Giovedì 24 Gennaio 2019 | 11:41

NEWS DALLA SEZIONE

Si chiamava Gianluca Bisconti
Auto contro un palo nella zona industriale di Lecce: muore 32enne

Auto contro un palo nella zona industriale di Lecce: muore 32enne

 
Il picco
Influenza, Salento prepara 60 posti letto extra in ospedale

Influenza, Salento prepara 60 posti letto extra in ospedale

 
Caccia ai ladri nel leccese
Caprarica, irrompono nell'ufficio postale da un buco nel muro e rubano 18mila euro

Caprarica, irrompono nell'ufficio postale da un buco nel muro e rubano 18mila euro

 
Il caso
Lecce, a 12 anni accusò parroco di molestie, adolescente rivela di aver mentito

Lecce, a 12 anni accusò parroco di molestie, adolescente rivela di aver mentito

 
Uscito dalla macchinetta
Lecce, beve espressino al bar e ingoia pezzo di metallo

Lecce, beve espressino al bar e ingoia pezzo di metallo

 
Il caso nel Leccese
Nardò, microspie in sagrestia per diffondere i segreti dei fedeli in confessione: è mistero

Nardò, microspie in sagrestia per diffondere i segreti dei fedeli in confessione: è mistero

 
A Giuggianello
Rave party illegale in Salento: 5 denunciati per festa in capannone

Rave party illegale in Salento: cinque denunciati per festa in capannone

 
Nella notte
Tap, acqua contaminata: blitz delle Tute blu davanti ad azienda di Martano

Tap, acqua contaminata: blitz delle «Tute blu» davanti ad azienda di Martano

 
A Miggiano
Lecce, cade dal tetto di un capannone industriale: morto 72enne

Lecce, cade dal tetto di un capannone: morto 72enne

 
Lotta alla droga
Lecce, trovato con 7 chili di marijuana: arrestato 19enne

Lecce, nascondeva 7 kg di marijuana in garage: arrestato 19enne

 
Il gasdotto
Tap, al via l'esame dei periti della Procura: presente anche Emiliano

Tap, al via esame periti della Procura: in aula anche Governatore Emiliano

 

L'allarme

Lavoro, tremano in migliaia in Salento: boom di vertenze individuali

Preoccupa la crisi di call center, edilizia e grande distribuzione. Licenziamenti e cassa integrazione in ascesa. La segretaria della cgil fragassi: «grandi opere ferme al palo»

call center

LECCE - L’ultima tragica notizia, in ordine di tempo, è quella dei 113 licenziamenti degli operatori telefonici di Gallipoli, mandati a casa dal call center Progetto Vendita. Ma le vertenze aperte sul territorio, in quest’inizio di autunno che si preannuncia caldo sul fronte del lavoro, sono davvero numerose.
Poche le luci, e molte le ombre che si allungano sul tessuto produttivo salentino. Il territorio regge a stento l’onda d’urto della crisi economica. E continua a fare i conti con mobilitazioni, ristrutturazioni aziendali, chiusure, fallimenti e, dulcis in fundo, licenziamenti di massa.

Il quadro generale delle vertenze restituisce una situazione complicata. Partendo dal settore metalmeccanico, i sindacati seguono con attenzione l’evoluzione dell’azienda Alcar che attualmente impiega 289 lavoratori ma è in concordato preventivo. Acque agitate anche nella Nardò Technical Center che conta 150 dipendenti e altrettanti interinali in stato d’agitazione.
In chiaroscuro si presenta anche il settore dell’edilizia. La Colacem di Galatina che impiega 82 dipendenti, ha dovuto fronteggiare un calo di produzione attivando, il 2 gennaio, la cassa integrazione. Concluso il periodo degli ammortizzatori sociali, il lavoro nel cementificio è ora ripreso regolarmente. Un’altra realtà industriale di Galatina, la Minermix che produce calce e gesso, ha messo in cassa ordinaria 36 lavoratori per 7 settimane. La crisi sembra essere rientrata ma i sindacati temono altri periodi di sofferenza, legati a doppio filo alle sorti dell’Ilva, sua principale committente.
Le aziende del settore edile sono poi alle prese con le maglie strette della burocrazia: è questo il caso della Ediltunnel spa che ha chiesto il ricorso alla cassa ordinaria per 35 operai, valida fino alla fine di novembre. Emblematica è poi l’annosa questione della strada Regionale 8: i lavori per la costruzione della strada dovrebbero riprendere in autunno. Non sono mai iniziati, invece, quelli della statale 275. Nel frattempo, a causa del mancato avvio dei cantieri, sono già stati licenziati 120 operai, tutti dipendenti del Gruppo Palumbo.

Sconfortanti, a dir poco, sono i numeri diffusi dalla Cassa Edile di Lecce: tra il 2009 ed il 2017 gli addetti sono passati da 10 mila 103 a 5 mila 873; il monte ore denunciato è sceso di oltre un terzo; è drasticamente calato anche il monte salari, con una perdita secca di 3,5 milioni persi solo nei primi 9 mesi dello scorso anno.
In grave sofferenza è il comparto pubblico: i lavoratori della sanità, circa 400 tra personale medico, tecnico e infermieristico, sono rimasti in attesa di essere stabilizzati, in base alle norme del decreto Madia.
Sono molti i nodi da sciogliere anche nel comparto dell’igiene ambientale: nel caso di Monteco, a Lecce, la vertenza con il Comune per l’allineamento dei servizi agli standard del capitolato è in fase di raffreddamento. Nell’Aro Lecce 1 mancano una ventina di unità per fronteggiare il carico di lavoro mentre i 15 dipendenti della ditta Mucci sono in stato d’agitazione perché reclamano i pagamenti. Poi ci sono i 50 dipendenti piattaforma di Lequile Ecotecnica, che chiedono parificazione al contratto Igiene Ambientale.

A reclamare la stabilizzazione ci sono, poi, i lavoratori socialmente utili (Lsu): 280 in tutta la provincia. Gli organici della polizia locale e della polizia penitenziaria, parimenti in sofferenza, scontano ancora gli effetti del blocco del turn over.
Nel settore della grande distribuzione organizzata, il Mercatone Uno conta più di 100 lavoratori in cassa integrazione straordinaria. Persino il settore delle Telecomunicazioni, che viene considerato un polmone d’ossigeno per l’economia locale, comincia a perdere pezzi. E commesse, soprattutto. Comdata, con i suoi 1200 dipendenti, dopo lo storico sciopero di una settimana a dicembre, ha raggiunto accordo sui turni domenicali e sui weekend. I 150 operatori di Planet Group, a Gallipoli, sono stati licenziati il 4 settembre. Stessa sorte è toccata ai 37 dipendenti di Dinamic-Call che ha dichiarato fallimento. Call&Call di Casarano, che impiega 600 persone, ha appena superato un periodo di crisi prendendo alcuni accorgimenti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400