Martedì 22 Gennaio 2019 | 19:27

NEWS DALLA SEZIONE

A Giuggianello
Rave party illegale in Salento: 5 denunciati per festa in capannone

Rave party illegale in Salento: cinque denunciati per festa in capannone

 
Nella notte
Tap, acqua contaminata: blitz delle Tute blu davanti ad azienda di Martano

Tap, acqua contaminata: blitz delle «Tute blu» davanti ad azienda di Martano

 
A Miggiano
Lecce, cade dal tetto di un capannone industriale: morto 72enne

Lecce, cade dal tetto di un capannone: morto 72enne

 
Lotta alla droga
Lecce, trovato con 7 chili di marijuana: arrestato 19enne

Lecce, nascondeva 7 kg di marijuana in garage: arrestato 19enne

 
Il gasdotto
Tap, al via l'esame dei periti della Procura: presente anche Emiliano

Tap, al via esame periti della Procura: in aula anche Governatore Emiliano

 
L'appello
L'arcivescovo di Lecce Seccia con la Gazzetta: «Chi può intervenga»

L'arcivescovo di Lecce Seccia con la Gazzetta: «Chi può intervenga»

 
la vertenza salento
Lecce, gasdotto e risarcimenti, Minerva: «Presto un tavolo»

Lecce, gasdotto e risarcimenti, Minerva: «Presto un tavolo»

 
Truffa nel Leccese
Alezio, estorce soldi ad anziano fingendosi il figlio di un vecchio amico malato

Alezio, estorce soldi ad anziano fingendosi il figlio di un vecchio amico malato

 
Ambiente
Colombi e igiene, la Procura di Lecce apre un fascicolo

Colombi e igiene, la Procura di Lecce apre un fascicolo

 
In Salento
Taurisano, dopo incidente chiede aiuto: il «soccorritore» tenta di stuprarla

Taurisano, dopo incidente chiede aiuto: il «soccorritore» tenta di stuprarla

 
A Castrignano del Capo
Beve in un bar detersivo al posto dell'acqua: asportato stomaco a 28enne nel Leccese

Chiede acqua in un bar e gli servono brillantante: asportato stomaco a 28enne nel Leccese

 

A Lecce

Commercio di fiori, scoperta evasione da 48 milioni

Truffa attraverso società di Cipro, Russia ed Emirati Arabi

Finanza

Evasione scoperta dalla Finanza a Lecce

LECCE - Una maxi evasione fiscale da 48 milioni di euro è stata scoperta dalla Guardia di finanza di Lecce nell’ambito di un’indagine durata due anni e coordinata dalla procura. Individuata una società cipriota operante in Italia nel commercio all’ingrosso di fiori e denunciati due russi, responsabili della sede cipriota e di quella italiana. Le Fiamme gialle hanno ricorso a forme di cooperazione internazionale, in materia fiscale, con organi collaterali di Cipro, Lettonia, Olanda e Federazione Russa.
La società, con sede legale a Cipro, di fatto operava in Italia attraverso una sede secondaria a Lecce. I fiori venivano acquistati da produttori agricoli di Leverano e Taviano ed esportati in Russia a una catena commerciale.

La società leccese era formalmente preposta alle sole operazioni di raccolta e confezionamento dei fiori per la successiva spedizione in Russia; ma veniva di fatto svolta una vera e propria attività commerciale con operazioni necessarie alla conclusione di contratti con i produttori agricoli: dalla contrattazione alla determinazione del prezzo e delle restanti condizioni di vendita, fino al confezionamento e trasporto dei fiori verso la Russia.

Per nascondere i redditi così conseguiti, l’organizzazione italiana aveva interposto una società con sede negli Emirati Arabi, di fatto non operativa sul territorio nazionale e sconosciuta agli stessi produttori agricoli, cui aveva fittiziamente ricondotto le operazioni di acquisto dei fiori dai produttori locali. In tal modo la società cipriota ha omesso di registrare e dichiarare i ricavi della vendita dei fiori, quantificati, dal 2013 al 2017, in 48 milioni di euro, che sono stati invece attribuiti alla società araba, fiscalmente non soggetta a tassazione sul territorio italiano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400