Lunedì 20 Settembre 2021 | 08:31

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Operazione anti abusivismo

Barbecue e caldarroste
mercato fuorilegge nei Sassi

Barbecue e caldarrostemercato fuorilegge nei Sassi

EMILIO OLIVA
Carabinieri, agenti di polizia, vigili urbani e ispettori sanitari dell’Asm irrompono nel «mercato» della carne alla brace, delle caldarroste e delle bibite improvvisato nei Sassi. Sono intervenuti ieri pomeriggio nel Caveoso dove una società privata ha organizzato una delle due rappresentazioni della Natività che quest’anno animeranno le festività natalizie nella capitale europea della cultura 2019. Oltre alla rimozione di rozzi barbecue e banchi vendita improvvisati, sono stati compiuti accertamenti in seguito anche ad un esposto inviato al sindaco da Rete Imprese Italia della provincia, organismo di rappresentanza che unisce commercianti, artigiani e piccole imprese.

«Ci viene segnalato che nei rioni Sassi, precisamente in via Buozzi, nei passati giorni di festività, sono apparsi bracieri a cielo aperto, con gazebi sui marciapiedi e preparazione e vendita di prodotti alimentari», si legge nel documento con il quale si chiede se queste attività sono state autorizzate e con quale procedura. In caso contrario si chiede «perché non siano stati adottati i relativi provvedimenti». Tanto più che ci sarebbe stata una «palese contraddizione» con l’ordinanza n.444 emessa pochi giorni fa, esattamente il 30 novembre, contro le emissioni, nei Sassi e nel centro storico, di fumi e odori derivanti da attività di ristorazione e somministrazione al pubblico oltre ad attività artigianali di preparazione e vendita di prodotti alimentari.

A distanza di un anno, e come era già accaduto in passato, nei Sassi erano ritornati ad essere un far west dove era stato ospitato un «mercato» di Natale fuorilegge. Fumi e odori sono stati l’atmosfera celestiale che da mercoledì ha accolto centinaia di visitatori del presepe vivente. Erano stati allestiti barbecue privi di qualsiasi autorizzazione per arrostirvi carne, non adeguatamente conservata e somministrata nel rispetto delle norme sanitarie, e banchi di vendita di altri prodotti alimentari spuntati come funghi lungo il percorso di accesso al presepe vivente. Uno scenario indegno per una città che si rispetti e ancora di più per una capitale europea della cultura. Dopo l’intervento di carabinieri, polizia e agenti di Polizia locale della sezione amministrativa del Comune, intorno alle 16.30, si sono vissuti momenti di tensione. Sono stati requisiti bracieri e frigoriferi per ispezionare gli alimenti. Al termine degli accertamenti, i venditori abusivi sono stati fatti sgomberare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie