Mercoledì 20 Febbraio 2019 | 08:34

NEWS DALLA SEZIONE

La nomina
Apulia film commission, l'architetta Dellomonaco è la nuova presidente

Apulia film commission, l'architetta Dellomonaco è la nuova presidente

 
Il vicepremier
Migranti, Salvini annuncia chisura del Cara di Borgo Mezzanone

Migranti, vicepremier: chiuderà Cara Borgo Mezzanone a Foggia

 
Il leader della lega in città

Salvini a Bari, in visita alla villa sequestrata alla mafia La diretta

 
A Gallipoli
Nigeriano sventa rapina in supermercato: Emiliano lo premia

Nigeriano sventa rapina in supermercato: Emiliano lo premia

 
L'analisi
Lecce scopre nuove «frecce» nella rincorsa verso la A

Lecce scopre nuove «frecce» nella rincorsa verso la A

 
Componente di una banda
Rubavano in case mentre i proprietari erano al mare, arrestato un barese

Rubavano in case mentre i proprietari erano al mare, arrestato un barese

 
Le dichiarazioni
Confindustria, Boccia: «Economia rallenta, dati devono far riflettere»

Confindustria, Boccia: «Economia rallenta, dati devono far riflettere»

 
In via Milizia
Scritte su sede Movimente 5 Stelle a Lecce, si segue pista anarchica

Scritte su sede Movimento 5 Stelle a Lecce, si segue pista anarchica

 
L'emergenza
Xylella, conclusa l'inchiesta alla Camera: «Si può solo eradicare, non ci sono cure»

Xylella, conclusa l'inchiesta alla Camera: «Si può solo eradicare, non ci sono cure»

 
L'iniziativa
Le strade di Bari si colorano con i murales dei Lego, grazie allo street artist Pao

Le strade di Bari si colorano con i murales dei Lego, grazie allo street artist Pao

 
Accoltellato un libico
Non vuole pagare uno dei suoi lavoratori e tenta di ucciderlo: arrestato sudanese nel Tarantino

Non vuole pagare uno dei suoi lavoratori e tenta di ucciderlo: arrestato sudanese nel Tarantino

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceComponente di una banda
Rubavano in case mentre i proprietari erano al mare, arrestato un barese

Rubavano in case mentre i proprietari erano al mare, arrestato un barese

 
MateraNel Materano
Rubano tubi di rame da ditta, individuati 4 minorenni

Rubano tubi di rame da ditta, individuati 4 minorenni

 
BariInaugura il 21 febbraio
Sculture da indossare: la mostra di Anna Maria Di Terlizzi all'archivio di Stato di Bari

Sculture da indossare: la mostra di Anna Maria Di Terlizzi all'archivio di Stato di Bari

 
TarantoAl Teatro Fusco
La nuova vita di Diodato, senza confini ma con emozioni

La nuova vita di Diodato, senza confini ma con emozioni

 
BrindisiA Mesagne
Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

 
BatDopo la denuncia
Estorcono denaro a un collega: 2 contadini arrestati

Estorcono denaro a un collega: 2 contadini arrestati

 
FoggiaLa storia
«Nonno Libero», il barbone più longevo di Foggia, avrà una casa

«Nonno Libero», il barbone più longevo di Foggia, avrà una casa

 
HomeLa nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Bardi candidato unico del centrodestra

 

solidarietà

A Taranto medici e volontari
curano gratis i più poveri

Il poliambulatorio, provvisto di regolare autorizzazione, opererà con i servizi sociali del Comune di Taranto ed è stato realizzato senza il ricorso a fondi pubblici

ambulatorio solidare a taranto

L'ambulatorio

di FABIO DI TODARO

TARANTO - Dice tutto il nome del progetto: il mio dottore. Oculisti, dentisti, pediatri, dermatologi, otorinolaringoiatri e semplici medici di base. Ammonta a trenta il numero di specialisti che hanno già dato la loro disponibilità a titolo gratuito all’associazione benefica Fulvio Occhinegro (Abfo) per dare vita a un poliambulatorio che vedrà la luce domani pomeriggio. L’appuntamento è per le 18,30, nella sede di via Lago di Montepulciano, a pochi metri di distanza dalla clinica Villa Verde. L’obiettivo dell’iniziativa è in linea con l’attività che da tempo la onlus svolge in città: ricevere e curare le persone indigenti.

Il poliambulatorio, provvisto di regolare autorizzazione da parte dell’Azienda sanitaria locale, opererà in sinergia con i servizi sociali del Comune di Taranto ed è stato realizzato senza il ricorso a fondi pubblici. La somma necessaria per dare forma al progetto è infatti il ricavato «dell’impegno e della generosità di associazioni e cittadini», fanno sapere da Abfo, che per passare dalle parole ai fatti ha potuto contare sul sostegno di altre realtà no-profit del territorio: come l’Associazione Europa (già attiva nella raccolta delle risorse di cibo in eccedenza in alcune mense del territorio e nella razionalizzazione a favore delle fasce deboli della popolazione), la Fondazione Taras (supporters trust di tifosi del Taranto) e «Gli Spread» del gruppo Banca Intesa-San Paolo (gruppo di dipendenti bancari con interessi in ambito artistico).

Il servizio di assistenza sanitaria gratuita decollerà da subito, al quartiere Salinella. Il principio che ne è alla base è lo stesso che fu messo nero su bianco già un secolo fa da Giuseppe Moscati, nel suo appartamento napoletano: «Chi può lasci. Chi non può prenda». Una volta registrata la disponibilità sui giorni e gli orari degli specialisti già arruolati, i volontari - coordinati dal presidente dell’Abfo, Andrea Occhinegro - si occuperanno di gestire il flusso degli utenti, che si preannuncia numeroso. Le difficoltà economiche e i tempi lunghi delle liste d’attesa hanno portato molti cittadini a rinunciare alle cure mediche. E il taglio di 2,35 miliardi alla spesa sanitaria varato lo scorso agosto è stato l’ultimo colpo d’accetta al sistema pubblico italiano, pensato per garantire il diritto alla salute e alla cura a tutti: senza distinzione di ceto sociale.

Invece, secondo una recente indagine condotta da «Altroconsumo», quasi un italiano su due sacrifica le spese mediche necessarie per mancanza di soldi e la percentuale è ancora maggiore (arriva a sei su dieci) nelle famiglie che hanno un reddito basso. Si rinuncia soprattutto alle cure odontoiatriche, alla riabilitazione fisica, alle cure ortopediche e oftalmiche: alcune delle branche mediche su cui poggia il nuovo progetto dell’Abfo. Ma non mancano i casi in cui ci si priva di cure urgenti. La salute costa cara e chi non può farvi fronte ha due alternative: rinunciarvi o indebitarsi.
I tassi più alti di astensione tra le famiglie con reddito inferiore a 1.550 euro mensili sono stati registrati in Campania (73 per cento), Calabria (69 per cento) e Lazio (64 per cento). Al sesto posto s’è collocata la Puglia, dove nel 2015 è arrivata al 13 per cento la quota di chi rinuncia alle cure urgenti. «Il mio dottore» vuole essere una «stampella» a cui far appoggiare i reietti dei giorni nostri.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400