Sabato 19 Gennaio 2019 | 23:31

NEWS DALLA SEZIONE

La lettera
«Gazzetta» in edicola: nuovo appello a Mattarella

«Gazzetta» in edicola: nuovo appello a Mattarella

 
La cronaca della cerimonia
È il giorno di Matera 2019, da oggi è Capitale Europea della Cultura

Matera 2019, cerimonia con Mattarella:
«Oggi giorno di orgoglio per l'Italia» VD
La cerimonia inaugurale: il fotoracconto

 
La nota
Matera 2019, Pittella: «È la vittoria dei sogni»

Matera 2019, Pittella: «È la vittoria dei sogni»

 
Dopo i lavori
Matera 2019: domani riapre la stazione Fal

Matera 2019: domani riapre la stazione Fal

 
Trasporti
Fal, treni svizzeri per la tratta Bari-Matera: 23 mln di investimenti

Fal, treni svizzeri per la tratta Bari-Matera: 23 mln di investimenti

 
L'evento
Matera 2019, il premier Conte alla cerimonia di inaugurazione

Matera 2019, il premier Conte alla cerimonia di inaugurazione

 
La manifestazione
Matera 2019, 38mila bandierine per la cerimonia inaugurale

Matera 2019, oltre 38mila bandierine per la cerimonia inaugurale

 
Pioggia torrenziale in Basilicata
Maltempo in Basilicata, cede muro di contenimento: evacuate 18 famiglie

Maltempo, cede muro di contenimento a Tricarico: evacuate 18 famiglie

 
Ambiente ferito
Matera, Trivelle nello Ionio: «Un attentato a economia turistica e della pesca»

Matera, Trivelle nello Ionio: «Un attentato a economia turistica e della pesca»

 
La decisione
Matera 2019, scuole chiuse per la cerimonia del 19 gennaio

Matera 2019, scuole chiuse per la cerimonia del 19 gennaio

 
La decisione in Giunta
Decreto «Sicurezza», anche la Basilicata ricorre alla Consulta

Decreto «Sicurezza», anche la Basilicata ricorre alla Consulta

 

PHOTONEWS

Contrasto alla povertà

Basilicata, reddito di cittadinanza per 10mila

Questa, per i Centri per l’impiego, la platea dei lucani che può aspirare al sostegno promosso dal Governo

Basilicata, reddito di cittadinanza per 10mila

MATERA - Tra gli otto e i diecimila beneficiari. È l’ipotetica platea di lucani che potrebbe giovarsi del reddito di cittadinanza, la misura di contrasto alla povertà che il Governo guidato da Giuseppe Conte starebbe per varare, per farla partire da marzo 2019. La stima non è ufficiale ed è di Antonio Fiore, amministratore dell’Agenzia Lab (Lavoro e Apprendimento Basilicata), la struttura che sovrintende in Centri per l’Impiego, dai quali bisognerà passare per chiedere il reddito di cittadinanza. Fiore, però, ha precisato: «Stiamo parlando di una semplice ipotesi empirica, per il semplice motivo che, allo stato, il Governo non ha indicato alcun elemento relativo ai presupposti per poter fruire della misura. Molto, evidentemente, dipenderà dal reddito Isee entro il quale si potrà aver diritto al reddito di cittadinanza. Reddito che, ora come ora, non è stato ancora deciso».

Come si arriva, tuttavia, a questa previsione, sebbene empirica? Sicuramente partendo da un dato certo: il numero di persone che ha fatto richiesta per ottenere il reddito minimo d’inserimento, la misura di contrasto alla povertà che la Regione Basilicata, prima in Italia, ha fatto partire ad inizio anno. Numero che si è attestato sulle dodicimila unità (circa quattromila, invece, coloro che sono stati riconosciuti aventi diritto e sono, dunque, divenuti beneficiari veri e propri). Se gli estremi sono questi (dodicimila e quattromila, appunto), sempre tenendo conto che si ragiona su mere ipotesi, la platea di coloro che potrebbero ricevere il reddito di cittadinanza potrebbe attestarsi sul numero indicato, cioè tra gli otto e i diecimila. «È chiaro che se il limite reddituale viene esteso rispetto a quello da noi fissato per il reddito minimo di inserimento – ha aggiunto Fiore – la platea crescerà. Qualora, invece, il reddito dovesse essere più basso, va da sé che diminuirà. Quello che conta, però, è che al momento non abbiamo altri elementi di riferimento. Possiamo solo prendere atto con soddisfazione che nei vari tavoli romani che si stanno susseguendo è stato fatto spesso riferimento alla struttura e alle caratteristiche del nostro reddito minimo. È evidente che qualora dovesse farsi riferimento alla misura da noi creata, questo ci riempirebbe di soddisfazione».

Dato per scontato che il reddito di cittadinanza si farà e che, in teoria, potrebbe interessare la platea ipotizzata, nasce spontanea una domanda: chi oggi percepisce il reddito minimo di inserimento oppure il rei (Reddito d’inclusione) nazionale, potrà anche beneficiare di quello di cittadinanza. Ci sarà, in buona sostanza, l’effetto cumulo? «Assolutamente no – ha chiarito Fiore – perché, altrimenti, potrebbero esserci persone che, senza un lavoro, si porterebbero a casa una bella somma mensile. È chiaro che non si potrà cumulare le tre misure e, ritengo, si dovrà scegliere. Ma anche su questo c’è al momento qualche incertezza. Penso che nel momento in cui un cittadino decida di candidarsi a percepire il reddito di cittadinanza dovrà rinunciare all’altra misura eventualmente goduta». Qui, evidentemente, si insinua un’altra domanda: se così dovesse essere (ma ci sono pochi dubbi), la Regione Basilicata cancellerà il reddito minimo? «Potrebbe essere una soluzione, ma purtroppo stiamo ragionando su ipotesi e non su fatti. È chiaro che con l’arrivo del reddito di cittadinanza potrebbe anche essere necessario far cessare il reddito minimo. Però è presto adesso per dirlo: tra qualche settimana sono certo che avremo ben altro sui cui ragionare e, a quel punto, avremo sicuramente le risposte alle sue domande».

Che, in realtà, sono le domande che si fanno un po’ tutti. Accanto a quella, forse, principale: il reddito di cittadinanza può essere un valido deterrente alla povertà di talune fasce di lucani (e di italiani), oppure condanna quelle fasce definitivamente ad accontentarsi delle briciole? 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400