindisiAMBIENTE
Brindisi, in un solo mese i Cc scoprono 18 discariche abusive

Brindisi, in un solo mese i Cc scoprono 18 discariche abusive

 

i più letti

l'Intervista

Crediamo al futuro e ci sveglieremo: parla Marco Tronchetti Provera, che sostiene «Il Libro Possibile»

Senza lettura non si cresce: così l'amministratore delegato e vicepresidente Pirelli

Crediamo al futuro  e ci sveglieremo

Incontriamo Marco Tronchetti Provera appena arrivato in Puglia, a Polignano a Mare, per la serata del Festival «Il Libro Possibile»: l'uomo che crede saldamente nel futuro guarda lo scorcio infinito di mare oltre l'incanto del centro storico arroccato sugli scogli e s'inonda di speranza, dicendo «Ricominciamo dalla fiducia, recuperiamo l'opportunità che questi mesi terribili ci consegnano». Amministratore delegato e vicepresidente esecutivo del Gruppo Pirelli, Tronchetti Provera è stato protagonista con Walter Veltroni e Marco Tardelli della grande serata del Festival sostenuto per il terzo anno da Pirelli insieme alla Regione Puglia e coordinato da Rosella Santoro. Crisi, Sud, pandemia e sport sono i temi di questa intervista che non poteva non partire dall'icona di questo Festival: il libro.

La lettura, i dialoghi con gli autori e la cultura come impresa: crede anche in questo futuro? 

«Ci credo eccome. Questo appuntamento di Polignano è importante perché rimette al centro chi scrive e chi riflette: non riesco a immaginare una formazione senza libro e sono convinto del fatto che un Paese cresce in modo equo se la sua educazione culturale è adeguata. Per questo, visto che mi chiedeva del “mecenatismo”, credo che sia necessario coglierne le opportunità, in modo che ciascuna impresa, in base alle possibilità possa fornire il suo supporto, dando così un contributo alla formazione “in toto” del Paese».

Lo Stato fa o non fa abbastanza per la cultura?

«Da decenni il mondo della cultura vive sorti alterne e a volte la ricerca di consenso non aiuta a fare le scelte giuste che sono invece legate a una progettualità».

La crisi e la pandemia non aiutano...

«Sì e ancora di più è importante avere pochi progetti concreti che riguardino la formazione nelle scuole e nelle università, e poi investire a supporto della straordinaria energia creativa degli italiani. Guardi, noi raccontiamo sempre il nostro Paese in negativo e facciamo male. Dobbiamo invece fare in modo che possano liberarsi le energie positive dell'Italia, alimentate anche da una creatività e da una bellezza paesaggistica uniche al mondo».

Occasioni che spesso la politica non coglie abbastanza?

«Ignoriamo da tempo quello che il Paese a volte vorrebbe, gli investimenti e i progetti giusti capaci di farlo crescere. Vince la superficialità e l’approssimazione, soprattutto in certa politica. Si sceglie di comunicare a colpi di tweet che volano via come farfalle, senza lasciare traccia. Pensieri che non fanno certamente la storia e a volte neppure la cronaca. Puntano solamente a fare leva sugli istinti. Anche per questo il libro e la cultura, che implicano profondità e capacità di analisi, sono fondamentali».

Intanto la Cina avanza, anche nonostante il virus. Cosa pensa di chi dice che l'egemonia economica rischia di orientalizzare l'Europa?

«Si vive molto meglio in Italia, ci mancherebbe. Io dico che il progetto di rilancio, anche dopo la catastrofe della pandemia, ci ha fatto capire la straordinaria forza dell'Europa. Tutto quello che è accaduto ha spiazzato anche gli antieuropeisti. Questo momento può essere un’occasione unica: dobbiamo porci come soggetti, non certo come vassalli. Punto fondamentale è spendere bene le risorse che arriveranno dalla UE, avere progetti concreti e cogliere l'opportunità per ricominciare».

Come ha vissuto il lockdown?

«Lavorando più di prima, rivedendo le scelte di fronte ad un mondo che all'improvviso pareva restringersi. Lei prima accennava al rapporto tra digitale e carta stampata: ecco, durante i mesi caldi della pandemia la gente ha ritrovato fiducia nei giornali, nelle firme autorevoli, ascoltando meno chi fa leva sull’odio e le paure attraverso i social media e il web».

Calcio: parliamo di Inter.

«Ha una domanda di riserva? Con un battuta le dico che il futuro lo vedo benissimo, il presente non lo commento».

E il futuro del Sud?

«Su questo sono fiducioso: come dicevo, ripartendo da progetti di breve e medio termine si può superare la disattenzione degli ultimi decenni. Le radici della cultura sono qui a Sud, il Centro di Studi Crociani è a Napoli, il Mezzogiorno ha un grande potenziale, anche dal punto di vista lavorativo, che deve contribuire a destare orgoglio per l’Italia. Il Sud deve poter avere l'occasione giusta per mostrare le sue capacità, la sua energia e quella potenzialità positiva che dobbiamo tutti riscoprire per ricostruire il nostro Paese».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie