Mercoledì 27 Gennaio 2021 | 20:41

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Tricarico, rubati 12 quintali di rame: 4 arresti

Tricarico, rubati 12 quintali di rame: 4 arresti

 
Il caso
Matera, immigrato trova per strada portafogli e lo porta in questura

Matera, immigrato trova per strada portafogli e lo porta in questura

 
L'idea
A Matera arriva un'app per i servizi digitali del Comune

A Matera arriva un'app per i servizi digitali del Comune

 
Il caso
Reati contro la Pubblica Amministrazione a Matera: 11 arresti e sequestrati 8,2 mln

Matera, truffa per fondi pubblici in agricoltura: 11 arresti, tra loro funzionari Ismea e Regione Basilicata. 22 indagati e sequestrati 8,2 mln. Le intercettazioni VD

 
nel Materano
Marconia, sorpresa a spacciare cocaina e hashish in casa: arrestata 65enne

Marconia, sorpresa a spacciare cocaina e hashish in casa: arrestata 65enne

 
Il mistero
Rotondella, omicidio ingegnere: eseguita autopsia. L'amico ferito è in coma

Rotondella, omicidio ingegnere: eseguita autopsia. L'amico ferito è in coma

 
Omicidio
Agguato a Rotondella, uomo ucciso a coltellate: gravemente ferito un altro

Rotondella, uomo ucciso a coltellate: è un ingegnere di 46 anni. Gravemente ferito netturbino 45enne

 
La situazione in Basilicata
Covid 19, vaccini che scarseggiano: esclusi già 8mila lucani

Covid 19, vaccini che scarseggiano: esclusi già 8mila lucani

 
Nel Materano
Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

 
Dalla polizia
Matera, aggredisce i genitori per avere denaro per acquistare alcol e droga: arrestato

Matera, aggredisce i genitori per avere denaro per acquistare alcol e droga: arrestato

 
Il caso
Incendia auto per dissidi lavorativi con la proprietaria: denunciata 41enne a Matera

Incendia auto per dissidi lavorativi con la proprietaria: denunciata 41enne a Matera

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, pressing su Cianci per sostituire Montalto

Bari calcio, pressing su Cianci per sostituire Montalto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Bari, omicidio Perez: ridotta condanna al padre dell'assassina

Bari, omicidio Perez: ridotta condanna al padre dell'assassina

 
Brindisia S. Michele Salentino
Brindisi, solaio crollato in un capannone: 4 indagati per omicidio colposo

Brindisi, solaio crollato in un capannone: 4 indagati per omicidio colposo

 
TarantoL'iniziativa
Giornata della Memoria, musica dal teatro chiuso di Taranto: l'omaggio degli artisti

Giornata della Memoria, musica dal teatro chiuso di Taranto: l'omaggio degli artisti

 
PotenzaSHOAH
Giornata della Memoria, a Potenza consegnate 3 medaglie d’onore ai familiari dei deportati

Giornata della Memoria, a Potenza consegnate 3 medaglie d’onore ai familiari dei deportati

 
FoggiaIl caso
Femminicidio a Orta Nova, 46enne indagato non risponde a pm: aveva tracce di sangue sui vestiti

Femminicidio a Orta Nova, 46enne indagato non risponde a pm: aveva tracce di sangue sui vestiti

 
BatIl caso
Scontro treni, la pm in foto con l'avvocato di un indagato, Csm la boccia ma si spacca

Scontro treni, la pm in foto con l'avvocato di un indagato, Csm la boccia ma si spacca

 
MateraIl caso
Tricarico, rubati 12 quintali di rame: 4 arresti

Tricarico, rubati 12 quintali di rame: 4 arresti

 
LecceIl caso
Lecce, litiga con il cugino e gli spara: arrestato

Lecce, litiga con il cugino e gli spara: arrestato

 

i più letti

L'evento

La telefonata del Papa e il conforto agli anziani di San Giorgio Lucano

Don Nicola Caino ricorda la telefonata durante il lockdown

Covid 19, «Pronto? Sono Francesco»: il Papa chiama un parroco di una casa di riposo nel Materano

Foto papaboys 3.0

SAN GIORGIO LUCANO - Poco più di otto mesi fa, era esattamente il 25 aprile 2020, il parroco don Nicola Caino riceveva una inaspettata quanto memorabile e gradita telefonata da Papa Francesco. Una chiamata ricorda il giovane sacerdote della parrocchia San Francesco «giunta con un numero sconosciuto che fu da me interpretata come una carezza ed un grande segno di speranza nei confronti della comunità di San Giorgio Lucano». In quei giorni, infatti, nel pieno della pandemia, diciotto ospiti e tre operatori della locale casa di riposo erano risultati positivi al virus del Covid-19. Il Santo Padre, attraverso quel gesto non volle fare mancare la sua vicinanza al paese, a tutta la comunità parrocchiale ed alla diocesi del quale è vescovo mons. Vincenzo Orofino.
«La telefonata del pontefice - sottolinea don Nicola - fu una sorpresa per tutti. Da allora si è rafforzata la consapevolezza che ognuno è chiamato a farsi carico della vita dell’altro, così come ha ribadito Papa Francesco proprio nel giorno di Capodanno, parlando dell’invito alla cura e quindi ad occuparci del prossimo e rimarcando che oltre al vaccino per il corpo serve il vaccino per il cuore». L’emergenza sanitaria dei mesi scorsi è servita a rafforzare la rete solidale, quando più indispensabile in piccole comunità come San Giorgio Lucano e nelle aree interne che vivono maggiormente i segni della crisi economica e dello spopolamento e di riflesso anche del disagio sociale. «La diocesi e il nostro vescovo mons. Orofino non ci hanno mai fatto mancare il sostegno spirituale e materiale. C’è stata una grande gara di solidarietà che ha visto tutti protagonisti in un momento così difficile come era quello della fase critica della pandemia. Tanti sono stati i gesti solidali dei cittadini. La telefonata del Santo Padre, con il suo stile paterno, è servita a rincuorare il sottoscritto ma anche gli altri confratelli a non arrenderci, ad essere speranzosi ed il mio augurio è che con il nuovo anno maturi in tutti la consapevolezza di intraprendere un cammino nuovo contraddistinto sempre dalla carità e dall’amore per il prossimo e l’attenzione per le persone che hanno bisogno di aiuto». Tra i luoghi simbolo della pandemia figurano proprio le residenze socio-assistenziali per gli anziani. «Nella residenza socio assistenziale di San Giorgio Lucano - adesso gli ospiti stanno tutti bene, sono seguiti scrupolosamente dagli operatori della struttura e settimanalmente eseguono il tampone. Qualche giorno prima di Natale ho celebrato la santa messa ed è stato anche un modo per farli sentire meno soli, considerato che, per prevenire il Covid, non possono vedere i parenti. Questi luoghi devono essere sempre più strutture in grado di accogliere gli anziani e le persone ai margini per poter dare loro protezione e calore umano, interagendo con la collettività». Don Nicola Caino, originario di Lauria Inferiore, è parroco di san Giorgio Lucano dal giugno 2018.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie