Sabato 20 Luglio 2019 | 23:52

NEWS DALLA SEZIONE

Il convegno
Confindustria, Boccia a Matera: «Siamo la seconda manifattura d’Europa»

Confindustria, Boccia a Matera: «Siamo la seconda manifattura d’Europa»

 
Il progetto
Huwaei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

Huawei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

 
Heroes Pride
Matera si prepara al suo primo Pride tra attese e polemiche

Matera si prepara al suo primo Pride tra attese e polemiche

 
Nel Materano
Ricercato in Kazakistan, polizia lo arresta in vacanza a Policoro

Ricercato in Kazakistan, polizia lo arresta in vacanza a Policoro

 
dalla Polizia stradale
Sfruttava 5 albanesi irregolari come braccianti: denunciato 61enne nel Materano

Sfruttava 5 albanesi irregolari come braccianti: denunciato 61enne nel Materano

 
L'omicidio
Pastore nel Materano, killer condannato a 26 anni di carcere

Pastore ucciso nel Materano, killer condannato a 26 anni

 
Una coppia di 31enni
Matera, vendevano cocaina ed eroina ai tossici della città, compresi minorenni: 2 arresti

Matera, vendevano cocaina ed eroina ai tossicodipendenti della città, compresi minori: 2 arresti

 
I dati
Matera, boom di turisti già nel 2018

Matera, boom di turisti già nel 2018

 
Il caso
Fiamme nelle campagne del Materano: distrutti 50 ettari

Fiamme nelle campagne del Materano: distrutti 50 ettari di bosco

 
Inquinamento
Matera, schiuma biancastra nella Gravina

Matera, schiuma biancastra nella Gravina

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Cornacchini aspetta altri rinforziIl Bari va a caccia di difensori

Cornacchini aspetta altri rinforzi
Il Bari va a caccia di difensori

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraIl convegno
Confindustria, Boccia a Matera: «Siamo la seconda manifattura d’Europa»

Confindustria, Boccia a Matera: «Siamo la seconda manifattura d’Europa»

 
BariLa denuncia di un lettore
Bari, lavori in corso al Policlinico: pazienti visitati nel corridoio

Bari, lavori in corso al Policlinico: pazienti visitati nel corridoio

 
PotenzaL'operazione
Basilicata, lotta allo spaccio, controlli dei cc: 5 denunciati

Basilicata, lotta allo spaccio, controlli dei cc: 5 denunciati

 
HomeLa tragedia
Foggia, scontro tra auto della Finanza e scooter: muore 15enne

Foggia, scontro tra auto della Finanza e scooter: muore 15enne, non aveva il casco

 
HomeL'allarme
La Xylella avanza, Coldiretti: «altri 366 ulivi infetti tra Taranto e Brindisi»

La Xylella avanza, Coldiretti: «altri 366 ulivi infetti tra Taranto e Brindisi»

 
Calcio LecceGiallorossi
Muore a 82 anni ex patron del Lecce Giovanni Semeraro

Muore a 82 anni ex patron del Lecce Giovanni Semeraro

 
BrindisiDal 1 settembre
Ostuni dice stop alla plastica nei locali

Ostuni dice stop alla plastica nei locali

 

i più letti

Il sindaco va a Potenza

Piazza piena e culle vuote
a Matera vigilia di polemiche

Piazza piena e culle vuotea Matera vigilia di polemiche

EMILIO OLIVA
Sono due i «bollettini» del San Silvestro a Matera avvelenato dalle polemiche per il «confronto» con Potenza, alimentate anche nei social. Il primo ha un segno meno e due segni più. Di culle vuote, nessun ferito per i botti e nessun ricovero per eccessi a tavola parla il bollettino sanitario. Due segni meno, la rinuncia del sindaco, Raffaello De Ruggieri, a salire sul palco del concerto dei Dire Straits Legacy dopo la mezzanotte, e le insulse invettive campanilistiche per la diretta di Capodanno su Rai uno, hanno marchiato il bollettino «istituzionale» dell’ultimo dell’anno. L’unico segno più di quest’ultimo riguarda le presenze, 15-20 mila persone, che hanno brindato all’arrivo del 2017 in piazza Vittorio Veneto sulle note del concerto di San Silvestro. Ospite d’eccezione, ma da turista, il cantautore Piero Pelù, leader storico dei Litfiba.
Ha fatto scintille il botta e risposta tra il movimento Matera Si Muove e De Ruggieri. «Matera non può essere succube della politica egemone del capoluogo di regione», ha tuonato Matera Si Muove criticando la presenza del sindaco alla presentazione della diretta di Capodanno su Rai uno a Potenza e chiedendo a De Ruggieri un «incontro urgente» su una serie di questioni cruciali per il futuro di Matera. «Se il sindaco non concederà questo incontro Matera Si Muove – ha minacciato – potrebbe rafforzare il gruppo dei consiglieri dissidenti e mettere De Ruggieri con le spalle al muro, con una fine anticipata di questa Amministrazione».
Il sindaco non l’ha mandata giù. «Il rigurgito campanilistico che pervade la comunità materana – ha reagito – è sorprendente e inaccettabile. Il ribellismo fratricida contro Potenza, esploso per una doverosa presenza istituzionale del sindaco, tradisce e svilisce lo stesso ruolo della città. A parole si sostiene che Matera dovrà divenire città europea per rappresentare anche il nuovo corso del Mezzogiorno e della stessa Nazione. Nei fatti, invece, questa raggiunta leadership viene sconfessata da rivoli di eccitazioni tribali in una contesa tra buoni e cattivi, tra sudditi e sovrani, tra vittime e carnefici, tra bianchi e neri, tra Matera e Potenza. È il livello civico che viene abbassato e svilito da una tifoseria da stadio. Il sindaco di Potenza, De Luca, ha lealmente dichiarato che senza la designazione di Matera a capitale europea della cultura nel 2019 non ci sarebbe stato l’interesse della Rai per la Basilicata e per Potenza. Io ho sostenuto che era mio dovere portare la testimonianza dell’unità regionale. Di fronte a questa visione solidale della gente lucana – ha concluso De Ruggieri – il frazionismo scomposto all’interno della regione e la contesa tra Matera e Potenza fa male a tutti e soprattutto dovrebbe far rinsavire coloro che trovano in tali urlate contrapposizioni l’alibi alla propria impotenza».
Ritornando al bilancio di Capodanno, il reparto di ostetricia dell’ospedale Madonna delle Grazie non ha registrato alcun parto dopo la mezzanotte, a conferma dei dati che indicano Matera tra i peggiori capoluoghi di provincia per decremento del tasso di natalità. Ha avuto successo la strategia «botti zero» messa in atto da sindaco, che aveva emesso un’ordinanza per vietare l’uso di fuochi pirotecnici, e Questura, che aveva disposto controlli serrati per evitare la vendita e l’accensione di prodotti fuorilegge. E, complice la crisi, quest’anno si è sparato molto meno. La moderazione ha prevalso anche a tavola, in occasione del tradizionale cenone, e nel consumo di alcolici. Ieri al pronto soccorso sono stati registrati un bel po’ di codici rossi, ma legati ad altre cause, estranee all’uso di botti o alle grandi abbuffate.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie