Lunedì 22 Luglio 2019 | 17:49

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Ambiente, sopralluogo assessore Basilicata su spiagge del Metapontino

Ambiente, sopralluogo assessore Basilicata su spiagge del Metapontino

 
Il convegno
Confindustria, Boccia a Matera: «Siamo la seconda manifattura d’Europa»

Confindustria, Boccia a Matera: «Siamo la seconda manifattura d’Europa»

 
Il progetto
Huwaei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

Huawei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

 
Heroes Pride
Matera si prepara al suo primo Pride tra attese e polemiche

Matera si prepara al suo primo Pride tra attese e polemiche

 
Nel Materano
Ricercato in Kazakistan, polizia lo arresta in vacanza a Policoro

Ricercato in Kazakistan, polizia lo arresta in vacanza a Policoro

 
dalla Polizia stradale
Sfruttava 5 albanesi irregolari come braccianti: denunciato 61enne nel Materano

Sfruttava 5 albanesi irregolari come braccianti: denunciato 61enne nel Materano

 
L'omicidio
Pastore nel Materano, killer condannato a 26 anni di carcere

Pastore ucciso nel Materano, killer condannato a 26 anni

 
Una coppia di 31enni
Matera, vendevano cocaina ed eroina ai tossici della città, compresi minorenni: 2 arresti

Matera, vendevano cocaina ed eroina ai tossicodipendenti della città, compresi minori: 2 arresti

 
I dati
Matera, boom di turisti già nel 2018

Matera, boom di turisti già nel 2018

 
Il caso
Fiamme nelle campagne del Materano: distrutti 50 ettari

Fiamme nelle campagne del Materano: distrutti 50 ettari di bosco

 

Il Biancorosso

IL CALENDARIO
Bari, ecco i prossimi impegnidal Pisa alla coppa Italia

Bari, ecco i prossimi impegni: dal Pisa alla coppa Italia

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl ripascimento
Monopoli, la spiaggia di Cala Porta Vecchia come a Dubai

Monopoli, la spiaggia di Cala Porta Vecchia come a Dubai

 
MateraIl caso
Ambiente, sopralluogo assessore Basilicata su spiagge del Metapontino

Ambiente, sopralluogo assessore Basilicata su spiagge del Metapontino

 
FoggiaSanità
Foggia sanità service, Emiliano: «firmati 150 contratti di lavoro a tempo indeterminato»

Foggia, Sanità Service: firmati 150 contratti di lavoro a tempo indeterminato

 
GdM.TVIl video
La bellezza della cattedrale di Trani vista dall'alto in mongolfiera

La bellezza della cattedrale di Trani vista dall'alto in mongolfiera

 
TarantoPer lo stabilimento di Taranto
ArcelorMittal, riunita oggi la task force sulla sicurezza

ArcelorMittal, riunita oggi la task force sulla sicurezza

 
LecceMusica
Ghemon arriva a Pescoluse, unica tappa salentina del rapper

Ghemon arriva a Pescoluse, unica tappa salentina del rapper

 
PotenzaDalla Polizia Locale
Basilicata, spiagge sicure: più di duemila beni sequestrati

Basilicata, spiagge sicure: più di duemila beni sequestrati

 
BrindisiNel Brindisino
San Donaci, maltratta la moglie malata davanti al figlio minore: arrestato 51enne

San Donaci, maltratta la moglie malata davanti al figlio minore: arrestato 51enne

 

i più letti

a matera

La Martella, quella discarica
è una vera bomba ecologica

discarica La martella a matera

MATERA - «La discarica di La Martella è una bomba ecologica pronta ad esplodere». Il Movimento 5 Stelle non ha dubbi sull’impianto cittadino ed interviene dopo che l’Arpab, l’azienda speciale della Regione Basilicata che si occupa del monitoraggio ambientale, halanciato un nuovo allarme sui valori di metalli pesanti e inquinanti vari riscontrati nella discarica dismessa.
«Il pericolo, che ormai sembra accertato dagli ultimi rilevamenti effettuati a novembre dello scorso anno - sostengono i pentastellati - è che le acque di falda nei pressi dell’area siano irrimediabilmente inquinate. È il secondo allarme nel giro di pochi mesi lanciato dall’Arpab, già a seguito della prima segnalazione pervenuta, il Comune di Matera avrebbe dovuto inviare i suoi controdati per confermare o smentire le analisi condotte, dati a quanto pare non inviati (e chissà se mai prodotti) nonostante le numerose sollecitazioni. La discarica è un problema, e questo è ormai risaputo da anni. Per di più, non essendo stata chiusa nel rispetto delle opportune procedure, al momento produrrebbe ancor più danni rispetto al passato. Ma si sa, le problematiche sono destinate a degenerare se affrontate in condizioni di emergenza cronica, nonostante si conoscano perfettamente le procedure idonee a prevenire disastri annunciati. Nel caso specifico le procedure idonee alla chiusura e messa in sicurezza dell'area.

«Sulla discarica - afferma Antonio Materdomini, consigliere comunale dei 5 Stelle - il nostro movimento sta conducendo un’aspra battaglia, che dura già da diversi anni. Abbiamo presentato una petizione europea per chiederne l’immediata chiusura, e lo scorso anno un’interrogazione per conoscere i motivi per i quali il sindaco non emanò immediatamente l’ordinanza richiesta dalle Asm, a seguito dello sforamento delle soglie previste di alcuni elementi inquinanti presso le acque di falda della discarica di La Martella. Per questi motivi - continua il consigliere pentastellato - abbiamo depositato un’altra interrogazione per comprendere se le analisi in contraddittorio siano state anzitutto mai effettuate dal Comune, e se cosi fosse, perchè non siano state trasmesse all’Arpab come stabilito in conferenza di servizi».
I 5 Stelle chiedono che cosa si stia aspettando per procedere ad un piano di bonifica programmato e reale, e se per caso i seri rischi che vanno delineandosi per la salute dei cittadini siano una priorità assoluta solo per il M5S.
«La precedente amministrazione faceva orecchie da mercante, ma quella attuale non è da meno: non risponde, o lo fa con estremo ritardo, alle interrogazioni presentate, alle sollecitazioni degli enti preposti al monitoraggio ambientale, e non si comprende se abbia almeno presente la portata del problema ed un qualche piano per giungere alla sua risoluzione, mentre nel frattempo i costi aggiuntivi per gli interventi presso la discarica saranno ancora una volta a carico dei contribuenti materani».
Il consigliere regionale del Pd, Achille Spada, ha presentato un’interrogazione, rivolta al presidente della Regione, Pittella, nella quale chiede «quali misure l’ente lucano può e intende adottare per porre fine alla allarmante situazione che si è venuta a creare. La popolazione esprime crescenti preoccupazioni per le condizioni igienico sanitarie e ambientali dei luoghi. L’assessore al ramo del Comune di Matera ha dichiarato alla stampa che i monitoraggi effettuati hanno riguardato un arco temporale di oltre tre anni su un’area di 50 ettari per un raggio di un chilometro anche a monte dell’impianto di compostaggio e che‘i dati dell’Arpab sono in discussione nella Conferenza di servizi atteso che, in assenza di riferimenti antecedenti alla realizzazione dell’impianto, è necessario giungere alla individuazione di parametri di riferimento». Anche alla luce di queste affermazioni, Spada chiede al governo regionale «di conoscere le risultanze della conferenza di servizio riguardante la discarica di La Martella».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie