Sabato 20 Ottobre 2018 | 10:49

NEWS DALLA SEZIONE

I dati
Salvini: «Senza PD al governo, meno migranti anche a Bari»

Salvini: «Senza PD al governo, meno migranti anche a Ba...

 
Lavori senza autorizzazione
Lecce, da paladina degli ulivi a regina degli abusi: indagata l'Oscar Helen Mirren

Lecce, da paladina degli ulivi a regina degli abusi: in...

 
Il caso a Roccanova (Pz)
Crisi editoria: in Basilicata un'edicola resiste da 100 anni

Crisi editoria: in Basilicata un'edicola resiste da 100...

 
Il punto
«Tap arriverà comunque a Brindisi-Mesagne», parla il presidente Emiliano

Tap, Emiliano avverte: gasdotto arriverà a Brindisi-Mes...

 
Sanità
Emiliano: «Stabilizzati 132 precari Asl Brindisi»

Emiliano: «Stabilizzati 132 precari Asl Brindisi»

 
Rivedi la diretta
La Voce Biancorossa presenta Marsala-Bari

La Voce Biancorossa presenta Marsala-Bari

 
Consegnate al comune
Petizione genitori tarantini per chiudere Ilva, raccolte 4mila firme

Petizione genitori tarantini per chiudere Ilva, raccolt...

 
Lele è stato dimesso
Negramaro, tour rinviato: nuove date a Bari il 13 e 14 marzo 2019

Negramaro, tour rinviato: nuove date a Bari il 13 e 14 ...

 
Razzia in via Bastioni
Brindisi, immigrato distrugge vetriauto in sosta in centro: arrestato

Brindisi, immigrato distrugge vetri auto in sosta in ce...

 
Dopo l'intervento
Taranto, bimba gettata dal balcone: trasferita al Gemelli

Taranto, bimba gettata dal balcone: trasferita al Gemel...

 
Commercio
Bari, dopo 66 anni chiudestorica salumeria De Carne«Il marchio lo porto con me»

Bari, dopo 66 anni chiude storica salumeria De Carne «I...

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

chiuse indagini

Crac da oltre 4 milioni
Imprenditori baresi
accusati di bancarotta

processo giustizia

BARI - La Procura presso il Tribunale di Bari ha chiuso le indagini sulla presunta bancarotta della società 'Parco Lafenice srl' di Gravina in Puglia (Bari), titolare dell’omonima sala ricevimenti. Ai tre ex amministratori unici, Silvia Chiarulli, Francesco Sportelli e Carlo Marinò, e ai due ex amministratori di fatto, Giacomo Zingariello e Michele Ariani, il pm Fabio Buquicchio contesta il reato di concorso in bancarotta fraudolenta aggravata per aver dissipato fra il 2010 e il 2013 (data del fallimento) beni aziendali per complessivi 4,3 milioni di euro.
In particolare, nel 2011 sarebbe stato ceduto un ramo di azienda costituito dall’intera attività di ristorante, albergo e sala ricevimenti con due distinte operazioni di vendita in favore della società 'Primafila srl', amministrata - secondo la magistratura barese - da Zingariello e Ariani, amministratori di fatto di 'Parco Lafenice'. La cessione di beni mobili e immobili si sarebbe conclusa con il solo pagamento in contanti di 1,5 milioni di euro a fronte di un valore stimato in 4,3 milioni e di una esposizione debitoria di oltre 4 milioni di euro. Per non pagare i creditori gli amministratori avrebbero poi dichiarato nei bilanci passività inesistenti relative a costi di produzione e del personale, nonostante l’attività fosse cessata da anni. Infine, avrebbero distrutto in parte i libri e le scritture contabili per non consentire di ricostruire patrimonio e movimento degli affari.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400