Venerdì 22 Marzo 2019 | 03:50

NEWS DALLA SEZIONE

L'omicidio
Mattinata, ammazzata a fucilate vicino casa boss del clan Romito

Mattinata, boss clan Romito ammazzato a fucilate vicino casa

 
Comune
Bari, battaglia in consiglio sulle tasse. «Non aumentano». «Aumento col trucco»

Bari, battaglia in consiglio sulle tasse. «Non aumentano». «Aumento col trucco»

 
L'intervista
Parla Piero Ignazi:«Al Sud la Lega attrarrà voti da Fi e M5S»

Parla Piero Ignazi:«Al Sud la Lega attrarrà voti da Fi e M5S»

 
La foto
Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

 
Il torneo
Tennis, esordio per il biscegliese Pellegrino: buona la prima

Tennis, esordio per il biscegliese Pellegrino: buona la prima

 
Subentra a Carmine Esposito
Giuseppe Bisogno è il nuovo questore di Bari: viene da Perugia

Giuseppe Bisogno è il nuovo questore di Bari: viene da Perugia

 
Ambiente
Anche Al Bano aderisce alla campagna della Regione per dire «No alla plastica»

Anche Al Bano aderisce alla campagna della Regione per dire «No alla plastica»

 
Scintille Nato-Russia
I piloti italiani in missione nei cieli della Guerra Fredda

I piloti italiani in missione nei cieli della Guerra Fredda

 
È diretto a Gerusalemme
Da 2 anni viaggia con un'asina: il portoghese Bruno Dias in visita a Bari

Da 2 anni viaggia con un'asina: il portoghese Bruno Dias in visita a Bari

 
Il caso
Elezioni in Basilicata, spuntano 5 impresentabili per l'Antimafia

Elezioni in Basilicata, spuntano 5 «impresentabili» per l'Antimafia

 
Il confronto
Giornata Memoria vittime mafia a Bari, Rita Dalla Chiesa: «Ho speranza nei giovani»

Giornata Memoria vittime mafia a Bari, Rita Dalla Chiesa: «Ho speranza nei giovani»

 

Il Biancorosso

LA NOTIZIA
Vi ricordate lo steward della Turris?Condannato a cinque anni di Daspo

Vi ricordate lo steward della Turris?
Condannato a cinque anni di Daspo

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaL'omicidio
Mattinata, ammazzata a fucilate vicino casa boss del clan Romito

Mattinata, boss clan Romito ammazzato a fucilate vicino casa

 
BariComune
Bari, battaglia in consiglio sulle tasse. «Non aumentano». «Aumento col trucco»

Bari, battaglia in consiglio sulle tasse. «Non aumentano». «Aumento col trucco»

 
TarantoIl siderurgico
Taranto, da Regione corsi di riqualificazione per i lavoratori ex Ilva

Taranto, da Regione corsi di riqualificazione per i lavoratori ex Ilva

 
LecceEmergenza batterio killer
Xylella, lunedì 25 marzo incontro a Lecce con il ministro Lezzi

Xylella, lunedì 25 marzo incontro a Lecce con il ministro Lezzi

 
PotenzaLa foto
Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

 
Materail «diplomificio» dello jonio
Policoro, ottenere il diploma? Un sogno al costo di 2.500 euro annui

Policoro, ottenere il diploma? Un sogno al costo di 2.500 euro annui

 
BrindisiNel Brindisino
Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

 
BatAnalisi e scenari
Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

 

collegamenti in basilicata

Nerico-Muro, la strada della vergogna
costata 330 milioni di euro

il simbolo del terremoto '80 Progettata 40 anni fa e non ancora completa. È stata presa in carico dall'Anas

strada Nerico Muro

di GHERARDA CERONE

MURO LUCANO - Nel periodo immediatamente successivo al terremoto del 1980, il Governo decise di dare il via ai lavori per la costruzione di una strada che servisse a collegare le aree industriali di Basilicata e Campania, si tratta della «Nerico-Muro Lucano». Dalla prima ipotesi di progetto ad oggi si sono susseguiti annunci e proclami oltre ad una serie di tentativi di consegna che dopo quasi quarant’anni non hanno portato ad alcun risultato, «solo» una spesa complessiva di 330 milioni di euro. Il sindaco di Rapone, Felicetta Lorenzo, ha sottolineato la vitale importanza di questa strada. «Un’arteria strategica che consentirebbe l’ampliamento del concetto di territorio favorendone lo sviluppo. I Comuni del Marmo Platano sono idealmente vicini al Comune di Rapone - ha aggiunto il sindaco - ma raggiungerli non è affatto agevole. Questo comporta una serie di disagi e difficoltà. Rapone è in sofferenza per quanto riguarda la scuola per cui si è costretti ad andare in associazione con il Comune di Ruvo Del Monte».
Aprendo al transito la «Nerico-Muro Lucano» queste problematiche non esisterebbero. Il sindaco ha poi precisato che questa strada ha delle bretelle aperte come la 219 che consente ai cittadini di Rapone di raggiungere Pescopagano in tempi molto brevi. Questo ha consentito che la piscina di Pescopagano diventasse l’impianto di un intero territorio. L’apertura della Nerico-Muro Lucano agevolerebbe una serie di servizi utili per i cittadini. Si tratta di una vicenda che va avanti da anni e che ha visto il sindaco Lorenzo insieme a diversi primi cittadini dell’area impegnarsi attivamente per consentirne l’apertura.

Alla statalizzazione della strada hanno fatto seguito una serie di passaggi ed interlocuzioni, si era pensato ad una consegna dell’arteria alla Provincia che ha rifiutato. Il sindaco Lorenzo ritiene inaccettabile il diniego della Provincia e lo dice anche a nome di tutti i cittadini che per ragioni burocratiche non possono percorrere una strada ormai pronta. Dello stesso avviso è il primo cittadino di Castelgrande, Domenico Muro che parla di uno sforzo maggiore che avrebbe dovuto fare la Provincia nel prendere in consegna la strada. L’assessore regionale alle Infrastrutture Nicola Benedetto tiene a precisare che la strada è pronta e che qualcuno dovrà pure gestirla. Si dice rammaricato dinanzi al rifiuto della Provincia nella persona del Presidente Nicola Valluzzi. L’ultimo tavolo interistituzionale tenutosi in Regione ha pertanto consegnato la strada ad Anas. Benedetto non dà alcuna data sul taglio del nastro, si augura che ciò avvenga il prima possibile.

Tanto attesa e sperata l’apertura soprattutto da tutti i pendolari e lavoratori della Fiat di Melfi che sono costretti ad orari massacranti. Indignati e delusi molti di loro che erano bambini quando venne progettata la strada. I tempi di percorrenza verso il Potentino con quest’arteria sarebbero ridotti sensibilmente. Sarebbe stato un magnifico regalo di Natale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400