Lunedì 01 Giugno 2020 | 11:58

NEWS DALLA SEZIONE

nel Materano
Grassano, ladri strappano la cassaforte dell'ufficio postale

Grassano, ladri «strappano» la cassaforte dell'ufficio postale

 
Arte
Fase 2 a Matera, riaprono i siti delle chiese rupestri nei Sassi

Fase 2 a Matera, riaprono i siti delle chiese rupestri nei Sassi

 
Il caso
Ferrandina, non c'è pace per la bonifica del sito della ex Materit

Ferrandina, non c'è pace per la bonifica del sito della ex Materit

 
La decisione
Fase 2 a Matera, il Fai riapre casa Noha per la Festa della Repubblica

Fase 2 a Matera, il Fai riapre casa Noha per la Festa della Repubblica

 
Industria
Matera, la Fiera del Mobile? «Possiamo provarci noi»

Matera, la Fiera del Mobile? «Possiamo provarci noi»

 
tecnologia
veduta di Montescaglioso

Montescaglioso, dal Comune un «no» deciso alla sperimentazione 5G

 
Lavori pubblici
Matera, sicurezza stradale: nuovo intervento Anas sulla «Basentana»

Matera, sicurezza stradale: nuovo intervento Anas sulla «Basentana»

 
BASILICATA
Policoro, moria insolita di carpe. Colpevoli i fitofarmaci?

Policoro, moria insolita di carpe. Colpevoli i fitofarmaci?

 
dalla polizia
Matera, in auto con la marijuana: 25enne ai domiciliari

Matera, in auto con la marijuana: 25enne ai domiciliari

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, servirà un’estate di fuoco. I playoff con tante mine vaganti

Bari, servirà un’estate di fuoco. I play-off con tante mine vaganti

 

NEWS DALLE PROVINCE

Potenzail bollettino
Basilicata ancora Covid-free: quinto giorno consecutivo senza contagi su 76 test

Basilicata ancora Covid-free: quinto giorno consecutivo senza contagi su 76 test

 
Batla scoperta della GdF
Gel «non igienizzante» venduto in tutta Italia: sequestri e denunce a Trani

Gel «non igienizzante» venduto in tutta Italia: sequestri e denunce a Trani

 
Materanel Materano
Grassano, ladri strappano la cassaforte dell'ufficio postale

Grassano, ladri «strappano» la cassaforte dell'ufficio postale

 
TarantoLa Provincia
Taranto, riprendono i lavori per la tangenziale Sud

Taranto, riprendono i lavori per la tangenziale Sud

 
BrindisiInquinamento
Brindisi, il sindaco: sblocco se Versalisi investe su salute e lavoro

Brindisi, il sindaco Rossi: «Sblocco se Versalis investe su salute e lavoro»

 
BariCassa integrazione
Bari, l’Inps accelera boccata d’ossigeno per i lavoratori

Bari, l’Inps accelera: boccata d’ossigeno per i lavoratori

 
LecceIL DIBATTITO
Lecce, su rete 5g esperti al lavoro

Lecce, su rete 5g esperti al lavoro

 

i più letti

Rione Scerra

Pisticci terra di «sfasciume»: dopo il dissesto geologico scomparsi i fondi

Svaniti nel nulla circa 5 milioni di euro per gli interventi. La Regione ha praticamente perso i fondi dei progetti Rendis perché non ha potuto stipulare il mutuo con la banca europea

Pisticci terra di «sfasciume»: dopo il dissesto geologico scomparsi i fondi

MATERA - Che fine hanno fatto i fondi per i lavori di sistemazione e messa in sicurezza definitiva del rione Marco Scerra? Il Comune era stato destinatario di una somma di quasi 5 milioni di euro (4,8, per la precisione), che, ad oggi, sembrano essere svaniti nel nulla. Abbiamo chiesto all’assessore comunale ai Lavori Pubblici, Salvatore De Angelis perché, sul tema, di fatto non si muove più niente ormai da qualche anno.

«Per quanto riguarda i finanziamenti per il rione Scerra, parliamo di una somma di 4.8 milioni di euro, la Regione – risponde – ha praticamente perso i fondi dei progetti Rendis perché non ha potuto stipulare il mutuo Bei (Banca europea per gli investimenti, ndr) da 92 milioni di euro. Lo Stato ha erogato una prima tranche di fondi per il dissesto idrogeologico, ma ne sono previsti altri con i quali dovrebbero finanziare i progetti in ordine di graduatoria. Ricordo che nella graduatoria regionale delle opere da finanziare, perché colpite da dissesto idrogeologico, quello relativo a Marco Scerra è al diciassettesimo posto».

Ciò posto, cosa sta facendo il Comune per accelerare l’arrivo dei fondi o, comunque, risolvere il problema in altro modo? «Stiamo interloquendo con il commissario per il dissesto idrogeologico – ha reso noto De Angelis – anche in accordo con alcuni dei parlamentari lucani. Posso assicurare che seguiamo da vicino la vicenda affinché le risorse possano essere sbloccate quanto prima per procedere al consolidamento del nostro abitato», ha concluso l’esponente dell’esecutivo grillino che governa Pisticci dal 2016. La notte tre il 3 e il 4 agosto del 2014, va ricordato, un’infiltrazione di acqua determinata, molto probabilmente dalla rottura di una conduttura dell’acqua potabile, determinò un crollo in alcune case di via Ferrari e via Fanfani, nel rione Scerra, appunto, a Pisticci. I crolli strutturali fortunatamente coinvolsero persone, ma solo cose, interessando perlopiù volte e parte di muri perimetrali. Il sindaco dell’epoca, Vito Di Trani, emise 27 ordinanze di sgombero e 5 famiglie furono costrette ad abbandonare, temporaneamente, le proprie case. I provvedimenti riguardarono immobili siti nelle vie Di Giulio, Duilio, Ferrari e Fanfani: in larga misura, si trattò di vani adibiti a deposito e garage. La zona è attigua a quella nella quale è ubicata la chiesa di San Rocco che da qualche anno, ormai, è chiusa per problemi strutturali, a conferma che nelle due zone qualche problema statico c’è e andrebbe eliminato o, comunque, “curato”. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie