Sabato 20 Luglio 2019 | 00:59

NEWS DALLA SEZIONE

Calcio
Lecce, record di abbonamenti: oltre 13mila per la serie A

Lecce, record di abbonamenti: oltre 13mila per la serie A

 
Il caso
Dress-code alle corsiste: confermati i domiciliari a ex giudice Bellomo

Dress-code alle corsiste: confermati i domiciliari a ex giudice Bellomo

 
Al rione Salinella
Taranto, uccisero pregiudicato sparando tra la gente: 20 anni a 2 fratelli

Taranto, uccisero pregiudicato sparando tra la gente: 20 anni a 2 fratelli

 
Il rapporto
Relazione semestrale Dia: «Mafia foggiana più efferata della 'ndrangheta»

Relazione semestrale Dia: «Mafia foggiana più efferata della 'ndrangheta»

 
A taranto
ArcelorMittal, sindacato Usb: «Materiale ferroso in insalata a mensa»

ArcelorMittal, sindacato Usb: «Materiale ferroso in insalata a mensa»

 
Società fallì nel 2011
Bancarotta, Riesame restituisce 1mln di euro a imprenditore barese Degennaro

Bancarotta, Riesame restituisce 1mln di euro a imprenditore barese Degennaro

 
L'incidente
Teana, travolto da trattore mentre lavorava i campi: morto 77enne

Teana, travolto da trattore mentre lavorava i campi: morto 77enne

 
Le dichiarazioni
Lecce, Petriccione: «La serie A? Un'avventura stimolante»

Lecce, Petriccione: «La serie A? Un'avventura stimolante»

 
L'evento
Otranto, il Faro di Punta Palascìa apre al pubblico

Otranto, il Faro di Punta Palascìa apre al pubblico

 
Sfruttamento del lavoro
Caporalato, conferenza permanente in Prefettura a Foggia

Caporalato, conferenza permanente in Prefettura a Foggia

 
Il pluriomicidio
Sava, ex carabiniere uccise padre, sorella e cognato: condannato all'ergastolo

Sava, ex carabiniere uccise padre, sorella e cognato: condannato a 30 anni

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Cornacchini aspetta altri rinforziIl Bari va a caccia di difensori

Cornacchini aspetta altri rinforzi
Il Bari va a caccia di difensori

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoAl rione Salinella
Taranto, uccisero pregiudicato sparando tra la gente: 20 anni a 2 fratelli

Taranto, uccisero pregiudicato sparando tra la gente: 20 anni a 2 fratelli

 
BariSocietà fallì nel 2011
Bancarotta, Riesame restituisce 1mln di euro a imprenditore barese Degennaro

Bancarotta, Riesame restituisce 1mln di euro a imprenditore barese Degennaro

 
PotenzaL'incidente
Teana, travolto da trattore mentre lavorava i campi: morto 77enne

Teana, travolto da trattore mentre lavorava i campi: morto 77enne

 
LecceL'evento
Otranto, il Faro di Punta Palascìa apre al pubblico

Otranto, il Faro di Punta Palascìa apre al pubblico

 
MateraIl progetto
Huwaei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

Huawei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

 
BrindisiPer un valore di 1000 euro
Da Brindisi al Coin di Lecce per rubare profumi: arrestati tre giovani

Da Brindisi al Coin di Lecce per rubare profumi: arrestati tre giovani

 
BatL'istanza
Bat, stop al fumo in spiaggia: via libera della Prefettura

Bat, stop al fumo in spiaggia: via libera della Prefettura

 

i più letti

violenza

Foggia, vicepreside picchiato
indagato genitore alunno
Ministro: violenza intollerabile

violenza pugno

di Luisa Amenduni (Ansa)

FOGGIA - E’ stato colpito dal genitore di uno studente di prima media - che ora è indagato - con un potente pugno al viso e, quando è caduto a terra, con calci all’addome: un’aggressione violenta, avvenuta a scuola, sotto gli occhi dei suoi alunni. Il docente, Pasquale Diana, vicepreside della scuola secondaria di I grado 'L.Murialdò di Foggia, guarirà in 30 giorni. La sua 'colpà? Aver rimproverato il figlio del suo aggressore perchè all’uscita da scuola spingeva e rischiava di far cadere le compagne in fila davanti a lui: il professore ha preso per il braccio il ragazzo e lo ha allontanato dalla fila.

A casa l’undicenne avrebbe invece raccontato che il professore lo aveva picchiato. Senza verificare la versione del figlio, il giorno successivo, sabato scorso, l’uomo si è precipitato a scuola e si è scagliato contro il prof che, sentendo voci concitate nel corridoio, si era affacciato dall’aula dove stava per iniziare la lezione. Il vicepreside non ha reagito nel timore di spaventare ancora di più i ragazzi che erano in classe.

A nulla è valso l’intervento dei collaboratori e dei docenti presenti che, vista la rapidità con cui si è mosso il genitore, non sono riusciti ad evitare l'aggressione. «Quelli di Foggia sono fatti gravi. La violenza fisica o verbale non è mai tollerabile. E lo è ancor meno quando si verifica all’interno di una scuola», ha detto la ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli.

Nell’istituto scolastico, chiuso per le vacanze di Carnevale, oggi si è tenuta una riunione straordinaria del consiglio d’istituto: i docenti si sono in pratica autoconvocati e vogliono sensibilizzare l’opinione pubblica affinchè episodi del genere non avvengano più. «Siamo tutti sotto choc, siamo spaventati. Se i genitori ci affidano i loro figli è perchè devono avere fiducia in noi», afferma la dirigente del 'Murialdò, Ida La Salandra. «Un episodio inaccettabile che va condannato 'senza se e senza mà», secondo il sindaco di Foggia, Franco Landella.

Aggressioni che però, purtroppo, nelle scuole diventano sempre più frequenti e questo a causa del fatto che "nella società attuale la figura del docente e la stessa scuola sono percepiti come poco autorevoli e non come espressione diretta di un sistema formativo che rappresenta lo Stato», sostiene Gabriella Grilli, referente della scuola Polo di Formazione di Foggia-Ambito 13, l’insieme cioè di tutte le scuole di ogni ordine e grado di Foggia. 

Il genitore che ha aggredito il vicepreside della scuola di Foggia è indagato con l’accusa di lesioni aggravate da aggressione a Pubblico Ufficiale. Il prof ha ricevuto la solidarietà di colleghi e, soprattutto, degli studenti che gli continuano a inviare sul cellulare messaggi pieni di affetto. Il vicepreside aggredito non vede l’ora di incontrarli per spiegare loro quello che è accaduto.
«Non ho reagito - racconta Pasquale Diana - perchè avevo gli occhi del figlio di chi mi stava aggredendo e dei miei ragazzi addosso. Noi abbiamo fatto tante lezioni sul rispetto delle regole e sul linguaggio non violento, reagendo avrei annullato tutto quello che avevo cercato di insegnare loro e non me lo sarei mai perdonato». Diana ha ricevuto una telefonata del ministro Fedeli: «le ho detto - racconta - che noi insegnanti siamo in trincea, in prima linea e occorre che finalmente ci sia un giusto riconoscimento per il ruolo che viene svolto dagli insegnanti».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie