Mercoledì 08 Luglio 2020 | 12:04

NEWS DALLA SEZIONE

al castello
Arte: per i 99 anni del maestro Pietro Guida le sue sculture arrivano in mostra a Copertino

Arte: per i 99 anni del maestro Pietro Guida le sue sculture arrivano in mostra a Copertino

 
nel salento
Bimbo scomparso nel 1977 a Racale: individuato presunto sequestratore

Bimbo scomparso nel 1977 a Racale: individuato presunto sequestratore

 
Nettezza urbana
Lecce, Rifiuti, annullato l’appalto aggiudicato a Ecotecnica-Axa

Lecce: rifiuti, annullato l’appalto aggiudicato a Ecotecnica-Axa

 
Operazione dei Cc
Tricase, preso con due etti di cocaina: in cella 33enne

Tricase, preso con due etti di cocaina: in cella 33enne

 
Accusati di rapina
Squinzano, Sassuolo-Lecce senza abbonamento: aggredito ispettore Sky, 3 in manette

Squinzano, Sassuolo-Lecce senza abbonamento: aggredito ispettore Sky, 3 in manette

 
Il caso
ri

Nardò, ritrovata a Ostia la mamma sparita il 30 giugno: allontanamento volontario

 
Nel Salento
Mafia, droga ed estorsioni a Gallipoli: colpo alla Scu, 9 arresti

Mafia, droga ed estorsioni a Gallipoli: colpo alla Scu, 10 arresti, sequestrate armi

 
Social news
Gianni Morandi da Matera a Lecce: continua la vacanza del cantante al Sud

Gianni Morandi da Matera a Lecce: continua la vacanza del cantante al Sud

 
La tragedia
Torino, donna leccese uccisa dalla figlia a coltellate: la ragazza si getta dal balcone

Torino, donna leccese uccisa dalla figlia a coltellate: la ragazza si getta dal balcone

 

Il Biancorosso

Serie C
Gautieri: «Bari, se devo affrontarti spero sia nella partita della finale»

Gautieri: «Bari, se devo affrontarti spero sia nella partita della finale»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Lecceal castello
Arte: per i 99 anni del maestro Pietro Guida le sue sculture arrivano in mostra a Copertino

Arte: per i 99 anni del maestro Pietro Guida le sue sculture arrivano in mostra a Copertino

 
Foggial'episodio
Foggia, petardo esplode sotto casa di due donne: boato in mezza città

Foggia, petardo esplode sotto casa di due donne: boato in mezza città

 
Potenzail caso
Potenza, giallo mascherine: blitz Finanza al San Carlo

Potenza, giallo mascherine: blitz Finanza al San Carlo

 
Barila denuncia
Gravina, mistero al cimitero: corpo di una bimba sparito dalla tomba

Gravina, mistero al cimitero: corpo di una bimba sparito dalla tomba

 
BrindisiE' ricoverato
Da Milano in vacanza a Villanova: turista va in ospedale, positivo al Covid

Da Milano in vacanza a Villanova: turista va in ospedale, positivo al Covid

 
TarantoPreso dai Cc
Taranto, spacciatore tradito da un incidente: aveva droga in auto

Taranto, spacciatore tradito da un incidente: aveva droga in auto

 
Batper i dipendenti
Asl-Bat, ecco le «ferie solidali», da cedere a colleghi in difficoltà

Asl-Bat, ecco le «ferie solidali», da cedere a colleghi in difficoltà

 
MateraIl caso
Matera, pulizia nei Sassi: il progetto resta nel cassetto

Matera, pulizia nei Sassi: il progetto resta nel cassetto

 

i più letti

Sanità post emergenza

L’ospedale di Copertino riapre ma l’organizzazione è disastrosa

Resta chiuso il centro trasfusionale in allarme i ricoverati e gli assistiti

Il San Giuseppe da Copertino

COPERTINO -  “Il San Giuseppe da Copertino torni ad essere quello che era prima della infezione da Coronavirus, con tutti i reparti funzionanti”. Dopo essere stato a disposizione dei pazienti infettati dal Covid 19 e tornato a disposizione di un vasto bacino di utenza dal 25 maggio scorso, secondo quanto sostiene il segretario provinciale del Cobas, Giuseppe Mancarella, il presidio ospedaliero verserebbe ancora in “una disastrosa organizzazione”.

Lamentele in tal senso si registrano anche tra le comunità religiose cittadine che sentono gli effetti della mancata riorganizzazione di questo polo ospedaliero, ritenuto essenziale per la salute di tutti, sebbene declassato a struttura di base. Nel mirino sono finiti Pronto soccorso, Chirurgia, Ortopedia e Centro trasfusionale. Il Cobas ha inviato un sollecito al governatore Michele Emiliano, nonché assessore regionale alla Salute, alla direzione generale dell’Asl Lecce, al direttore sanitario del presidio e al sindaco affinché si impegnino per una adeguata riorganizzazione della struttura sanitaria.

“Ci eravamo proposti il silenzio per un po’ di tempo - dice Mancarella - ma la situazione organizzativa è al limite di ogni raziocinio perché in questo ospedale, che somiglia sempre più ad una comune degli anni ‘70, la farsa ha preso il posto della realtà e la rabbia degli operatori sanitari non è più gestibile”.

Secondo Mancarella la disorganizzazione del periodo Covid continua ancora. “Tanto che non si riescono ad eseguire i controlli come Tac torace, esami del sangue e visite di controllo sui pazienti Covid dimessi - dice - I reparti riaperti con tante limitazioni, tra cui posti letto dimezzati e la cronica assenza di primari, sono solo un regalo alle vanitose aspirazioni dei politici”. Particolare riferimento viene fatto ai 200mila euro donati dalla Banca di Credito Cooperativo di Leverano per la Terapia intensiva post operatoria mai allestita né aperta. “Al 118 è stato disposto di non trasportare pazienti con fratture o patologie chirurgiche - fa sapere - Il Centro trasfusionale chiuso e tutti gli operatori sono ancora sparsi in altri presidi della Asl; Ortopedia ridotta ad una piccola clinica gestita solo da 3-4 ortopedici, mentre erano 8, e senza un primario in sede; Chirurgia ha un futuro incerto, con pochi medici rientrati dagli altri ospedali e la mancanza di un primario stabilmente in sede; Pronto soccorso in sofferenza perenne di personale. Insomma, i reparti con poco personale e posti letto dimezzati non possono offrire adeguata assistenza ad un enorme bacino di utenza che sta mettendo in difficoltà anche il Fazzi. Inoltre va detto che non si eseguono ancora esami per gli utenti esterni e gli ambulatori per lo più non hanno ripreso a funzionare. In tutto questo marasma le grandi assenti sono le direzioni di presidio. Quella amministrativa ormai da anni e quella sanitaria in evidente affanno”.

Alla direzione strategica della Asl, il Cobas chiede di mettere in atto le direttive regionali che dicono chiaramente che il San Giuseppe da Copertino deve tornare ad essere quello che era prima della infezione da Coronavirus. “I fatti sono l’unico modo per dare futuro all’ospedale e assistenza sanitaria ad una popolazione abbandonata a se stessa» conclude Mancarella.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie