Lunedì 25 Marzo 2019 | 01:04

NEWS DALLA SEZIONE

La regionali
Basilicata, centrodestra verso la vittoria. Exit poll: Bardi avanti (38-42%), tonfo del M5S

Basilicata, centrodestra verso la vittoria: proiezioni, Bardi 41%, centrosinistra al 33%, tonfo del M5S (20%)

 
Le compensazioni
Tap, Conte su rifiuto 30 mln sindaco Meledugno. «Schiaffo a comunità». «Non voglio quei soldi»

Tap, Conte su rifiuto 30 mln sindaco Meledugno. «Schiaffo a comunità». «Non voglio quei soldi»

 
La storia
Andria, sfrattata la bancarella dei Mansi, la famiglia della bimba uccisa

Andria, sfrattata la bancarella dei Mansi, la famiglia della bimba uccisa

 
Leuca, intercettata da Gdf barca a vela con 25 migranti

Leuca, intercettata da Gdf barca a vela con 25 migranti

 
Agricoltura in protesta
Lecce, Coldiretti e Gilet arancioni a Conte: «Bisogna fermare disastro Xylella»

Lecce, Coldiretti e Gilet arancioni a Conte: «Bisogna fermare disastro Xylella»
Lui replica: «Andava fatto prima»

 
SERIE D
Palmese - Bari: segui la diretta

Palmese - Bari termina 0-0, biancorossi sempre più vicini alla C 
Rivedi la diretta

 
Droga
Coltivava marijuana in casa: arrestato 40enne nel Materano

Coltivava marijuana in casa: arrestato 40enne nel Materano

 
Il siderurgico
Ex Ilva, Fim a Regione Puglia: «Avviare corsi per lavoratori in cassa integrazione»

Ex Ilva, Fim a Regione Puglia: «Avviare corsi per lavoratori in cassa integrazione»

 
L'annuncio
Contrasto alla Xylella, Lezzi: «per il 2020 e il 2021 in arrivo 300 mln»

Lotta alla Xylella, Lezzi: «per il 2020 e il 2021 in arrivo 300 mln»
Emiliano: «Nostre richieste ascoltate»

 
La visita
Patto Cnr-Eni sulla ricerca: il premier Conte in visita a Lecce

Lecce, firmato da Premier patto Cnr-Eni sulla ricerca
«Governo? Questa ultima esperienza» VD

 
Si vota dalle 7 alle 23
Elezioni regionali in Basilicata, urne aperte: si vota dalle 7 alle 23

Regionali, le elezioni in Basilicata
Alle 19 affluenza circa 40% FOTO

 

Il Biancorosso

DOPO I 5 ANNI DI DASPO
La difesa dello steward della Turris"False accuse e tanta cattiveria"

La difesa dello steward della Turris
"False accuse e tanta cattiveria"

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatLa storia
Andria, sfrattata la bancarella dei Mansi, la famiglia della bimba uccisa

Andria, sfrattata la bancarella dei Mansi, la famiglia della bimba uccisa

 
Lecce
Leuca, intercettata da Gdf barca a vela con 25 migranti

Leuca, intercettata da Gdf barca a vela con 25 migranti

 
TarantoAmbiente
Ex Ilva, Conte : «Sappiamo che il problema di Taranto è serio»

Ex Ilva, Conte : «Sappiamo che il problema di Taranto è serio»

 
FoggiaAnche lei premiata da Mattarella
È Rebecca, 10 anni da Lucera, l'Alfiere della Repubblica più giovane d'Italia

È Rebecca, 10 anni da Lucera, l'Alfiere della Repubblica più giovane d'Italia

 
MateraDroga
Coltivava marijuana in casa: arrestato 40enne nel Materano

Coltivava marijuana in casa: arrestato 40enne nel Materano

 
BrindisiIl caso
Cimitero privatizzato a Ceglie Messapica, la Lega: «È una cosa sospetta»

Cimitero privatizzato a Ceglie Messapica, la Lega: «È una cosa sospetta»

 
Altre notizie HomeTra sacro e profano
Sannicandro di Bari, ecco i pentoloni di ceci per festeggiare San Giuseppe

Sannicandro di Bari, ecco i pentoloni di ceci per festeggiare San Giuseppe

 

momenti concitati

Panico a Fasano: «Aiuto
mi hanno rubato l'auto
e con mamma dentro»

Dopo trenta minuti, una pattuglia dei carabinieri, perlustrando il centro cittadino, ha trovato l’auto di cui era stato denunciato il furto con a bordo la madre del proprietario ...

112 carabinieri pronto intervento

FASANO - «Correte, mi hanno rubato l’auto con mamma che stava seduta dentro!»: panico generale non tanto quando è giunta la telefonata alla centrale operativa dei carabinieri, quanto piuttosto quando – giunti i militari dell’Arma sul posto – hanno verificato che davvero l’auto non c’era…, che l’uomo davvero aveva perduto macchina e mamma, che il fatto era davvero come aveva raccontato lui al telefono perché i commercianti della zona ricordavano l’auto con la nonnina dentro.

E poi, era stato davvero sfrontato quel topo d’auto che, incurante della nonnina a bordo, si era messo al volante per portare via la macchina? E poi che cosa avrà fatto mai alla nonnina? Avrà aperto la portiera e l’avrà scaraventata fuori? L’avrà convinta a stare calma perché così non le sarebbe accaduto nulla? Boh… I minuti passano, le lacrime aumentano e il panico anche: povera nonnina, che fine brutale... E poi dici che non ci vogliono pene severe se acciuffano quel ladro d’auto... E guardi l’orologio... Sono passati trenta minuti, il panico è totale in via Giardinelli e dintorni: i crocicchi di persone iniziano ad “urlarlo” che ci vogliono pene esemplari se lo acciuffano quel ladruncolo sfrontato.

A risolvere il giallo, che tale non era, è stata, dopo trenta minuti, una pattuglia dei carabinieri che, perlustrando il centro cittadino, ha trovato l’auto di cui era stato denunciato il furto con a bordo la madre del proprietario, una nonnina di poco meno di 90 anni, regolarmente parcheggiata lungo una strada adiacente a via Nazionale dei trulli. L’anziana donna stava bene, Quando i militari hanno comunicato al proprietario del veicolo di aver ritrovato macchina e nonnina l’uomo non ha avuto dubbi: il ladro mi avrà spostato la macchina. L’anziana madre ha smentito categoricamente: l’auto – ha detto – non si è mai mossa da dove mio figlio l’aveva parcheggiata.

Tutto questo è successo diversi giorni addietro, ma la notizie è trapelata soltanto adesso. Alla centrale operativa della compagnia dei CC è giunta la telefonata disperata di un cittadino: «Correte, mi hanno rubato la macchina con dentro mia madre». I militari dell’Arma sono corsi, nel senso letterale del verbo, in via Giardinelli. La prima pattuglia arrivata sul posto, constatato che effettivamente la macchina non c’era e che anche gli esercenti del posto confermavano di aver notato macchina e nonnina in quel tratto di strada, ha subito chiesto rinforzi. In pochi minuti tutte le pattuglie dell’Arma che in quel momento erano in “circuito” sono confluite sul posto. E ben presto sono arrivati anche diversi militari che in quel momento erano liberi dal servizio, oltre ai militi che era impegnati in servizi di ufficio. Perché il “giallo” venisse risolto ci è voluta mezz’ora. Trenta minuti durante i quali si è temuto il peggio del peggio. La soluzione del caso era la più banale del mondo: il proprietario del veicolo, nonché figlio della 90enne “rapita” da un fantomatico topo d’auto, pensava di aver lasciato mezzo e genitore in un posto diverso da quello in cui li aveva effettivamente “parcheggiati”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400