Venerdì 17 Settembre 2021 | 21:16

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Per gli episodi del 16 marzo scorso

Lecce, disordini corteo No Tap: denunciati 22 attivisti

Sono accusati di imbrattamento e getto pericoloso di cose, danneggiamento, resistenza, violenza e oltraggio a pubblico ufficiale

corteo no tap a Lecce

Il corteo No Tap di un mese fa a Lecce

LECCE - La Questura di Lecce ha identificato e denunciato 22 attivisti No Tap ritenuti responsabili di imbrattamento e getto pericoloso di cose, danneggiamento, resistenza, violenza e oltraggio a pubblico ufficiale, accensione ed esplosione pericolosa e violazione del foglio di via obbligatorio.

I reati contestati fanno riferimento a quanto accaduto il 16 marzo scorso a Lecce durante un corteo di protesta organizzato dal movimento contro la realizzazione del gasdotto Tap e nel corso del quale un nutrito gruppo di attivisti appartenenti, secondo la Digos, all’area anarco-antagonista, con azioni violente avrebbe deturpato con scritte palazzi, teatri e monumenti della città barocca rendendosi responsabili del lancio di alcune bombe carta all’indirizzo dei poliziotti presenti.

Tra i 22 manifestanti denunciati, tutti già conosciuti dalle forze di polizia in occasione di precedenti manifestazioni No Tap, dieci risultano essere stati già denunciati per vari reati la sera del 9 dicembre 2017 in occasione del tentativo di assalto al cantiere di Tap a San Basilio (Melendugno), dopo aver violato i divieti imposti dall’ordinanza prefettizia.

Alla identificazione si è giunti grazie alla ripresa dagli operatori della polizia scientifica durante il corteo. Foto e video sono stati scansionati per avere la certezza che il soggetto penalmente responsabile fosse lo stesso prima, durante e dopo l’atto vandalico e prima e dopo che si era coperto il volto per cercare appunto di sottrarsi alla identificazione. L'informativa di reato con l’elenco dei nomi dei denunciati, è stata depositata in Procura e ciò consentirà a tutti i cittadini che hanno subito danni, in primis il Comune di Lecce, di costituirsi parte civile nel procedimento penale che ne conseguirà.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie