Domenica 29 Maggio 2022 | 09:55

In Puglia e Basilicata

Edizione 2022

Oscar, a sorpresa vince «Coda», remake di un film francese

Oscar, a sorpresa vince «Coda», remake di un film francese

Zelensky non appare, Will Smith sferra un pugno a Chris Rock

28 Marzo 2022

Michele Anselmi

È andata così, alla fine. Benché favorito dalle indiscrezioni, il presidente Zelensky non è “apparso” alla 94ª Notte degli Oscar, ma è come se avesse vinto lo stesso la sua personale statuetta di statista in t-shirt militare, una sorta di “american hero”. Tutta la faccenda della guerra, dopo la sparata del presidente Biden sul "macellaio" Putin, s’è risolta in un minuto di silenzio, alla faccia di Sean Penn che aveva chiesto il boicottaggio della serata, senza la presenza video di Zelensky e con un discorsetto dell’attrice Mila Kunis di origini ucraine. Will Smith ha sferrato in diretta uno schiaffone al comico Chris Rock perché aveva ironizzato sull’alopecia della consorte Jada Pinkett-Smith, aggiungendo ad alta voce dalla platea: “Tieni fuori da quella cazzo di bocca il nome di mia moglie”. L’Italia non ha beccato nulla, ma era prevedibile che “È stata la mano di Dio” di Paolo Sorrentino non gliela avrebbe fatta alla voce “miglior film internazionale”, cioè non girato in inglese (peccato invece per il costumista di “Cyrano” Massimo Cantini Parrini).

E i premi principali, quelli che pesano? A sorpresa, ma nemmeno tanto, ha vinto “I segni del cuore. Coda”, della regista Siân Heder, remake americano di un bel  francese del 2014, “La famiglia Bélier” di Eric Lartigau. Tre statuette: miglior film, migliore
sceneggiatura non originale (ti credo), miglior attore non protagonista. Lo si può vedere da qualche giorno su Apple tv e Sky, ma uscirà comunque il sala il 31 marzo con Eagle Pictures: racconta la storia toccante di una ragazza diciassettenne, figlia di pescatori sordomuti del Massachusetts (lei è l’unica udente in famiglia), che scopre una vocazione travolgente per il canto e alla fine riuscirà a coronare il suo sogno grazie all’aiuto di un maestro deciso ad aiutarla.  In molti l’hanno definito “stucchevole”, ma ai giurati dev’essere molto piaciuto.

Jane Campion, data per favorita con “Il potere del cane”, s’è dovuta accontentare della statuetta per la migliore regia, sempre un premio pesante nella gerarchia hollywoodiana; e comunque ha avuto la meglio su colleghi come Kenneth Branagh per “Belfast”, Steven Spielberg per “West Side Story”, Péaul Thomas Anderso per “Licorice Pizza” e Ryûsuke Hamaguchi per “Drive My Car”. Quest’ultimo, giapponese, s’è aggiudicato l’Oscar per il miglior film straniero, e francamente era difficile non attribuirglielo, per quanto è bello, profondo e toccante, con tutto l’affetto e la stima che pure si devono al candidato italiano Sorrentino.

Sul fronte degli interpreti, maschili e femminili, la distribuzione dei premi è risultata assai ragionata, con una vena di politicamente corretto: il nero Will Smith per “King Richard. Una famiglia vincente” e la bianca Jessica Chastain per “Gli occhi di Tammy Faye” migliori attori protagonisti, l’italo-portoricana Ariana DeBose per “West Side Story” e il bianco sordomuto Troy Kotsur per “I segni del cuore. Coda”. La cronaca registra, a parte il cazzotto di Smith al collega, in un primo tempo scambiato da tutti per una “gag” preparata, la battuta velenosetta di Amy Schumer, una delle tre presentatrici, insieme a Regina Hall e Wanda Sykes: “Quest’anno l’Academy ha voluto tre donne sul palco, costano meno di un uomo”. Naturalmente Smith alla fine s’è scusato, definendosi “un messaggero d’amore”, ma nel frattempo il pugno aveva fatto il giro del mondo.

Chi ha perso e chi ha vinto? Di sicuro Kenneth Branagh si aspettava qualcosa di più per il suo autobiografico “Belfast”, girato in bianco e nero e accolto dovunque bene sul piano commerciale (anche in Italia dove “gareggia” con “Assassinio sul Nilo” diretto dallo stesso Branagh); e un po’ dispiace – dispiace a me - che Spielberg, autore di uno splendido remake di “West Side Story”, tutt’altro che calligrafico, sia stato così relegato ai margini dai giurati dell’Academy Awards, magari anche per un fatto anagrafico oltre che per la carriera luminosa alle spalle. Quanto agli estimatori sfegatati di Paul Thomas Anderson, il suo divagante “Licorice Pizza”, oggetto di un culto cinefilo abbastanza smodato, mi pare non avesse reali chance di vittoria nell’attuale tornata.

Tutti i premiati

Miglior film
I segni del cuore (Coda)

Miglior regia
Jane Campion (Il potere del cane)

Miglior attore
Will Smith (King Richard. Una famiglia vincente)

Miglior attrice
Jessica Chastain (Gli occhi di Tammy Faye)

Miglior attrice non protagonista
Ariana DeBose (West Side Story)

Miglior attore non protagonista
Troy Kotusr (Coda)

Miglior film internazionale
Drive my car di Ryûsuke Hamaguchi

Miglior sceneggiatura originale
Kenneth Branagh (Belfast)

Miglior sceneggiatura non originale
Siân Heder (I segni del cuore. Coda)

Miglior documentario
Summer of Soul (...Or, When the Revolution Could Not Be Televised) di Ahmir Questlove Thompson, Joseph Patel, Robert Fyvolent e David Dinerstein

Migliori costumi
Jenny Beavan (Cruella)

Miglior fotografia
Greig Fraser (Dune)

Migliori effetti speciali
Paul Lambert, Tristan Myles, Brian Connor e Gerd Nefzer (Dune )

Miglior film di animazione
Jared Bush, Byron Howard, Yvett Merino e Clark Spencer (Encanto)

Miglior canzone
No Time to Die (No Time to Die), Billie Eilish, Finneas O’Connell

Miglior sonoro
Dune

Miglior montaggio
Joe Walker (Dune)

Miglior colonna sonora
Hans Zimmer (Dune)

Miglior scenografia
Patrice Vermette e Zsusanna Sipos (Dune)

Miglior trucco e acconciatura
Linda Dowds, Stephanie Ingram e Justin Raleigh (Gli occhi di Tammy Faye)

Miglior corto animato
The Windshield Wiper

Miglior corto live action
The Long Goodbye

Miglior corto documentario
The Queen of Basketball

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725