Venerdì 03 Luglio 2020 | 21:57

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Matera, minaccia di morte la moglie poi va in questura con un taglierino: arrestato

Matera, minaccia di morte la moglie poi va in questura con un taglierino: arrestato

 
Vacanze vip
Gianni Morandi è a Matera: selfie con la moglie e di sfondo i Sassi

Gianni Morandi è a Matera: selfie con la moglie e di sfondo i Sassi

 
post-operazione
Bernalda, operazione «Paride», dopo gli arresti sequestrati soldi e droga

Bernalda, operazione «Paride», dopo gli arresti sequestrati soldi e droga

 
la scoperta
Scanzano Jonico, vendevano online abbigliamento con marchi contraffatti: 2 giovani denunciati

Scanzano Jonico, vendevano online abbigliamento con marchi contraffatti: 2 giovani denunciati

 
Le tradizioni religiose
Matera, è il giorno della Madonna della Bruna: ma niente assalto al carro

Matera, è il giorno della Madonna della Bruna: ma niente assalto al carro FOTO

 
operazione «Beagle boys»
Matera, rubavano armi della polizia locale in diversi Comuni di Puglia e Basilicata, sgominata banda: 6 in manette

Matera, rubavano armi della polizia locale nei Municipi di Puglia e Basilicata, sgominata banda: 6 in manette VIDEO

 
L'annuncio
In Basilicata i saldi inizieranno da sabato 1° agosto

In Basilicata i saldi inizieranno da sabato 1° agosto

 
stalking
Matera, entra in casa dell'ex compagna e la picchia: arrestato

Matera, entra in casa dell'ex compagna e la picchia: arrestato

 
l'operazione
Falsi sanificanti: GdF sequestra 14 tonnellate di prodotto nel Materano

Falsi sanificanti: GdF sequestra 14 tonnellate di prodotto nel Materano

 
Turismo
Matera, l'Italia è ripartita e tra i Sassi. Tornano i turisti

Matera, l'Italia è ripartita e tra i Sassi tornano i turisti

 

Il Biancorosso

SERIE C
Bari calcio, Schiavone: «In campo sempre per vincere»

Bari calcio, Schiavone: «In campo sempre per vincere»

 

NEWS DALLE PROVINCE

GdM.TVIl video
Bari, incivili festeggiano a Largo Giannella: all'alba i resti del degrado

Bari, incivili festeggiano a Largo Giannella: all'alba i resti del degrado

 
LecceEmergenza nel territorio
Le campagne in balìa delle bande. Maxi-furto sventato in extremis

Salento, le campagne in balìa delle bande: maxi-furto sventato in extremis

 
FoggiaIl salvataggio
Tartaruga in difficoltà perde uova in mare: visitata nel centro di Manfredonia

Tartaruga in difficoltà perde uova in mare: visitata nel centro di Manfredonia

 
MateraIl caso
Matera, minaccia di morte la moglie poi va in questura con un taglierino: arrestato

Matera, minaccia di morte la moglie poi va in questura con un taglierino: arrestato

 
Potenzasicurezza
Potenza, Tempa Rossa: «risultati analisi non concordanti»

Potenza, Tempa Rossa: «Risultati analisi non concordanti»

 
Tarantofase3
Taranto, uffici comunali: pronta ordinanza per riaprirli al pubblico

Taranto, uffici comunali: pronta ordinanza per riaprirli al pubblico

 
Brindisinel brindisino
Fasano, sparò all'interno di un bar arrestato 32enne: era ricercato anche per traffico di droga

Fasano, sparò all'interno di un bar arrestato 32enne: era ricercato anche per traffico di droga

 
Batfase 3
Asl BAT, dopo 4 mesi accesso controllato negli ospedali

Asl BAT, dopo 4 mesi accesso controllato negli ospedali

 

i più letti

l'operazione

Matera, fondi pubblici per lo sport percepiti ingiustamente: 4 arresti e sequestri per 75mila euro

Coinvolte 4 persone: tra le accuse truffa aggravata e falsità ideologica commessa da pubblico ufficiale in atti pubblici

Matera, fondi pubblici per lo sport percepiti ingiustamente: misure cautelari, sequestrati beni per 75mila euro

Sono agli arresti domiciliari quattro persone che, all’epoca dei fatti al centro di un’indagine su truffe per ottenere erogazioni dalla Provincia di Matera, erano rappresentanti legali di quattro associazioni sportive dilettantistiche.
Le persone ai domiciliari nell’ambito dell’inchiesta denominata «Vivi lo sport» sono E.C., di 33 anni, F.P.B.C. (70), V.I.(76) ed E.V.(47), rispettivamente rappresentanti legali delle società «Polisportiva Moramarco», "Polisportiva Gruppo Sportivo Matera», «Club Basilicata Matera" e «Polisportiva Rocco Scotellaro».

Secondo quanto reso noto in una conferenza stampa che si è tenuta stamani al Comando provinciale dei Carabinieri, le indagini sono cominciate nel 2017 dopo la denuncia di una persona che, a sua insaputa, era stata indicata come responsabile tecnico nell’ambito di diversi progetti presentati da alcune associazioni per ottenere contributi dalla Provincia di Matera per la promozione dello sport.

Le quattro persone arrestate sono accusate di aver adottato "un collaudato meccanismo fraudolento» attraverso il quale, in totale, sono riusciti a ottenere contributi per circa 75 mila euro. Gli investigatori - le indagini sono coordinate dal Procuratore della Repubblica di Matera, Pietro Argentino e dal pm Annafranca Ventricelli - hanno scoperto che le persone indagate hanno presentato documentazione falsa, tra cui firme dei responsabili dei progetti che invece erano ignari di tutto, inducendo in errore i dipendenti della Provincia che dovevano effettuare i controlli necessari per l’erogazione dei contributi. I Carabinieri hanno preso in esame in totale 22 casi, 18 dei quali hanno portato all’erogazione dei contributi.

L’ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari e del sequestro preventivo dei beni per un valore totale di circa 75 mila euro è stata emessa dal gip della città dei Sassi, Angelo Onorati. Ulteriori indagini sono in corso sui conti bancari delle persone indagate.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie