Sabato 16 Febbraio 2019 | 20:27

 

Tutto sul Bari calcio

il Biancorosso Facebook
 

IL DOPO PARTITA

Pozzebon, una vita da gregario"E' bello correre per gli altri"

Pozzebon, una vita da gregario
"E' bello correre per gli altri"

Il redivivo titolare nella filiera degli attaccanti biancorossi

Come un ciclone, abbatte il Marsala e torna sul piedistallo. Con le mani sui tre punti, il Bari torna in piena luce all’indomani della sconfitta di Torre del Greco (Turris che in contemporanea stecca a Messina) ed insegue la chimera della promozione diretta. Butta bene come a Demiro Pozzebon, redivivo titolare nella filiera degli attaccanti biancorossi. Pur non segnando, l’ex Triestina ci mette del suo nel 3-1 per archiviare la pratica siciliana: «Ho fatto quello che il mister mi stava chiedendo da martedì in allenamento. E, cioè, combattere, prendere botte e fare a sportellate nell’area ospite. Sapevamo che il Marsala si sarebbe difeso con cinque uomini. Per questo, i miei centimetri ci sarebbero tornati utili». Sostanza e quantità abbinate ad un pizzico di mestiere nel tocco aereo che da il là al vantaggio di Floriano: «Sono contento di aver contribuito alla causa - prosegue la punta di origini romane - consentendo ai miei compagni di reparto di concretizzare il lavoro prodotto. Ho cercato anche il gol. Una volta, con un tiro strozzato ed intercettato dal portiere. Un’altra, fermato da un fallo in area che avrebbe anche potuto essere sanzionato con un rigore». Massima punizione che, invece, ha realizzato Brienza per il 2-1 a suggellare la rimonta dopo il temporaneo vantaggio isolano. Pozzebon si bagna l’ugola per decantare le lodi del compagno: «Sono felice per Ciccio, giocatore fuori categoria. Si è sbloccato anche al San Nicola facendo il bene personale e della squadra. Lo abbiamo celebrato come si deve». «Il dato positivo di questa partita - continua Pozzebon - è la reazione allo svantaggio, prima volta in casa. È un periodo che subiamo gol al primo mezzo tiro degli avversari. Alla fine, mettiamo in conto un risultato rotondo e giusto. Speriamo di continuare la marcia anche a Locri, campo difficile contro una squadra che rievoca dolci ricordi. All’andata segnai. Spero di ripetermi». L’ultima frangia per l’inseguitrice diretta. La Turris frana a Messina e Pozzebon affonda il dente: «Credo che in quest’ultima settimana i campani si siano lasciati prendere da festeggiamenti eccessivi. Il pesante stop dei napoletani aumenta il valore della nostra vittoria sul Marsala. Le distanze in classifica sono ristabilite e ora puntiamo solo ad accelerare la nostra corsa».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DAL BIANCOROSSO

Oggi si comincia con un anticipoAcireale-Cittanovese alle 20,30

Oggi si comincia con un anticipo Acireale-Cittanovese a...

 
Bari e il mal di trasfertatrovare subito un antidoto

Bari e il mal di trasferta
trovare subito un antidoto

 
Sciaudone: due anni fa il Bari mi ha richiestoGiocare qui in C? Ho 30 anni, preferisco la serie B

Sciaudone: due anni fa il Bari mi ha richiesto Giocare ...

 
La Turris rosicchia tre puntied è a quota meno 6 dal Bari

La Turris rosicchia tre punti ed è a quota meno 9 dal B...

 
Brienza, dichiarazione d'amore"Bari, qui mi diverto ancora"

Brienza, dichiarazione d'amore "Bari, qui mi diverto an...

 
Locri - Bari: il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Bari, su Biancorosso le nuove maglie e il futuro di Cor...

 
"Bari, dobbiamo fare in frettaVoglio giocare con te in serie A"

"Bari, dobbiamo fare in fretta Voglio giocare con te in...

 
Perinetti, lui sa come si faI consigli di "Re Giorgio"

Perinetti, lui sa come si fa
I consigli di "Re Giorgio"