Venerdì 24 Settembre 2021 | 06:28

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

BASILICATA

Pisticci, «No al progetto per costruire il depuratore comunale»

Firme raccolte dal circolo cittadino di FdI contro l’impianto previsto a Madonna delle Grazie

Pisticci, «No al progetto per costruire il depuratore comunale»

PISTICCI - Una petizione popolare per l’annullamento del progetto per la costruzione del depuratore comunale a Madonna delle Grazie. L’ha promossa il circolo cittadino di Pisticci di FdI, a motivo del fatto che «se venisse realizzato, determinerebbe con i miasmi ed il cattivo odore la morte del tessuto urbano di Pisticci paese. Diciamo no a questo scellerato progetto della ex Giunta Di Trani. Realizziamolo nella zona industriale della Val Basento», ha spiegato il commissario cittadino, Francesco Di Benedetto.

«L’ex sindaco – ha quindi replicato a Vito Di Trani – continua, imperterrito, nella deplorevole abitudine di rivolgersi in maniera sprezzante nei riguardi di chi, manifestando un minimo di civile indignazione con modi e maniere urbane, dissente dal suo pensiero. Sono consapevole del fatto che a Pisticci i reflui fognari, smaltiti attraverso scarichi che drenano nei calanchi avrebbero bisogno di un adeguato trattamento, ma non mi sembra ragionevole risolvere un problema creandone uno di gran lunga superiore. L’urgenza di intercettare i reflui fognari attuali, più che rispondere ad esigenze di natura igienico–sanitaria risponde soprattutto ad esigenze legate alla tenuta della stabilità e della integrità stratigrafica dell’abitato, esposto al dissesto idrogeologico. Se detti scarichi naturali non costituissero un pericolo per la tenuta della stabilità dell’abitato, le motivazioni di ordine igienico-sanitarie diventerebbero necessarie, ma non prioritarie. Contrariamente a ciò che pensa Di Trani, Pisticci si trasformerebbe in una cloaca a cielo aperto solo se venisse realizzato il depuratore che la sua Amministrazione ha dissennatamente deciso di allocare a Madonna delle Grazie. Per questo abbiamo deciso di promuovere la petizione: chiediamo all’Amministrazione comunale l’annullamento del progetto».

Questa, invece, la proposta alternativa: «Realizzare al posto del depuratore una rete di adduttori, capaci di intercettare gli scarichi fognari e di convogliarli nel depuratore di Tecnoparco. Si risolverebbe anche il problema della depurazione a Pisticci scalo». Infine, Di Benedetto ha parlato di «sperpero di danaro pubblico. Un cittadino con un minimo di buon senso, di fronte alla constatazione che in Valbasento c’è un depuratore con capacità equivalente di 100 mila abitanti al giorno, direbbe no ad uno nuovo e darebbe il consenso alla realizzazione di una condotta capace di convogliare i reflui nel depuratore di Tecnoparco».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie