Venerdì 07 Agosto 2020 | 18:02

NEWS DALLA SEZIONE

giornalismo
Rai, la salentina Marilù Lucrezio alla sede di Bruxelles

Rai, la salentina Marilù Lucrezio alla sede di Bruxelles

 
controlli anti-Covid
Marina di Nardò, zero distanziamento, dipendenti senza mascherine: un locale chiuso e uno multato

Nardò, zero distanziamento, dipendenti senza mascherine: un locale chiuso e uno multato

 
nel salento
Movida, a Gallipoli il sindaco pensa a vigilanti per controllare le spiagge

Movida, a Gallipoli il sindaco pensa a vigilanti per controllare le spiagge

 
LA TESTIMONIANZA
Specchia, io e mia figlia, ferita nell'inferno di Beirut

Specchia, parla Antonio Lia: «Mia figlia, ferita nell'inferno di Beirut»

 
nel salento
Melpignano, inaugura il Museo Storico del Tarantismo: è il primo al mondo

Melpignano, inaugura il Museo Storico del Tarantismo: è il primo al mondo

 
arte
Lecce, Daniela D'Autilia «racconta» il suo 2020 in una mostra

Lecce, Daniela D'Autilia «racconta» il suo 2020 in una mostra

 
nel salento
Gallipoli, serate non autorizzate: sigilli a discoteca «Quartiere Latino», indagato titolare

Gallipoli, serate non autorizzate: sigilli a discoteca «Quartiere Latino», indagato titolare

 
La storia
Zorba, il gabbiano con le ali ai piedi è tornato a Porto Cesareo

Zorba, il gabbiano con le ali ai piedi è tornato a Porto Cesareo

 
L'iniziativa
Ecco «Sorrisi di Puglia», l'omaggio alla bellezza del nostro territorio firmato Sangiorgi

«Sorrisi di Puglia», l'omaggio alla bellezza del nostro territorio: è firmato da Sangiorgi

 
L'esplosione
Beirut, tra i feriti anche figlia ex deputato salentino

Beirut, tra i feriti anche figlia di un ex deputato salentino

 
I DATI
Le imprese salentine perdono 2600 addetti

Le imprese salentine perdono 2600 addetti

 

Il Biancorosso

serie c
La C del Bari sarà da brividi grandi firme nel girone Sud

La C del Bari sarà da brividi: grandi firme nel girone Sud

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoNel centro storico
Martina Franca, imbrattato comitato elettorale FdI

Martina Franca, imbrattato comitato elettorale FdI

 
Potenzala denuncia
Coronavirus migranti in Basilicata, Bardi: «Situazione ha raggiunto ormai livello di guardia»

Coronavirus migranti in Basilicata, Bardi: «Situazione ha raggiunto livello di guardia»

 
Barimaltrattamenti in famiglia
Bari, picchia la moglie e le rompe il naso davanti a figli piccoli: arrestato 20enne violento

Bari, picchia la moglie e le rompe il naso davanti a figli piccoli: arrestato 20enne

 
Leccegiornalismo
Rai, la salentina Marilù Lucrezio alla sede di Bruxelles

Rai, la salentina Marilù Lucrezio alla sede di Bruxelles

 
Batl'evento
Trani, l'11 agosto appuntamento con Neri Marcorè tra cinema, canzoni e imitazioni

Trani, l'11 agosto appuntamento con Neri Marcorè tra cinema, canzoni e imitazioni

 
Brindisinel Brindisino
Ceglie Messapica: banditi rapinano banca in pieno giorno, via con il bottino

Ceglie Messapica: banditi rapinano banca in pieno giorno, via con il bottino

 
FoggiaOCCUPAZIONE
Centri impiego «barricati, colpa del Covid: non si entra

Foggia, centri impiego «barricati», colpa del Covid: non si entra

 
MateraA Ferrandina
Coronavirus, positivi 20 migranti arrivati dalla Sicilia e ospiti in struttura del Materano

Coronavirus, positivi 20 migranti arrivati dalla Sicilia e ospiti in struttura del Materano

 

i più letti

batterio Killer

Salice Salentino, il secolare “albero del diavolo” ucciso dalla Xylella dopo 400 anni

L’imponente ulivo si è arreso. Della pianta vi è traccia nel catasto onciario del Regno di Napoli

Il secolare “albero del diavolo”

SALICE - Addio al leggendario “albero del diavolo” (“arilu te lu tiaulu”). Il secolare ulivo, che si trova poco distante dal paese sulla strada provinciale per Novoli, è seccato. Dopo circa 400 anni di vita, l’imponente pianta, che alla base del tronco misura una circonferenza di quasi nove metri, è stata uccisa dal batterio della Xylella fastidiosa, il killer che sta falcidiando anche gli ulivi dell’intero territorio comunale. La pianta risulta già menzionata nel Catasto onciario del Regno di Napoli, voluto per ragioni fiscali da re Carlo di Borbone e realizzato alla metà del ‘700. Si tratta, insomma, di una perdita grave, oltre che per l’età ragguardevole della pianta, soprattutto per ciò che rappresentava per la tradizione e la cultura della comunità locale. Intorno al vecchio ulivo, peraltro non molto distante dall’area cimiteriale, nei secoli sono nate tante leggende, forse alcune ispirate a fatti realmente accaduti. Leggende tramandate per generazioni, attraverso i racconti degli anziani, un tempo offerti ai ragazzini seduti d’inverno vicino ai caminetti ad ascoltare le storie dei nonni.

Negli anni, storici e scrittori salentini hanno dedicato all’albero del diavolo scritti e opere di narrativa. Fra questi c’è anche Ciccio Innocente il quale, nel 2009, assieme a Ninì Urbano e Antonio Scandone, ha pubblicato il libro “Ricordi e racconti, alla ricerca del paese perduto” (“Edizioni Publigrafic”). Innocente, autore anche del libretto “Per questa sagrosanta Imagine” (2007) dedicato al quadro “Madonna della Visitazione” e del volume sul Catasto Onciario di Salice (2011), nello specifico capitolo racconta due episodi legati all’ulivo secolare. In uno di questi, ricorda che accanto alla pianta, quando ancora non c’era la provinciale per Novoli, passava un sentiero di campagna che conduceva alla contrada “Santu Larienzu” dove c’era, appunto, una chiesetta dedicata a San Lorenzo.

Per giungere alla cappella, dunque, “bisognava passare accanto a questo albero maestoso il cui appellativo sinistro, pur non conoscendone il vero motivo, non gli era stato attribuito a torto”.

“Narrano i nostri storici locali – spiega Innocente – che, nei tempi trascorsi, nei paraggi di quest’albero si appostassero quattro ladroni che, a volto coperto, aggredivano e rapinavano, malmenandoli, quanti si trovassero a passare”.
Altri episodi raccontano che il diavolo (quasi sempre un individuo paurosamente travestito e con catene), appariva per punire ladri di frutta o per spaventare i passanti.

Adesso l’albero dei “misteri” è seccato: scheletro di una preziosa testimonianza di tempi lontani, forse irrimediabilmente perduta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie