Domenica 22 Settembre 2019 | 05:51

NEWS DALLA SEZIONE

poco dopo le 16
Forte terremoto in Albania, trema anche la Puglia

Due scosse di terremoto con epicentro in Albania, trema anche la Puglia

 
Dai carabinieri
Taranto, non accetta la fine della relazione e perseguita ex moglie e figli: arrestato

Taranto, non accetta la fine della relazione e perseguita ex moglie e figli: arrestato

 
Serie A
Liverani: «Contro il Napoli gara di sacrificio fisico e mentale»

Liverani: «Contro il Napoli gara di sacrificio fisico e mentale»

 
A bari
Assenteismo al Di Venere: senologo condannato a 2 anni, il pomeriggio passeggiava in scooter

Assenteismo al Di Venere: 2 anni al senologo, il pomeriggio passeggiava in scooter

 
L'episodio
Taranto, minaccia con pistola attivisti al flash-mob per l'ambiente: denunciato

Taranto, minaccia con pistola attivisti al flash-mob per l'ambiente: denunciato

 
truffa nel potentino
Oppido Lucano, raccoglie offerte inesistenti per bimbi malati: denunciato

Oppido Lucano, raccoglie offerte inesistenti per bimbi malati: denunciato

 
Nel salento
Montesano S.no, ha un colpo di sonno alla guida e si schianta contro un'altra auto: 2 feriti

Montesano S.no, ha un colpo di sonno alla guida e si schianta contro un'altra auto: 2 feriti

 
Al PalaFlorio
Basket, stasera a Bari Supercoppa Italiana, Brindisi contro Venezia

Basket, a Bari Supercoppa Italiana, Brindisi contro Venezia

 
Giustizia svenduta
Magistrati arrestati: «A Trani altri casi di indagini truccate», interrogato D'Introno

Magistrati arrestati: «A Trani altri casi di indagini truccate», interrogato D'Introno

 
Serie A
Lecce Napoli, attesa per il match: ecco le probabili formazioni

Lecce Napoli, attesa per il match: ecco le probabili formazioni

 

Il Biancorosso

Calcio
Folorunsho rialza il Bari: «Noi i più forti della C»

Folorunsho rialza il Bari: «Noi i più forti della C»

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceDue operazioni
Lecce, nel garage droga e 4mila euro in contanti: 2 arresti

Fiumi di droga in Salento, recuperati 12mila euro in contanti: 3 arresti

 
TarantoDai carabinieri
Taranto, non accetta la fine della relazione e perseguita ex moglie e figli: arrestato

Taranto, non accetta la fine della relazione e perseguita ex moglie e figli: arrestato

 
BatL'annuncio
Istituto per il Medioevo: Barletta sarà sede per il Sud

Istituto per il Medioevo: Barletta sarà sede per il Sud

 
BariA bari
Assenteismo al Di Venere: senologo condannato a 2 anni, il pomeriggio passeggiava in scooter

Assenteismo al Di Venere: 2 anni al senologo, il pomeriggio passeggiava in scooter

 
Potenzatruffa nel potentino
Oppido Lucano, raccoglie offerte inesistenti per bimbi malati: denunciato

Oppido Lucano, raccoglie offerte inesistenti per bimbi malati: denunciato

 
MateraL'indagine
Basilicata, donne-madri costrette a licenziarsi

Basilicata, donne-madri costrette a licenziarsi

 
BrindisiDenunciato un uomo
Brindisi, usa abusivamente lampeggiante blu: «Lo facevo per l'autovelox»

Brindisi, usa abusivamente lampeggiante blu: «Lo facevo per l'autovelox»

 

i più letti

solidarietà

A Taranto medici e volontari
curano gratis i più poveri

Il poliambulatorio, provvisto di regolare autorizzazione, opererà con i servizi sociali del Comune di Taranto ed è stato realizzato senza il ricorso a fondi pubblici

ambulatorio solidare a taranto

L'ambulatorio

di FABIO DI TODARO

TARANTO - Dice tutto il nome del progetto: il mio dottore. Oculisti, dentisti, pediatri, dermatologi, otorinolaringoiatri e semplici medici di base. Ammonta a trenta il numero di specialisti che hanno già dato la loro disponibilità a titolo gratuito all’associazione benefica Fulvio Occhinegro (Abfo) per dare vita a un poliambulatorio che vedrà la luce domani pomeriggio. L’appuntamento è per le 18,30, nella sede di via Lago di Montepulciano, a pochi metri di distanza dalla clinica Villa Verde. L’obiettivo dell’iniziativa è in linea con l’attività che da tempo la onlus svolge in città: ricevere e curare le persone indigenti.

Il poliambulatorio, provvisto di regolare autorizzazione da parte dell’Azienda sanitaria locale, opererà in sinergia con i servizi sociali del Comune di Taranto ed è stato realizzato senza il ricorso a fondi pubblici. La somma necessaria per dare forma al progetto è infatti il ricavato «dell’impegno e della generosità di associazioni e cittadini», fanno sapere da Abfo, che per passare dalle parole ai fatti ha potuto contare sul sostegno di altre realtà no-profit del territorio: come l’Associazione Europa (già attiva nella raccolta delle risorse di cibo in eccedenza in alcune mense del territorio e nella razionalizzazione a favore delle fasce deboli della popolazione), la Fondazione Taras (supporters trust di tifosi del Taranto) e «Gli Spread» del gruppo Banca Intesa-San Paolo (gruppo di dipendenti bancari con interessi in ambito artistico).

Il servizio di assistenza sanitaria gratuita decollerà da subito, al quartiere Salinella. Il principio che ne è alla base è lo stesso che fu messo nero su bianco già un secolo fa da Giuseppe Moscati, nel suo appartamento napoletano: «Chi può lasci. Chi non può prenda». Una volta registrata la disponibilità sui giorni e gli orari degli specialisti già arruolati, i volontari - coordinati dal presidente dell’Abfo, Andrea Occhinegro - si occuperanno di gestire il flusso degli utenti, che si preannuncia numeroso. Le difficoltà economiche e i tempi lunghi delle liste d’attesa hanno portato molti cittadini a rinunciare alle cure mediche. E il taglio di 2,35 miliardi alla spesa sanitaria varato lo scorso agosto è stato l’ultimo colpo d’accetta al sistema pubblico italiano, pensato per garantire il diritto alla salute e alla cura a tutti: senza distinzione di ceto sociale.

Invece, secondo una recente indagine condotta da «Altroconsumo», quasi un italiano su due sacrifica le spese mediche necessarie per mancanza di soldi e la percentuale è ancora maggiore (arriva a sei su dieci) nelle famiglie che hanno un reddito basso. Si rinuncia soprattutto alle cure odontoiatriche, alla riabilitazione fisica, alle cure ortopediche e oftalmiche: alcune delle branche mediche su cui poggia il nuovo progetto dell’Abfo. Ma non mancano i casi in cui ci si priva di cure urgenti. La salute costa cara e chi non può farvi fronte ha due alternative: rinunciarvi o indebitarsi.
I tassi più alti di astensione tra le famiglie con reddito inferiore a 1.550 euro mensili sono stati registrati in Campania (73 per cento), Calabria (69 per cento) e Lazio (64 per cento). Al sesto posto s’è collocata la Puglia, dove nel 2015 è arrivata al 13 per cento la quota di chi rinuncia alle cure urgenti. «Il mio dottore» vuole essere una «stampella» a cui far appoggiare i reietti dei giorni nostri.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie