Lunedì 08 Agosto 2022 | 06:42

In Puglia e Basilicata

L'inchiesta

«Lecce, i posti in Sanitaservice venduti per diecimila euro»

sanità

19 perquisizioni della Finanza dopo la denuncia di chi ha pagato. L’accusa di corruzione: truccato il concorso per 159 assunzioni. L’ipotesi: in cambio di soldi 2 donne avrebbero aiutato i concorrenti ad accumulare titoli per arrivare ai primi posti della graduatoria

05 Agosto 2022

Gianfranco Lattante

LECCE - Un’altra inchiesta scuote il settore della sanità. A Lecce la Guardia di Finanza segue la pista delle tangenti per le assunzioni in SanitaService, la società in-house che si occupa di fornire gli ausiliari, il portierato e gli altri servizi strumentali alla Asl, socio unico dell’azienda. A verbale ci sono le dichiarazioni di chi ha ammesso di aver pagato settemila euro (qualcuno anche fino a diecimila) per assicurarsi uno dei 159 posti messi a bando tra ausiliari, addetti alle pulizie ed altri lavori da manovali.

L’inchiesta, coordinata dal sostituto procuratore Massimiliano Carducci, ieri mattina è uscita allo scoperto con una raffica di perquisizioni. Una ventina in tutto, ma il numero degli indagati dovrebbe essere più ampio. Il management aziendale non risulta tra gli indagati...

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO SULLA NOSTRA DIGITAL EDITION E SUL CARTACEO

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

EDITORIALI

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725