Domenica 17 Novembre 2019 | 23:44

NEWS DALLA SEZIONE

musica
«Bases», a Lecce la presentazione dell'album del sassofonista Giovanni Chirico

«Bases», a Lecce la presentazione dell'album del sassofonista Giovanni Chirico

 
In Salento
Scorrano, ruba in chiesa dalla cassetta delle offerte e urina sull'altare: caccia al ladro

Scorrano, ruba in chiesa dalla cassetta delle offerte e urina sull'altare: caccia al ladro

 
occupazione
Melpignano, Tessitura del Salento industriale: a rischio 40 posti di lavoro

Melpignano, Tessitura del Salento industriale: a rischio 40 posti di lavoro

 
nel Salento
Veglie, entra in tabaccheria con pistola e scappa con 3mila euro

Veglie, entra in tabaccheria con pistola e scappa con 3mila euro

 
L'appuntamento
Scorrano, torna il presepe di sabbia: vicino alla Natività anche Don Tonino Bello e Gandhi

Scorrano, torna il presepe di sabbia: vicino alla Natività anche Don Tonino Bello e Gandhi

 
il ritrovamento
Porto Cesareo, il maltempo scoperchia antica tomba

Porto Cesareo, il maltempo scoperchia antica tomba

 
teatro
Didone ed Enea: il capolavoro di Purcell al Teatro Apollo, con incursioni di Antonio Caprarica

Didone ed Enea: il capolavoro di Purcell al Teatro Apollo, con incursioni di Antonio Caprarica

 
i DISAGI
Maltempo in Puglia, danni per 6 mln di euro a Porto Cesareo

Maltempo in Puglia, danni per 6 mln di euro a Porto Cesareo

 
nel Salento
Maglie, la compagna è malata: tutta la classe fa il vaccino antinfluenzale

Maglie, la compagna è immunodepressa: tutta la classe fa il vaccino antinfluenzale

 
Il caso
Galatina, imprenditore agricolo spara a operaio e lo ferisce al volto

Galatina, imprenditore agricolo spara a operaio e lo ferisce al volto

 
Il gasdotto
Tap, Snam annuncia: «Lavori al 90%, consegna confermata per il 2020»

Tap, Snam annuncia: «Lavori al 90%, consegna confermata per il 2020»

 

Il Biancorosso

serie c
Antenucci e una partita speciale: «Incrocio fra passato e presente»

Bari batte Paganese 1-0. Decide la rete di Antenucci. Rivedi la diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoLa protesta
Mittal, a Taranto sindacati sul piede di guerra: nessuno spegnerà la fabbrica

Mittal, a Taranto sindacati sul piede di guerra: nessuno spegnerà la fabbrica
Voci su blocco uscita dei camion

 
Leccemusica
«Bases», a Lecce la presentazione dell'album del sassofonista Giovanni Chirico

«Bases», a Lecce la presentazione dell'album del sassofonista Giovanni Chirico

 
Barila storia
Bari, Teatro Piccinni: ecco perché non fu intitolato a Maria Teresa d'Asburgo

Bari, Teatro Piccinni: ecco perché non fu intitolato a Maria Teresa d'Asburgo

 
Materail personaggio
Da «Imma Tataranni» al cinema con «Gli uomini d'oro»: il materano Giuseppe Ragone si racconta

Da «Imma Tataranni» al cinema con «Gli uomini d'oro»: il materano Giuseppe Ragone si racconta

 
Foggiadai carabinieri
Cerignola, non si ferma all'alt e fugge con 2 figli piccoli a bordo, arrestata mamma 30enne

Cerignola, non si ferma all'alt e fugge con 2 figli piccoli a bordo, arrestata mamma 30enne

 
Brindisiin via Longobardo
Brindisi, cemento e calcinacci si abbattono al suolo: tragedia sfiorata al Casale

Brindisi, cemento e calcinacci si abbattono al suolo: tragedia sfiorata al Casale

 
Batnel nordbarese
Canosa, nuova discarica in Contrada Tufarelle, appello all'Arpa Puglia: «Decidano solo i tecnici»

Canosa, nuova discarica in Contrada Tufarelle, appello all'Arpa Puglia: «Decidano solo i tecnici»

 
Potenzail personaggio
Potenza, il Capodanno Rai ha cambiato la vita a Peppone, mito dello street food

Potenza, il Capodanno Rai ha cambiato la vita a Peppone, mito dello street food

 

i più letti

il personaggio

Casarano, 90 anni di Dina Nicolazzo, «regina» delle scarpe per le star di Hollywood

L'azienda calzaturiera Elata non ha mai conosciuto la crisi: Dina nonostante l'età è sempre in prima linea

Casarano, 90 anni di Dina Nicolazzo, «regina» delle scarpe per le star di Hollywood

Accanto a un grande uomo c’è sempre una grande donna, sia essa la moglie, la sorella o la figlia.

Quella di Dina Nicolazzo, 90 anni appena compiuti, è la storia di una donna forte e coraggiosa che, in tempi difficili, ha saputo traghettare l’azienda di famiglia, la Elata, verso il futuro, proiettandola, anche grazie all’aiuto dei suoi familiari e collaboratori, in una dimensione internazionale.

Oggi, l’immagine della donna manager, della donna in carriera, della donna che sacrifica la propria vita affettiva per dedicarsi al lavoro non desta più molta sorpresa. Ma negli anni ‘50, quando la signora Dina, diminutivo di Claudia, ha iniziato ad affiancare il padre nell’azienda che quest’ultimo aveva fondato nel 1923, le cose erano ben diverse.

Nonostante abbia da poco spento le sue prime 90 candeline, la signora Dina ancora non ne vuol sapere di andare in pensione. La sua è stata una vita interamente dedicata all’azienda di famiglia, dove ancora oggi lavora.

Dopo il fratello maggiore, Amleto Nicolazzo, scomparso nel 2015, Salvatore e la moglie Leonarda Mita (genitori di Dina) avevano avuto altri sei figli: cinque sorelle, la maggiore delle quali era Dina, e un fratello.

Nell’ordine, dopo Dina, nacquero: Maria, Gennarina, le gemelle Tommasina e Teresa e Martino Antonio.
«La nostra famiglia numerosa – spiega Tommasina – era l’orgoglio di papà. I due maschi in collegio, visto che all’epoca a Casarano mancavano le scuole superiori, e noi bambine, secondo l’età, svolgevamo i lavori di casa, perché mamma e papà erano impegnati a lavorare nel calzaturificio, nato alcuni anni prima di noi. Noi eravamo piccole e Dina ci aiutava in tutto, anche a fare i compiti di scuola. Sedute sullo sgabellino di legno, ci poggiavamo sulle sedie per scrivere, mentre lei stirava e lavorava al tombolo o ricamava. A lei erano affidati anche altri lavori di casa».

Mentre mamma e papà erano a lavoro, toccava a Dina prendersi cura delle sorelle e della casa.
«Ricordo, d’estate, quando papà e mamma si recavano a Montecatini o a Fiuggi, Dina – aggiunge la sorella – aveva l’incarico di gestire la famiglia insieme alla nonna paterna. Annotava sul quaderno le spese giornaliere, cercando di risparmiare su tutto, per paura che i soldi non bastassero. Con il disappunto, poi, di papà per l’eccessiva parsimonia».
Cresciute le sorelle, Dina vive per due anni a Modena con il fratello Amleto, aiutandolo nella gestione dello studio odontoiatrico.

Al padre Salvatore, che di grandi donne al fianco ne aveva ben sei, andava bene così.
«Poi – aggiunge Tommasina – arrivò il momento in cui ad avere bisogno di lei fu proprio il padre, colpito da uno scompenso diabetico molto serio. Era il 1959, Dina aveva quasi 30 anni. Papà la mise al suo fianco. La camera da letto era diventata il suo ufficio, pieno di carte, con la macchina per scrivere e una calcolatrice, gli unici mezzi tecnologici dell’epoca. Il lavoro andò comunque avanti».

Da quel momento in poi, Dina non ha mai abbandonato l’azienda.
«Poi, pian piano, papà si riprese e ricominciò – ricorda Tommasina – a fare il solito giro dei clienti e a coltivare i contatti con tutti. Ma dopo alcuni mesi dello stesso anno, a settembre, fu stroncato da un infarto. La morte di un padre è sempre una grande perdita, specialmente quando accade all’improvviso e nel pieno dell’attività lavorativa. In quel frangente, il contributo di Dina fu fondamentale. Riuscì a portare avanti la fabbrica grazie a tutto quello che aveva imparato da lui. Tutte noi, insieme alla mamma, affrontammo unite e compatte i tanti problemi che si presentarono».

Non fu semplice, ma la caparbietà, la dedizione, l’abnegazione possono superare ogni avversità.
Il resto è storia.

Dina non si è mai sposata, la sua «famiglia» è sempre stata l’azienda, come testimonia il rapporto di serietà e reciproco rispetto instaurato con tutti i lavoratori.
«Instancabile e precisa, con i suoi 90 anni, lavora ancora oggi in azienda – conclude Tommasina – e quasi sempre fino a orario inoltrato, curando i rapporti con i clienti, le pubbliche relazioni e dirigendo l’ufficio acquisto con i fornitori».

Chi dice che c’è un’età per ogni cosa, ivi compreso per il lavoro, si sbaglia: ci sono passioni che non hanno età. Provate a chiedere alla signora Dina.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie