Mercoledì 05 Ottobre 2022 | 07:25

In Puglia e Basilicata

Il caso

Uomo ucciso a Lequile durante una rapina, i due arrestati non rispondono al Gip

Omicidio Lequile, fermato il secondo uomo

I difensori intendono prima visionare i filmati delle telecamere

20 Luglio 2021

Redazione online

LECCE - Si sono avvalsi della facoltà di non rispondere Paulin Mecaj e Andrea Capone, arrestati per l'omicidio di Giovanni Caramuscio, l’ex direttore di banca di 69 anni freddato davanti alla moglie con due colpi di pistola venerdì a Lequile, in Salento, mentre prelevava denaro da uno sportello bancomat. La scelta di non rispondere al Gip durante l’udienza di convalida, oggi nel carcere di Lecce, è stata motivata dai legali, difensori di entrambi, con l’intenzione di visionare prima tutti i filmati delle tre telecamere, che avrebbero incastrato il 31enne di origini albanesi ritenuto l’esecutore materiale dell’omicidio e il complice salentino Andrea Capone, 28 anni, residente a Lequile. Nelle prossime ore è attesa la decisione del gip Laura Liguori sulla convalida del fermo e l'applicazione della custodia cautelare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725