Lunedì 24 Settembre 2018 | 08:16

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Scontro Letta-M5S, Pd a grillini: fascisti

Durissima reazione dei deputati M5S verso Enrico Letta quando il premier li ha ripresi sul tema dei giornalisti. Riccardo Nuti ed altri si sono alzati ed hanno inveito urlando mentre dai banchi del Pd si applaudiva e si urlava "fascisti, fascisti"!. Il Pd in piedi ha applaudito Letta quando ha detto che è inaccettabile dare del disonesto a chi...
Scontro Letta-M5S, Pd a grillini: fascisti
Durissima reazione dei deputati M5S verso Enrico Letta quando il premier li ha ripresi sul tema dei giornalisti.
Riccardo Nuti ed altri si sono alzati ed hanno inveito urlando mentre dai banchi del Pd si applaudiva e si urlava "fascisti, fascisti"!.
Il Pd in piedi ha applaudito Letta quando ha detto che è inaccettabile dare del disonesto a chicchessia. 'Pensavo che le accuse di Grillo ai giornalisti Oppo e Merlo fosse una gaffe e immaginavo che si finisse ed invece vedo, collega Nuti, che lei ha rilanciato che o i giornalisti scrivono le cose che vi piacciono o vengono messi alla gogna.
E' inaccettabile''.
Così il premier Enrico Letta accolto in Aula dalle proteste dei deputati M5S. "Esprimo solidarietà al collega Farane per le cose ingiuriose dette qui dal collega Nuti.
Questa logica della delazione e accusa è inaccettabile".
Così il premier Enrico Letta in Aula replica al capogruppo M5s Riccardo Nuti che in aula aveva attaccato il deputato Pd Davide Faraone. "Che cosa dovrei fare io che ogni mattina leggo sui giornali le cose più strampalate, incredibili, scorrette e ingiuste dal mio punto di vista ma, caro collega Nuti, è il mio punto di vista e c'è una differenza di fondo perché se lei ritiene che un giornalista leda le regole delle nostre istituzioni può rivolgersi alla magistratura, tutto il resto fa parte del normale dibattito politico e democratico".
Lo afferma il premier Enrico Letta, intervenendo alla Camera in risposta all'intervento del deputato del M5s Riccardo Nuti. LA DIRETTA DALLA CAMERA E' tensione nell'Aula della Camera dopo che Riccardo Nuti (M5s) ha contestato a Davide Faraone (Pd) di essere stato a casa di un pregiudicato.
Faraone ha chiesto di parlare per fatto personale, ma il vicepresidente Luigi Di Maio gli ha chiesto di farlo a fine seduta, con vive proteste dai banchi del Pd.
Dure le critiche anche di Sel alla contestazione avanzata dal deputato M5s ai deputati, che ha generalmente accusato di scarsa onestà. Nuti respinge gli attacchi di Letta a M5S per le critiche alla stampa ("Essere giornalista significa essere indipendente e non scrivere sui giornali di partito, significa dire il vero e non offendere e scrivere il falso", sostiene), ma anche sulla lettera di Grillo alle forze dell'ordine.
"Chi devono difendere? Le istituzioni corrotte o i cittadini onesti?".
E, ricordando la sua origine da un quartiere popolare di Palermo, sostiene che Davide Faraone, da poco nominato nella segreteria del Pd da Matteo Renzi, "è stato visto andare in casa di un pregiudicato e durante le primarie prometteva posti di lavori in cambio di voti".
Non mancano gli attacchi al ministro della Giustizia Cancellieri ed al viceministro Vincenzo De Luca "che quando lo buttate fuori è sempre tardi". L'intervento di Letta 'Sono qui a chiedere la fiducia per un nuovo inizio'' con queste parole Letta (VIDEO)ha cominciato il suo discorso il premier Enrico Letta L'attacco a Grillo: '"Le istituzioni esigono sempre rispetto e a maggior ragione in un tempo amaro in cui si tenta di immiserire questa aula con azioni e parole illegittime che avallano la violenza, mette all'indice i giornalisti e vuole fare macerie della democrazia rappresentativa e arriva ad incitare all'insubordinazione le forze dell'ordine".
IL VIDEO 'Questo parlamento repubblicano e le istituzioni esigono rispetto in periodi così amari''.
Lo afferma Enrico Letta nel suo intervento ala Camera, riferendosi indirettamente alle affermazioni di Grillo sulla vicenda dei 'forconi'.
Il premier ribadisce anche la ''fedeltà indiscussa'' ai valori repubblicani delle forze dell'ordine. "Ho la determinazione a lottare con tutto me stesso per evitare di rigettare nel caos tutto il Paese proprio quando sta rialzandosi: l'Italia è pronta a ripartire e è nostro obbligo generazionale" aiutare a farla, ha detto Letta "Il 2 ottobre a dispetto del voto finale mi sono rivolto a una nuova maggioranza politica, meno larga ma più coesa negli intenti.
Oggi ciò che chiedo è di confermare quella fiducia per segnare anche una discontinuità e segnare bene un prima e un dopo" ha sottolineato il premier ''Rivendico la positività del governo nei primi sei mesi, nei quali ho lavorato con con dedizione nonostante aut aut e minacce da cui ho cercato di tenere il governo al riparo.
Un governo che dalla contrapposizione tossica tra nemici passa alla collaborazione sana tra avversari per archiviare un ventennio sprecato'' ha aggiunto. La trasformazione politica in questi ultimi 7 mesi è la più radicale di tutta la II Repubblica.
C'è un prima e un dopo e poi una storia da scrivere.
Lo può e lo deve fare il Parlamento pena la condanna alla paralisi.
Oggi la coalizione è diversa ma più coesa e nelle prossime settimane proporrò un patto di governo il 2014" ha rilevato Letta. "Il grande obiettivo entro il quadro tempistico dei 18 mesi è di avere istituzioni che funzionino e una democrazia più forte e più solida" ha annunciato il presidente del Consiglio Enrico Letta ribadisce nel programma del governo l'abolizione delle province in Costituzione.
Il premier, parlando alla Camera, fa anche un riferimento alla messa a punto del titolo V della Costituzione. Poi l'appello: 'Su legge elettorale governo-Parlamento lavorino. Nessuno pensi legge punitiva per altri' Sulle riforme costituzionali "ci sarà una discussione aperta con tutte le forze di maggioranza" e si partirà dal lavoro del comitato dei saggi.
Ma "chi farà saltare il banco ne risponderà ai cittadini che con referendum saranno comunque chiamati a valutare la riforma che ci farà scrollare di dosso l'immagine di un paese barocco" ha sottolineato il premier ''Sulla legge elettorale sottolineo due aspetti: deve evitare l'eccesso di frazionamento che ci condannerebbe all'ingovernabilità e garantire una democrazia dell'alternanza. L'obiettivo è un meccanismo maggioritario'' ha aggiunto Ecco altri passaggi dell'intervento alla Camera del Presidente del Consiglio Troppo tempo è passato dalle proposte fatte dal governo sull'abolizione del finanziamento pubblico dei partiti e perciò confermo la volontà di "completare definitivamente" questo percorso "entro l'anno con tutti gli strumenti a disposizione". "Il 2014 sarà il primo anno con il segno più dopo il buio della crisi.
Un risultato non scontato" che ci farà "incassare il dividendo della stabilità". ''Il nostro debito pubblico è colossale e lo stiamo aggredendo. E' importante perché ce lo chiede l'Ue? Lo aggrediamo perché ci costa troppo, nel rapporto tra debito e Pil paghiamo 90 miliardi di euro in interessi, soldi buttati''. Enrico Letta indica una crescita del 2% nel 2015 e rimarca la necessità di misure strutturali a sostegno della crescita a partire da un uso più razionale dei fondi Ue e dall'eliminazione di quei 'colli di bottiglia' che frenano le piccole e medie imprese.
''Bisogna creare un clima favorevole agli investimenti - dice parlando alla Camera - sburocratizzando, semplificando e riformando anche la giustizia civile". "Nel 2014 completeremo riforma degli ammortizzatori sociali, in un clima di dialogo sociale, andando verso un sistema che privilegi il lavoratore rispetto al posto di lavoro". 'Per la riduzione del costo del lavoro abbiamo cominciato con la legge di stabilità e qui alla Camera abbiamo deciso l'automatismo per cui i proventi della revisione della spesa e del ritorno dei capitali dall'estero vanno nella riduzione del costo del lavoro e lo inseriremo dopo il confronto con le parti sociali''. Venerdì in Cdm vareremo "Destinazione Italia", per incentivare gli investimenti esteri, che conterrà misure per il "credito di imposta per la ricerca", fondi per "incentivare la digitalizzazione delle Pmi" e una "riduzione di 600 milioni di euro sulle bollette" per l'energia. Il premier Enrico Letta anticipa al Parlamento l'intenzione di valutare l'apertura, a breve, del capitale delle Poste e di altre imprese all'azionariato dei lavoratori, per un nuovo modello di impresa già avviato in Germania. "Dal primo gennaio l'istruzione e la ricerca saranno messi in cima alle priorità".
Lo ha detto il premier Enrico Letta intervenendo alla Camera illustrando gli "impegni concreti per il rilancio delle università e della ricerca entro marzo".
Il premier ha anche annunciato una "costituente della scuola entro giugno" per far sì che "i ragazzi si diplomino prima e con competenze maggiori".
"Il ciclo della scuola, poi - sottolinea Letta - inizia con la scuola dell'infanzia perché è un diritto dei bambini e uno strumento per favorire la conciliazione famiglia-lavoro e le pari opportunità".
Sempre in tema di istruzione Letta ha affrontato il tema dei giovani ricercatori spiegando che bisogna fare di tutto "perché la burocrazia non li ingabbi" e promettendo che "nel semestre europeo lavoreremo a questo". L.elettorale: arriva anche in commissione Camera - La commissione Affari costituzionali della Camera ha calendarizzato la legge elettorale.
La decisione è stata presa questa mattina dall'ufficio di presidenza, dietro richiesta della conferenza dei capigruppo.
La discussione sui progetti di riforma è in corso anche al Senato: ora Boldrini e Grasso dovranno prendere accordi ed evitare una sovrapposizione.
"Ma chi ha detto che qui non si fa più? Ci sarà un'intesa tra Camera e Senato".
Così la presidente della commissione Affari costituzionali del Senato, Anna Finocchiaro, risponde ai cronisti che le chiedono della calendarizzazione della legge elettorale alla Camera.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

++ Papa arrivato in Lettonia, atterrato a Riga ++

 

'Ndrangheta: cc eseguono fermi, c'è anche un sindaco

 

Papa oggi in Lettonia. Incontri politici,ecumenici,poi messa

 

Venezuela: tentativo di attentato a Maduro, altri 3 arresti

 

Nicaragua: adolescente morto in manifestazione opposizione

 

Usa: Kavanaugh respinge le accuse, difenderò il mio nome

 

Usa: Casa Bianca difende Kavanaugh, contro di lui 'calunnie'

 

++ Usa: Molestie, seconda donna accusa Kavanaugh ++

 

GDM.TV

Bari, il coro dei 10mila che cantano: «Bari grande amore»

Stadio San Nicola, il coro dei 10mila canta: «Bari grande amore»

 
Bari, viale Traiano: è cominciata la demolizione del ponte

Viale Traiano a Bari: al via la demolizione del ponte

 
La Sancataldese in hotel: «Oggi col Bari vittoria secca»

La Sancataldese (illusa) in hotel: «Oggi col Bari vittoria secca»

 
Corteo anrtisalvini a Bari, i momenti di tensione con la Polizia

Corteo antisalvini a Bari, i momenti di tensione con la Polizia

 
Acquaviva, rapinatore di marketincastrato dalla ruggine dell'auto

Acquaviva, rapinatore di market incastrato dalla ruggine dell'auto

 
Razzismo, mazze e cinghie in scontri corteo: ferita eurodeputata

Razzismo, mazze e cinghie in scontri a corteo: ferita eurodeputata

 
Tuffi dalla scogliera, la finale a Polignano: lo spot è virale

Tuffi dalla scogliera, la finale a Polignano: lo spot è virale VD

 
Bari, arsenale d'armi sepolto nel terreno :sequestrate 6 pistole e 100 munizioni

Bari, scoperto arsenale sepolto in un terreno sulla statale 100 VIDEO

 

PHOTONEWS