Venerdì 21 Settembre 2018 | 21:09

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Taralli, genuinità da export

Fiore di Puglia:
evoluzione a tutto tondo

La storia di un'azienda di successo che ebbe le sue origini a Corato 25 anni fa

Produzioni lavorate a mano come una volta dalle materie prime del posto: dal grano, al vino e all'olio vergine d'oliva. Le linee più «moderne»: i multi cereali, i «Gruten Free», quelli dolci (cioccolato e limone) o con pomodoro e origano

UNA FAMIGLIA-UN'AZIENDA - Tommaso Fiore con le sorelle e il fratello

UNA FAMIGLIA-UN'AZIENDA - Tommaso Fiore con le sorelle e il fratello

La storia della Fiore di Puglia, a Corato, comincia da lontano e affonda le sue radici in un’antica tradizione familiare, da sempre dedita all’arte della panificazione. Ci aiuta a ricostruirla Tommaso Fiore che con il padre Giuseppe e i suoi tre fratelli formano gli affiatati protagonisti dell’azienda di famiglia.

«Nel secondo dopo guerra - racconta - mio nonno, cui non mancavano passione e ingegno, si inventò la distribuzione porta a porta del pane ancora caldo, che egli stesso consegnava in bicicletta dopo averlo sfornato.

Erano altri tempi: il pane era per tutti considerato un bene prezioso, un bene di primissima necessità.

Il pane con un po’ d’olio o il pane in acqua e sale, era la pietanza più ricca che se si potesse desiderare. Il panificio sito a Corato, in poco tempo, si sviluppò sempre più, diventando un sinonimo di fragranza e bontà per la gente del posto. Poco a poco la produzione si estese alle varie specialità pugliesi: dalla pasta fresca ai primi sostituti del pane, fra i quali i tarallini, che si facevano su un tavolo di legno attorno al quale sei persone intrecciavano a mano la pasta, immergendola poi nell’acqua calda a circa 90/95 gradi.

La bollitura, importantissima, serviva a conferire la giusta friabilità al tarallo, attribuendogli quel gusto così unico. Solo il tarallo che saliva a galla dal calderone aveva raggiunto la giusta bollitura e poteva essere messo ad asciugare: era quello il segreto!».

Il punto di partenza verso una specializzazione e l’ampliamento del mercato?

«Sì. Ad un certo punto mio padre Giuseppe Fiore si accorse che la piccola produzione dei tarallini non bastava più a soddisfare la richiesta sempre maggiore dei clienti e pertanto decise di specializzarsi e dedicarsi esclusivamente alla produzione di taralli. Fu così che 25 anni fa, forte della sua intuizione e della sua intraprendenza, decise di aprire un piccolo stabilimento che ha visto nascere e crescere una realtà imprenditoriale importante, leader nel settore del tarallo e dei prodotti da forno».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

GDM.TV

Tuffi dalla scogliera, la finale a Polignano: lo spot è virale

Tuffi dalla scogliera, la finale a Polignano: lo spot è virale VD

 
Bari, arsenale d'armi sepolto nel terreno :sequestrate 6 pistole e 100 munizioni

Bari, scoperto arsenale sepolto in un terreno sulla statale 100 VIDEO

 
Palagiustizia, l'affondo di Bonafede«Falsità le accuse contro di me»

Palagiustizia, l'affondo di Bonafede
«Falsità le accuse contro di me»

 
Gli studenti del Poliba creano la PC5 2018 EVO: ecco la monoposto da corsa

Bari, la nuova monoposto da corsa
creata dagli studenti del Politecnico

 
I campioni di tuffi si sfidano a Polignano: in arrivo la Red Bull Cliff Diving

I campioni di tuffi si sfidano a Polignano: ecco la Red Bull Cliff Diving

 
La droga dal Marocco a Pisa per lo spaccio in tutta Italia fino a Bari

La droga dal Marocco a Pisa per lo spaccio in tutta Italia fino a Bari

 
Pesca a strascico, il grande fratello inchioda 11 barche: in cella comandante di peschereccio

Pesca a strascico, multate 11 barche
in cella comandante di peschereccio

 
Fiera: gli spazi più amati dai 260mila visitatori, Toti e Tata e l'allenamento "military style" con l'esercito

Fiera: 260mila visitatori, Toti e Tata e l'allenamento «military style»

 

PHOTONEWS