Domenica 20 Giugno 2021 | 12:48

NEWS DALLA SEZIONE

L'emergenza
Basilicata zona bianca: Speranza telefona a Bardi

Basilicata zona bianca: Speranza telefona a Bardi

 
Il caso
Matera, donna di 90 anni truffata dal finto nipote del cuore

Matera, donna di 90 anni truffata dal finto nipote del cuore

 
Il caso
Matera, aggredisce e rapina la compagna: arrestato e allontanato

Matera, aggredisce e rapina la compagna: arrestato e allontanato

 
Anziani in pericolo
Matera, raggirò una 90enne: arrestato

Matera, raggirò una 90enne: arrestato

 
Televisione
Matera, Imma Tataranni è tornata

Matera, Imma Tataranni è tornata

 
la vicenda
Truffa dell'arrotino, una denuncia a Matera

Truffa dell'arrotino, una denuncia a Matera

 
Covid
Basilicata, zona bianca dal 21 giugno

Basilicata, zona bianca dal 21 giugno

 
Nel Materano
Bernalda, in un deposito custodisce materiale esplosivo per fabbricare bombe: arrestato

Bernalda, in un deposito custodisce materiale esplosivo per fabbricare bombe: arrestato

 
felicità
Miglionico, «Felice per la nostra prima unione civile»

Miglionico, «Felice per la nostra prima unione civile»

 
Vaccini
Matera, immediata sospensione Astrazeneca sugli under 60

Matera, immediata sospensione Astrazeneca sugli under 60 Il bollettino odierno

 

Il Biancorosso

Calcio
Michele Mignani

Il Bari si affida a Mignani: è lui il nuovo allenatore

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl dibattito
Bari, «l’ospedale in Fiera funziona, non deve essere smantellato»

Bari, «l’ospedale in Fiera funziona, non deve essere smantellato»

 
BrindisiIl personaggio
Pippo Inzaghi si gode le gioie della Puglia

Pippo Inzaghi si gode le gioie della Puglia

 
Lecceil giallo
Roberta, 22 anni di silenzi e misteri

Roberta, 22 anni di silenzi e misteri

 
FoggiaL'inchiesta
Foggia, mazzette anche a Pompei

Foggia, mazzette anche a Pompei

 
TarantoIl caso
Ex Ilva, dopo blackout fumi e fiamme nello stabilimento, i Verdi: «Bisogna avvisare i tarantini»

Ex Ilva, dopo blackout fumi e fiamme nello stabilimento, i Verdi: «Bisogna avvisare i tarantini»

 
Potenzabollettino regionale
Basilicata, solo 13 sono risultati positivi al covid-19

Basilicata, solo 13 sono risultati positivi al covid-19

 
BatIl fatto
Barletta, polemiche sull’interruzione dei lavori allo Stadio Puttilli

Barletta, polemiche sull’interruzione dei lavori allo Stadio Puttilli

 
PotenzaL'emergenza
Basilicata zona bianca: Speranza telefona a Bardi

Basilicata zona bianca: Speranza telefona a Bardi

 

i più letti

nel Materano

Bernalda, scoperta base logistica mafia lucana: tre arresti

Scoperti e sequestrati droga, armi, munizioni e materiale esplodente, oltre ad un giubbotto antiproiettile

polizia

Tre persone sono state arrestate e un’altra è stata fermata dalla Polizia, a Bernalda (Matera), a conclusione di un’operazione - coordinata dalla Procura distrettuale antimafia di Potenza - che ha portato alla scoperta di una «vera e propria base logistica della criminalità organizzata lucana».

L’operazione ha fatto scoprire e sequestrare droga, armi, munizioni e materiale esplodente, oltre ad un giubbotto antiproiettile. Il ritrovamento di quest’ultimo è considerato dalla Procura della Repubblica di Potenza un «segno ulteriore della forte fibrillazione in essere nel contesto criminale lucano». Le persone arrestate sono Vincenzo Porcelli, di 46 anni, la moglie Susanna Ditaranto, (54), e Beniamina Carbone (56): quest’ultima è la proprietaria dell’abitazione di fronte a quella di Porcelli, che la donna - secondo l’accesa - aveva "consapevolmente concessa» all’uomo per nascondervi esplosivi e droga. Inoltre, la Polizia ha fermato Kostantin Beshiri, di 54 anni, di nazionalità albanese, accusato di aver consegnato parte della droga trovata nella casa di Porcelli. I provvedimenti cautelari sono già stati convalidati dal gip di Matera, che ha disposto la custodia cautelare degli indagati.

In particolare, nell’abitazione di Porcelli e Ditaranto, la Polizia ha trovato 1,2 chili di cocaina, 2,7 chili di hashish, 125 grammi di marijuana, due fucili, cinque pistole, circa cinquemila proiettili di vario calibro e 4,5 chili di materiale esplodente, costituito da diversi ordigni e manufatti esplosivi completi di miccia.
L’operazione ha avuto la funzione - secondo gli investigatori - di prevenire «altre gravi azioni delittuose su un territorio, quello della fascia jonica-metapontina, caratterizzata da una recrudescenza criminale che non ha eguali in regione, frutto di azioni delittuose compiute con modalità e finalità di chiara matrice mafiosa».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie