Sabato 01 Ottobre 2022 | 21:58

In Puglia e Basilicata

congresso eucaristico nazionale

A Matera è tutto pronto per l'arrivo del Papa: «Francesco scriverà una data storica»

papa Francesco

Cresce il fermento in città per l’arrivo di Bergoglio, Dopo Wojtyla nell’aprile 1991

21 Settembre 2022

Donato Mastrangelo

MATERA - Il 25 settembre 2022 è una data destinata ad entrare negli annali della città. Dopo la storica visita di Papa Giovanni Paolo II, era il 27 aprile 1991 e quella ben più remota di Papa Urbano II nell’ottobre del 1093, Matera è pronta ad accogliere il pontefice Papa Francesco che chiuderà il 27° Congresso Eucaristico nazionale che prende il via domani.

«Torniamo al gusto del pane - Per una Chiesa eucaristica e sinodale» è il tema dell’importante appuntamento organizzato dalla Conferenza episcopale italiana che richiamerà 1.500 ospiti ufficiali ogni giorno oltre a migliaia di pellegrini. La macchina organizzativa prosegue a pieno ritmo per definire gli ultimi dettagli. Alle ore 7 di domenica prossima è previsto il decollo dell’elicottero, dall’eliporto del Vaticano che condurrà il Santo Padre a Matera per atterrare un’ora e mezza dopo nel Campo-scuola di Atletica Leggera in Viale delle Nazioni Unite in forma privata. Poi il trasferimento in auto allo Stadio comunale XXI settembre, dove alle 8.45 il Papa Francesco sarà dal card. Matteo Zuppi, arcivescovo di Bologna e presidente della Cei, da mons. Antonio Giuseppe Caiazzo, arcivescovo di Matera-Irsina, dal presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi, dal prefetto di Matera, Sante Copponi, dal sindaco di Matera, Domenico Bernardi, e dal presidente della Provincia di Matera, Piero Marrese. Alle 9, nello stadio, la concelebrazione eucaristica, con l’omelia del Santo Padre, seguita dall’Angelus e dalle parole di ringraziamento del card. Zuppi. Nell’occasione, il Papa donerà un calice per la diocesi di Matera a mons. Caiazzo. Al termine della celebrazione, alle 11, Francesco si congederà dalle autorità che lo hanno accolto all’arrivo. Subito dopo il trasferimento in auto al Campo-scuola di Atletica Leggera, dove alle 11.15 è previsto il decollo da Matera.

Intanto il sindaco Bennardi ha firmato una ordinanza che prevede la chiusura degli istituti scolastici di ogni ordine e grado per sabato 24 settembre mentre un’altra ordinanza riguarda la chiusura del Campo Scuola. Da ieri fino alla partenza del Papa per Roma è vietato accedere, transitare e sostare a persone e/o a mezzi nel Campo Scuola. Bennardi rende anche noto che «Il Comune di Matera offrirà un supporto al soggetto organizzatore per assicurare la mobilità necessaria a trasportare le migliaia di pellegrini e sacerdoti, per la messa in sicurezza dell'evento da parte del Comando di Polizia Locale in sinergia e coordinamento con tutte le forze dell'ordine, la Questura e la Prefettura di Matera, con la protezione civile comunale e provinciale. Un investimento complessivo al momento superiore ai 70.000 euro di risorse comunali che si aggiungono alle somme stanziate dalla Regione Basilicata alla Diocesi, per l'installazione e fornitura di barriere jersey, 1000 transenne, servizio navette, lavori di adeguamento illuminotecnico e manutenzioni straordinarie. Far tornare un Papa a Matera dopo 30 anni dalla visita di Papa Giovanni Paolo II (Papa Wojtyla) - conclude Bennardi - determinerà una visibilità internazionale e un'attrattiva anche per il futuro, in chiave turistico-religiosa potenzialmente molto rilevante».

L’Assopanificatori/Confesercenti Matera e CNA Agroalimentare e Artistico e Tradizionale Matera doneranno ai congressisti 1500 pezzi di pane di 250 grammi. Verrà realizzata una forma di pane da 12 kg che sarà posta sull’altare allestito in Piazza Vittorio Veneto. Il maestro artigiano Mario Daddiego in occasione della celebrazione della Santa Messa donerà a Papa Bergoglio un cucù di terracotta, simbolo di Matera. Saranno 35mila le ostie preparate dai detenuti delle carceri di Opera e di Castelfranco Emilia per la distribuzione della comunione nel corso della celebrazione eucaristica del XXVII congresso eucaristico nazionale di Matera. L’iniziativa, promossa dall’Ispettorato dei Cappellani delle Carceri d’Italia, sarà realizzata grazie al sostegno della Fondazione «La Casa dello Spirito e delle Arti» del carcere di Opera e alla Cooperativa sociale «Giorni Nuovi» e «Missione speranza» del Carcere di Castelfranco Emilia. Nelle ultime settimane in città si segnalano tanti turisti del Sudamerica e, visto l’arrivo del Papa, non è assolutamente una casualità. Impegnate anche diverse strutture ricettive del Metapontino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725