Venerdì 22 Marzo 2019 | 23:54

NEWS DALLA SEZIONE

La foto
Scritta shock contro il vicepremier a Lecce: «Non sparare a Salve, spara a Salvini»

Scritta shock contro il vicepremier a Lecce: «Non sparare a salve, spara a Salvini»

 
La mobilitazione
Xylella, da domani presidio permanente degli agricoltori a Lecce

Xylella, da domani presidio permanente degli agricoltori a Lecce

 
Il caso
Lecce, truffe ad Inps e Agenzie delle entrate: due indagati

Lecce, truffe ad Inps e Agenzie delle entrate: due professionisti salentini arrestati

 
L'iniziativa
Salento, ecco i maratoneti spazzini: sport contro gli zozzoni

Salento, ecco i maratoneti spazzini: sport contro gli zozzoni

 
Emergenza batterio killer
Xylella, lunedì 25 marzo incontro a Lecce con il ministro Lezzi

Xylella, lunedì 25 marzo incontro a Lecce con il ministro Lezzi

 
Nel Leccese
Trepuzzi: furto al Comune nella notte, rubati 7 computer

Trepuzzi: furto al Comune nella notte, rubati 7 computer

 
A lecce
Statua S.Oronzo, procede restauro: «È molto deteriorata»

Statua S.Oronzo, procede restauro: «È molto deteriorata»

 
Nel Leccese
Presicce, bimbo dimenticato sullo scuolabus, salvato dopo 5 ore

Presicce, bimbo dimenticato sullo scuolabus: salvato dopo 5 ore

 
Il fatto nel 2015
Lecce, pm riapre il caso del suicidio di «dj Navi»

Lecce, pm riapre il caso del suicidio di «dj Navi»

 
Il 25 marzo
Xylella, ministro Lezzi convoca incontro con sindaci del Salento

Xylella, ministro Lezzi convoca incontro con sindaci del Salento

 
I dati
Unisalento, rettore: «Immatricolazioni cresciute del 7,5%»

Unisalento, rettore: «Immatricolazioni cresciute del 7,5%»

 

Il Biancorosso

IL REBUS
Come sostituire Hamlili?Le soluzioni di Cornacchini

Come sostituire Hamlili?
Le soluzioni di Cornacchini

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiFino al 25 marzo
Brindisi, atti vandalici in scuola media: resterà chiusa per 4 giorni

Brindisi, atti vandalici in scuola media: resterà chiusa per 4 giorni

 
HomeLa foto
Scritta shock contro il vicepremier a Lecce: «Non sparare a Salve, spara a Salvini»

Scritta shock contro il vicepremier a Lecce: «Non sparare a salve, spara a Salvini»

 
FoggiaDopo i servizi di «Striscia»
Deliceto, percolato della discarica nel fiume: accuse di Regione e Ager

Deliceto, percolato della discarica nel fiume: accuse di Regione e Ager, violato il contratto

 
BariAmbiente
Sacchetti rifiuti, in 5 comuni baresi ritiro anche con tessera sanitaria

Sacchetti rifiuti, in 5 comuni baresi si ritireranno con tessera sanitaria

 
TarantoIl siderurgico
Taranto, Arcelor Mittal condannata per comportamento antisindacale

Taranto, AM condannata per comportamento antisindacale. Borraccino: «Sentenza storica»

 
PotenzaEnergia e polemiche
Basilicata, un colpo di coda sull’eolico raddoppiata la potenza

Basilicata, un colpo di coda sull’eolico raddoppiata la potenza

 
BatIl caso
Andria, vertenza Villa Gaia accuse e polemiche a colpi di carte bollate

Andria, vertenza Villa Gaia accuse e polemiche a colpi di carte bollate

 

In Salento

Sequestrati beni per 13 mln
a clan vicino alla Sacra Corona

Il sequestro riguarda gioiellerie, supermercati e società immobiliari, con immobili ubicati a Lecce, Galatina, Aradeo, Melendugno, nonché autovetture e disponibilità finanziarie

Finanza

LECCE - Beni per oltre 13 milioni di euro sono stati sequestrati da militari del nucleo di Polizia tributaria della Guardia di Finanza di Lecce a presunti componenti un gruppo criminale di Galatina (Lecce), dedito all’usura, all’estorsione e al riciclaggio, capeggiato da esponenti del clan Coluccia della Scu. Il sequestro riguarda gioiellerie, supermercati e società immobiliari, con immobili ubicati a Lecce, Galatina, Aradeo, Melendugno, nonché autovetture e disponibilità finanziarie.

Il sequestro scaturisce dall’indagine della Dda salentina che nel settembre scorso aveva portato a 9 arresti ed al sequestro di beni per oltre 5 milioni. L’inchiesta ha evidenziato come i destinatari dei sequestri di oggi fossero abitualmente dediti all’usura, all’esercizio abusivo della raccolta del risparmio, alle estorsioni, al riciclaggio, al reimpiego di denaro di provenienza delittuosa nonché alla turbativa d’asta. Una vera e propria consorteria criminale che - secondo la Gdf - si avvaleva di modalità mafiose, per esercitare le proprie pretese creditorie. Le indagini hanno anche accertato l’adozione di precise strategie di infiltrazione nell’economia legale.

Infatti, una parte dei proventi dell’usura e dell’esercizio abusivo dell’attività finanziaria sarebbe stata impiegata per finanziare sia attività commerciali, riconducibili a congiunti degli indagati, operanti nel settore dei supermercati e del commercio di oro e preziosi, sia nelle compravendite immobiliari. Alcuni degli indagati - secondo le indagini - partecipavano alle procedure esecutive presso il Tribunale di Lecce per la vendita all’asta degli immobili tenendo condotte tese a turbare la libertà degli incanti mediante minacce di azioni ritorsive rivolte contro privati e finalizzate ad ottenere l’abbandono dell’asta e l’aggiudicazione dei relativi beni. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400