Mercoledì 24 Aprile 2019 | 08:38

NEWS DALLA SEZIONE

L'inchiesta
Lecce, magistrati arrestati: chiesto incidente probatorio. Altro pm indagato

Lecce, magistrati arrestati: chiesto incidente probatorio. Altro pm indagato

 
Il martedì dei leccesi
A Lecce la Pasquetta continua con «Lu riu»: tra pic nic e musica

A Lecce la Pasquetta continua con «Lu riu»: tra pic nic e musica

 
La tragedia di Pasquetta
Melendugno, contro frontale muore una 25enne: grave una coppia

Melendugno, scontro frontale muore 25enne: grave una coppia

 
A Ugento
Lecce, picchia e spara ad un 28enne poi punta l'arma contro i cc: arrestato

Lecce, picchia e spara ad un 28enne poi punta l'arma contro i cc: arrestato

 
Tutela ambientale
Lecce, scatta il divieto di accensione dei fuochi e barbecue nei boschi

Lecce, scatta il divieto di accensione dei fuochi e barbecue nei boschi

 
Il caso
Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

 
Inchiesta Favori & giustizia
Pm Arnesano resta ai domiciliari: ma farà Pasqua con i suoi

Pm Arnesano resta ai domiciliari: ma farà Pasqua con i suoi

 
Nel Salento
Gallipoli, carabinieri portano uova di Pasqua ai bimbi ricoverati in ospedale

Gallipoli, carabinieri portano uova di Pasqua ai bimbi ricoverati in ospedale

 
Il caso
Taviano, entra in chiesa per rubare le offerte, ma i fedeli chiamano i cc

Taviano, entra in chiesa per rubare le offerte, ma i fedeli chiamano i cc

 
Lite in famiglia
Aradeo, colpisce con un coltello da cucina la cognata: arrestato

Aradeo, colpisce con un coltello da cucina la cognata: arrestato

 
Il caso
Parabita, dopo le minacce arriva lo scudo dello Stato

Parabita, dopo le minacce arriva lo scudo dello Stato

 

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, e adesso cosa si fa?Si accarezza il sogno scudetto

Bari, e adesso cosa si fa?
Si accarezza il sogno scudetto

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaLa strage
Mafia, intitolato ai fratelli Luciani presidio Libera San Marco in Lamis

Mafia, intitolato ai fratelli Luciani presidio Libera San Marco in Lamis

 
LecceL'inchiesta
Lecce, magistrati arrestati: chiesto incidente probatorio. Altro pm indagato

Lecce, magistrati arrestati: chiesto incidente probatorio. Altro pm indagato

 
PotenzaLe indagini
Disastro ambientale Val D'agri, suicida avvisò con memoriale

Disastro ambientale Val D'agri, suicida avvisò con memoriale

 
BariL'intervista
Loredana Ascenza Fasano: «Ricomincio dai Verdi dopo la rinuncia ambientalista M5S»

Loredana Ascenza Fasano: «Ricomincio dai Verdi dopo la rinuncia ambientalista M5S»

 
MateraOperazione della Polizia
Metaponto, nello zaino con un chilo di droga: in cella gambiano

Metaponto, nello zaino con un chilo di droga: in cella gambiano

 
BatIl furto
Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

 
BrindisiVento forte
Brindisi, maltempo blocca nel porto traghetto per Valona

Brindisi, traghetto bloccato dal vento nel porto: era diretto a Valona

 
TarantoL'operazione dei cc
Laterza, ruba alcol, soldi e tabacchi in un bar: arrestato 40enne

Laterza, ruba alcol, soldi e tabacchi in un bar: arrestato 40enne

 

L'iniziativa

Salento, ecco i maratoneti spazzini: sport contro gli zozzoni

La marcia raccatta-immondizia fa proseliti anche in provincia di Lecce

Salento, ecco i maratoneti spazzini: sport contro gli zozzoni

Un, due, tre: lattina. Un, due, tre: bottiglia. Alla fine della corsa, oltre ai chilometri percorsi, c’è un altro risultato da portare a casa. Ed è quello dei rifiuti raccolti per strada, tra un piegamento ed uno scatto effettuato per rincorrere una busta di plastica che vola via.
Lo sport più virtuoso che ci sia si chiama plogging. È un neologismo coniato fondendo due parole, tra lo svedese e l’inglese: plocka upp, che significa raccogliere, e jogging. L’attività sportiva del momento, infatti, è nata in Svezia ma da qualche settimana si sta diffondendo nel mondo intero.


Tutto consiste nella raccogliere dei rifiuti mentre si corre. Per combinare esercizio fisico con la pulizia dell’ambiente. Anche in provincia di Lecce c’è un gruppo di “aficionados”, con sede a Martano, nel cuore della Grecìa. Uno dei luoghi più affascinanti dell’intera regione. Sergio Nocco, professore di 43 anni, anima un gruppo di persone che da qualche tempo ha anche un profilo social, Plogging Salento. La finalità è di divertirsi facendo sport e, soprattutto, contribuendo a tenere il mondo pulito.
Qualche giorno fa è intervenuto durante una trasmissione di Radio2 raccontando la sua esperienza agli ascoltatori italiani. «A volte – esordisce – quando parlo di questa mia passione anche in famiglia sembro un invasato ma penso sinceramente che sia terminato il tempo di piazzare bandierine presenzialiste, è terminato il tempo dei proclami. Ognuno di noi deve, invece, rimboccarsi le maniche e fare qualcosa, in prima persona».


Nocco ha una filosofia di vita che cammina, anzi corre, su gambe toniche e muscolose: «bisogna che ognuno di noi cambi atteggiamento mentale. Abbiamo la percezione dell’ambiente circostante come di qualcosa di irrimediabilmente sporco, per cui continuiamo a sporcarlo. È un po’ come la teoria del finestre rotte: a degrado ci sembra inevitabile che vada ad aggiungersi degrado. Io propongo, invece, una inversione di tendenza già nella nostra mente. Se smettiamo di aggiungere elementi di disturbo nell’ambiente e iniziamo invece a sottrarli, arriveremo al punto di aver ripulito tutto senza quasi accorgercene. Allora sì che sarà possibile semplicemente mantenere il risultato raggiunto: un ambiente pulito da difendere ad oltranza».
La teoria, messa in pratica, significa che se ognuno porta via e poi smaltisce correttamente, dopo una corsetta, un sacchetto di rifiuti, l’obiettivo di risanare tutto è veramente alla portata. «Tutti, però, dobbiamo muoverci insieme – continua Nocco – come appassionati sportivi ed ambientalisti. Io l’ho già fatto a Martano e lo riproporrò. La ricetta è semplice: si organizza una battuta sportiva di caccia al rifiuto e si avvisa la ditta che gestisce la raccolta nel proprio paese. Alla fine della corsetta i volontari saranno in grado di consegnare decine di buste piene. E si sarà fatto divertendosi, correndo e stando insieme ad altre persone». Insegnante in un istituto alberghiero a Molfetta, Nocco sta lavorando molto con i giovani e sulle loro sensibilità: «tutela dell’ambiente e turismo, che per la nostra terra significa economia, lavoro e benessere, vanno di pari passo. Questo deve entrare nella testa dei ragazzi». Un’ultima frase? «Non si prendono malattie raccogliendo una lattina o una bottiglia da terra. Bastano un buon paio di guanti per vincere quel timore». Poi sarà solo orgoglio nel vedere prati e boschi finalmente puliti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400