Venerdì 20 Maggio 2022 | 00:46

In Puglia e Basilicata

OLTRE LE BARRIERE

A Matera una «bussola» per i diversamente abili

A Matera una «bussola» per i diversamente abili

Barriere per i disabili in città

Al via il progetto-pilota dell'Anmic «Disabled Workers» per favorire la formazione e l’inclusione nel lavoro

27 Aprile 2022

Donato Mastrangelo

MATERA - Una bussola per i diversamente abili, spesso disorientati nell’approccio di percorsi finalizzati alla formazione e all’inclusione lavorativa. Parte da Matera il progetto gratuito sperimentale “Disabled Workers”, promosso dalla sede provinciale ANMIC di Bari, l’ente nazionale a tutela delle persone con disabilità. Sono tre le regioni coinvolte nell’iniziativa: nello specifico, oltre alla città dei Sassi, figurano Bari e Termoli. «La finalità - dichiara Michele Caradonna, coordinatore dell’iniziativa e presidente provinciale ANMIC della città metropolitana di Bari - è quella di formare persone diversamente abili tra i 18 e i 45 anni e accompagnarli passo dopo passo nel mondo del lavoro, superando piccoli e grandi ostacoli. A partire dall’idoneità rilasciata dalla Commissione Medica del lavoro che in tanti non sanno sia fondamentale per accedere a qualsiasi percorso professionale. Il progetto pilota sperimentale dell’ANMIC di Bari (ente riconosciuto con DPR 23/12/1978) nella formazione e informazione sui temi dell’inclusività lavorativa, intende costruire una rete solidale in cui la cultura dell’impresa, delle professioni, del lavoro si integrano con la condizione di chi, soggetto fragile, è in cerca di lavoro per accompagnarlo durante le fasi delicate della vita».

Fondamentale sarà dunque mettere a confronto le dinamiche che riguardano i tre differenti contesti territoriali. Verranno così comparate le diverse esperienze e raccolti dati utili per l’elaborazione di buone pratiche che possano essere condivise per le progettazioni future. «Disabled Workers» prevede un laboratorio di formazione che fornirà gli strumenti necessari per l’autonomia personale e sociale per acquisire una modalità lavorativa e relazionale adeguata. I partecipanti verranno quindi accompagnati nei centri territoriali per l’impiego per mettere in pratica quanto imparato in aula e avere, così, un primo accesso al mondo del lavoro. È prevista anche l’istituzione di uno sportello di accoglienza e ascolto, gestito dai tutor e formatori. Alcune fasi delle attività prevedono l’utilizzo di tecnologie digitali, in linea con i tempi e l’orientamento del mercato del lavoro e al fine di promuovere il concetto di Cittadinanza Digitale. Per poter candidarsi al progetto «Disabled Workers» è necessario essere in possesso di alcuni requisiti: affezione da disabilità fisica e/o sensoriale ai sensi della legge 104/92; età compresa tra i 18 e i 45 anni; condizione di disoccupazione. Le domande possono essere presentate entro il 28 aprile inviando una mail con i propri dati all’indirizzo: lavoro@anmicbari.it.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725