Mercoledì 19 Dicembre 2018 | 03:21

NEWS DALLA SEZIONE

La decisione del gip
Omicidio Noemi, disposte nuove indagini su madre e padre fidanzato killer

Omicidio Noemi, disposte nuove indagini su madre e padre fidanzato killer

 
Gli imprenditori turistici si alleano
Gallipoli, svolta per il turismo locale: nasce «Rete Imprese Salento»

Gallipoli, svolta per il turismo locale: nasce «Rete Imprese Salento»

 
Fino al 6 gennaio
Kids: torna a Lecce il festival per i più piccoli in nome dell'inclusione

Kids: torna a Lecce il festival per i più piccoli in nome dell'inclusione

 
Procura di Lecce
Presunti reati ambientali in cantieri Tap: 15 indagati

Tap, reati ambientali in cantieri gasdotto: 15 indagati da procura Lecce

 
Nel Leccese
Specchia, colpi di pistola contro l'auto del prete antimafia

Specchia, colpi di pistola contro l'auto del prete antimafia

 
Il referendum
Presicce - Acquarica del Capo unico comune: vince il Sì

Presicce - Acquarica del Capo unico comune: vince il Sì

 
Nel Leccese
Lizzanello, carabinieri scoprono presunta casa di riposo per anziani abusiva

Lizzanello, carabinieri scoprono presunta casa di riposo per anziani abusiva

 
Seggi aperti nel Leccese
Presicce-Acquarica del Capo unico comune? Oggi il referendum

Presicce-Acquarica del Capo unico comune? Oggi il referendum

 
Il report
Comuni ricicloni, nel Salento brillano ancora in pochi

Comuni ricicloni, nel Salento brillano ancora in pochi

 
Sulla Ugento-Casarano
Incidente stradale in Salento: muore mamma 31enne

Incidente stradale in Salento: muore mamma 31enne

 
Orrore nel Salento
Lecce: violentò la figlia per 20 anni e nacque bimba, arrestato

Lecce: violentò la figlia per 20 anni e nacque bimba, arrestato

 

Scuola

Lecce, mancano gli operatori protestano i genitori

Polimeno, Cgil: «Pronti ad allertare anche il prefetto»

scuola

LECCE - La campanella è suonata ieri per tutti gli studenti salentini, pronti a trascorrere le loro mattinate sui banchi di scuola. Questo in condizioni normali, però, perché è anche accaduto che alcuni alunni siano rimasti a casa. La decisione è stata presa nel territorio da Nardò da alcune famiglie, esasperate dall’annosa questione dell’assistenza ai minori disabili.

Il problema è stato parallelamente affrontato negli uffici di via Miglietta dal direttore generale della Asl di Lecce insieme agli esponenti sindacali di Cgil, Cisl, Uil, Fsi e Fials che hanno raccolto le lamentele degli interessati. Il vertice, convocato d’urgenza ma interlocutorio, è servito solo a mettere i puntini sulle “i”. In altre parole, l’azienda sanitaria, ha ribadito Ottavio Narracci, continua a farsi carico di una parte dell’assistenza ai minori, impiegando 250 ausiliari distribuiti negli istituti scolastici dei 10 distretti. Lavoratori che dovrebbero integrare gli operatori sociosanitari degli Ambiti di zona.

«I nostri sforzi non esauriscono tutte le esigenze dei disabili negli istituti perché gli oneri principali del servizio ricadono sulle tasche degli Ambiti - ha puntualizzato il direttore - La Asl di Lecce si muove in modo anomalo su scala regionale, pagando il personale per il servizio di accompagnamento perché qui, e solo qui, gli ausiliari nel 2009 sono stati stabilizzati».

L’azienda sanitaria prova quindi a colmare lacune e ritardi amministrativi accumulati dagli Ambiti, ma il problema rimane. Scatenando le vibranti proteste delle famiglie con minori disabili a carico, come accaduto negli ultimi giorni a Nardò.
«Il disagio si ripropone ad ogni inaugurazione di anno scolastico a causa dell’esiguità del personale dedicato - ha commentato il sindacalista Fp Cgil, Floriano Polimeno - A Nardò, fino all’anno scorso, erano disponibili 24 Oss. Ora il nuovo bando ha ridotto sia il numero degli operatori, sia il loro monte ore complessivo: prenderanno servizio dal 1° ottobre alla fine di maggio 2019, coprendo 3 ore al giorno e il rapporto sarà di 1 Oss ogni 5 ragazzi».

«La situazione è grave - ha aggiunto il sindacalista - Ho discusso dei disagi con i vari responsabili degli Ambiti di zona che però si trincerano dietro i limiti delle leggi regionali: questo è un cane che si morde la coda e per risolvere l’impasse ho chiesto un incontro urgente in Provincia di Lecce. Ma sono anche pronto ad allertare anche il prefetto del capoluogo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400