Domenica 20 Ottobre 2019 | 21:01

NEWS DALLA SEZIONE

IL casi
Lecce, eredità contesa dello zio: indagati noto avvocato e suo padre

Lecce, eredità contesa dello zio: indagati noto avvocato e suo padre

 
Un 67enne
Melendugno, gli sfugge motosega di mano: muore dissanguato

Melendugno, gli sfugge motosega di mano: muore dissanguato

 
La tragedia
Melendugno, gli sfugge la motosega di mano: 67enne morto dissanguato

Melendugno, gli sfugge la motosega di mano: 67enne morto dissanguato

 
ESERCITO
Lecce, il 31° Reggimento carriha un nuovo comandante

Lecce, il 31° Reggimento carri ha un nuovo comandante

 
la mossa del sindaco
Otranto, sotto esame l’idea dei pontili aperti

Otranto, sotto esame l’idea dei pontili aperti

 
Migranti
Salento, due sbarchi in poche ore: in 81 arrivano a bordo di una barca a vela

Salento, due sbarchi in poche ore: in 81, tra curdi e iracheni, a bordo di un veliero

 
I soccorsi
Migranti, in arrivo 80 a Leuca: erano su una barca intercettata dalla Guardia costiera

Migranti, in arrivo 50 a Leuca: erano su una barca intercettata dalla Guardia costiera

 
L'intesa
Casarano, salvi i 423 posti di lavoro call center Enel per mercato libero

Casarano, salvi i 423 posti di lavoro call center Enel per mercato libero

 
Incidente mortale
Lecce, contromano sulla statale: confermati arresti per carabiniere

Lecce, contromano sulla statale: confermati arresti per carabiniere

 
in salento
Muore a 79 anni Marcello, fratello di Don Tonino Bello

Muore a 79 anni Marcello, fratello di Don Tonino Bello

 
era in ospedale
Gallipoli, morte sospetta di una prof 78enne: 24 indagati

Gallipoli, morte sospetta di una prof 78enne: 24 indagati

 

Il Biancorosso

L'intervista
Bergossi sente la voce del cuore: «Bari hai tutto per tornare in B»

Bergossi sente la voce del cuore: «Bari hai tutto per tornare in B»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl contest
Casamassima, MusicGallery Puglia premia i talenti musicali: tutti i vincitori

Casamassima, MusicGallery Puglia premia i talenti musicali: tutti i vincitori

 
TarantoLa visita
Scuola, domani il ministro Fioramonti in visita a Taranto

Scuola, domani il ministro Fioramonti in visita a Taranto

 
PotenzaInvasi semivuoti
Basilicata, è allarme acqua: dighe ai minimi degli ultimi 20 anni

Basilicata, è allarme acqua: dighe ai minimi degli ultimi 20 anni

 
LecceIL casi
Lecce, eredità contesa dello zio: indagati noto avvocato e suo padre

Lecce, eredità contesa dello zio: indagati noto avvocato e suo padre

 
FoggiaSalgono a due le vittime
Manfredonia, scontro frontale tra due auto: un morto e 4 feriti

Manfredonia, scontro frontale tra due auto: muoiono marito e moglie

 
BrindisiIl sequestro
Ceglie Messapica, arrivano i Cc e nascondono fucile: arrestato padre e figlio

Ceglie Messapica, arrivano i Cc e nascondono fucile: arrestato padre e figlio

 

i più letti

Ipotesi abuso d'ufficio

Nardò, il sindaco Mellone indagato per le lampade votive

L’appalto contestato e restituito alla ditta esclusa

Gallipoli a Minerva, Nardò a Mellone

LECCE - eIl sindaco di Nardò, Pippi Mellone, e tutti gli assessori della giunta in carica fino a qualche settimana fa (il 23 aprile scorso c’è stato un avvicendamento con un turn-over) sono indagati per abuso d’ufficio in un’inchiesta relativa alla gestione dell’illuminazione cimiteriale.

La vicenda prende le mosse, come si diceva, con l’insediamento dell’amministrazione Mellone che nel 2017 revoca la concessione trentennale con cui la ditta Borgia Giovanni gestiva i servizi collegati all’illuminazione votiva nel cimitero comunale. Borgia intraprende una battaglia nei tribunali amministrativi arrivata fino al Consiglio di Stato, con diverse udienze per l’intero 2018. Nel frattempo il Comune ha affidato il servizio alla cooperativa Ariete. Evidentemente, però, la vicenda è approdata anche sulle scrivanie della Procura della Repubblica, e in particolare al pm Emilio Arnesano, arrestato alcuni mesi fa nell’ambito dell’inchiesta della Procura di Potenza. Il nuovo pm, Donatella Palumbo, ritenendo necessari ulteriori approfondimenti investigativi ha altri sei mesi di proroga che il gip Giulia Proto ha concesso notificando il provvedimento al sindaco e ad altre sette persone (Oronzo Capoti, Mino Natalizio, Ettore Tollemeto, Gianpiero Lupo, Maria Grazia Sodero, Giulia Puglia e Stefania Albano).

Una proroga di indagini non è di per sé indicativa di alcuna responsabilità: la questione dovrà essere ancora approfondita e poi il pm deciderà se esercitare l’azione penale o se invece chiedere l’archiviazione del fascicolo. Ma il contenzioso sull’appalto dell’illuminazione cimiteriale era noto da molto tempo. All’epoca dei fatti, nel 2018, era da poco iniziata la battaglia legale tra l’amministrazione comunale e la ditta «Borgia Giovanni» cui l’ente contestava «una pluralità di inadempimenti alla convenzione stipulata nel 1991, regolatrice del servizio di illuminazione votiva cimiteriale». A metà dello scorso aprile l’appalto è stato restituito a Borgia con un atto di transazione firmato dal sindaco Mellone, da titolare della ditta, dagli avvocati Giovanni Pellegrino (per Borgia) e Paolo Gaballo (per il Comune) e dal dirigente comunale, l’ingegnere Cosimo Pellegrino. Una decisione che ha creato molte polemiche sul fronte politico e che ora dovrà essere necessariamente inquadrata nella cornice complessiva che si è composta con la notifica della proroga delle indagini.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie