Lunedì 18 Febbraio 2019 | 09:42

NEWS DALLE PROVINCE

BatLa protesta
A Trani un sit-in dei cittadini contro la chiusura dell’ospedale

A Trani un sit-in dei cittadini contro la chiusura dell’ospedale

 
BrindisiIl caso
Brindisi, migrante aggredito dal branco per rubargli pochi spiccioli

Brindisi, migrante aggredito dal branco per rubargli pochi spiccioli

 
BariI retroscena
Bari, lo spacciatore di Madonnella ucciso per un affare sbagliato

Bari, lo spacciatore di Madonnella ucciso per un affare sbagliato

 
TarantoSi è impiccato
Taranto, si uccide in carcere 78ene che massacrò a coltellate la moglie a Trepuzzi

Taranto, si uccide in carcere 78enne che massacrò a coltellate la moglie a Trepuzzi

 
FoggiaLite sulle elezioni
San Severo, scazzottata nella sede della Lega per il candidato sindaco. Due espulsi, arriva il commissario

San Severo, rissa nella sede della Lega per il candidato sindaco. Il partito li caccia

 
LecceNel Leccese
Ruba 200 libri antichi da casa di un anziano: denunciato a Taviano

Ruba 200 libri antichi da casa di un anziano: denunciato a Taviano

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 

LETTERE AL DIRETTORE

Bisogna avere il coraggio di toccare i diritti acquisiti

Qualche anno fa il governo italiano cacciò il sindaco di Taranto, che aveva portato il comune al fallimento.

Con un bravo commissario, ora deputato del PD, potette vedere da dove era scaturito il fallimento. Erano stati gonfiati gli stipendi dei dipendenti comunali, venivano fatte più ore di straordinario di quelle ordinarie e c'era una corruzione spaventosa. Il commissario usò la scure senza guardare in faccia a nessuno, eliminando quei falsi diritti acquisiti.

Il Comune di Taranto fu risanato in pochi mesi e furono eliminate tutte le mele marce che avevano determinato quel fallimento.

Credo che se Renzi usasse lo stesso metodo otterrebbe lo stesso risultato.

In Italia sono stati messi, al raggiungimento di 50 anni , da governi nazionali e regionali , i vitalizi a parlamentari o consiglieri regionali che hanno partecipato anche a mezza legislatura.

Questi vitalizi vengono considerati diritti acquisiti e non possono essere tolti.

Credo , come tanti Italiani, che questi debbano essere ridotti di molto o eliminati , come si fa quando si scoprono i falsi invalidi. C'è una ex pornostar non Italiana, che percepisce dallo Stato Italiano un vitalizio di 3000 euro al mese dall'età di 50 anni.

Questa pornostar, chiamata Cicciolina, fu eletta in Parlamento grazie ad una scommessa di Pannella, che volle dimostrare che si può diventare deputato anche senza meriti politici, ma solo grazie alla notorietà.

Quel vitalizio è un'offesa ai tanti pensionati ex commercianti, che dopo una vita di lavoro e di contributi versati non percepiscono neppure 1000 euro al mese. Se poi dovessimo pensare alle misere pensioni previste per i lavoratori attualmente in servizio ci sarebbe veramente da ribellarsi con violenza.

I vitalizi non sono diritti acquisiti, ma furti legalizzati. Vanno eliminati senza se e senza ma.

Chi sta attualmente al governo non godrà di questo privilegio e credo che questo fatto sarà una motivazione, più che valida, per poter far nascere loro il senso di giustizia e li convinca ad eliminare una legge che è un'offesa ai principi morali, ai quali vanno ispirate tutte le leggi dello Stato.

I vitalizi sono furti, non diritti e vanno eliminati.

Renzi ha in mano una carta vincente per le prossime elezioni e sono certo che la userà per avere dalle urne un responso impensabile per coloro che lo ritengono abusivo, in quanto non eletto direttamente dal popolo.

Prima di andare a nuove elezioni Renzi farà approvare la legge che cancellerà definitivamente i vitalizi, alla faccia della Corte Costituzionale e dei diritti acquisiti.

Sarà una mossa che sarà benedetta da tutti gli Italiani e dall'Europa intera.

Biagio Sannicandro (Bari)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400