Martedì 22 Gennaio 2019 | 11:02

NEWS DALLA SEZIONE

Elezioni
Regionali, Basilicata al voto il 23 marzo: firmato il decreto

Regionali, Basilicata al voto il 23 marzo: firmato il decreto

 
Il Tribunale
Fallimento Fc Bari: il concordato di Giancaspro serviva solo a perdere tempo

Fallimento Fc Bari: il concordato di Giancaspro serviva solo a perdere tempo

 
Duello Landini-Colla
La Cgil riparte da Bari, via al congresso per il dopo Camusso

La Cgil riparte da Bari, via al congresso per il dopo Camusso

 
Gli sprechi
Nuova sede Regione, chiusa indagine Gdf su plafoniere d'oro: danno da 600mla euro

Nuova sede Regione, chiusa indagine Gdf su plafoniere d'oro: danno da 600mila€

 
L'inchiesta di Lecce
Mazzette ai magistrati di Trani, imprenditore non risponde. Avvocatessa: estranea ai fatti

Mazzette ai magistrati di Trani, imprenditore non risponde. Avvocatessa: estranea ai fatti

 
La decisione
Regionali, centrosinistra ai gazebo il 24 febbraio per il candidato presidente

Regionali, centrosinistra ai gazebo il 24 febbraio per il candidato presidente

 
Dl semplificazioni
Xylella, il Governo: chi non abbatte gli alberi ammalati rischia il carcere

Xylella, il Governo: chi non abbatte gli alberi ammalati rischia il carcere

 
Il concorso di idee
Bari, ecco il progetto della costa sud. Decaro: la sfida dei prossimi 10 anni

Bari, ecco il progetto della costa sud. Decaro: la sfida dei prossimi 10 anni
Sisto (FI): bufala storica

 
Il caso
Brindisi, macchia scura nelle acque del Porto: al via i controlli

Brindisi, macchia scura nelle acque del Porto: al via i controlli

 
Nel pomeriggio
A fuoco bus pieno di studenti, panico a San Pacrazio Salentino

A fuoco bus di studenti, panico a San Pacrazio Salentino: nessun ferito

 
Operazione Pandora
Mafia a Bari, a processo 100 affiliati dei clan Diomede-Mercante e Capriati

Bari, a processo 100 affiliati dei clan Diomede-Mercante e Capriati

 

in vista della legge

Editoria: Assostampa Puglia
incontra senatori su riforma

giornali stampa editoria

BARI - Impegno a portare in votazione quanto prima il ddl 2271 (riforma dell’editoria) e a sfoltire gli emendamenti che rischiano di ripristinare lo status quo nella revisione degli assetti dell’Ordine dei giornalisti. E' questo, in sintesi, l’appello che oggi l’Associazione della Stampa di Puglia ha lanciato ai senatori pugliesi invitati al confronto pubblico dedicato alla legge che istituisce il Fondo per il pluralismo e l’innovazione dell’informazione, in discussione al Senato.

Al confronto - riferisce una nota - hanno partecipato i senatori Dario Stefàno (Misto) e Pietro Liuzzi (Cor), assenti per altri impegnati istituzionali i senatori Buccarella (M5S), Boccardi (FI), Tomaselli (Pd) e Cassano (Ap). Pur dinanzi al rinvio della discussione nell’Aula di Palazzo Madama, inizialmente calendarizzata per domani, Stefàno si è detto certo che entro la fine del mese il ddl approderà alla lettura finale e si è dichiarato pronto ad accogliere le proposte che il sindacato dei giornalisti pugliesi ha lanciato, ma anche a monitorare le altre norme ancora in discussione presso le commissioni, a cominciare da quella sulle intercettazioni.

Uguali rassicurazioni sono arrivate da Liuzzi, secondo il quale la nuova norma sull'editoria rappresenta il primo, autentico segnale di intervento straordinario nei confronti di un comparto sinora snobbato rispetto ad altri settori. Sulla garanzie al pluralismo dell’informazione e all’occupazione stabile nei mass media si è incentrata la maggior parte degli interventi da parte dei giornalisti.

In particolare, è stata ricordata la necessità di spingere anche le istituzioni locali - Regione Puglia in testa - all’approvazione della proposta di legge di sostegno all’editoria pugliese, ferma dal 2013. Il presidente dell’Assostampa, Bepi Martellotta, ha consegnato ai senatori le proposte elaborate dal sindacato pugliese, che puntano a valorizzare gli emendamenti alla riforma nazionale riguardanti il Registro degli editori, l’obbligo di registrazione per i siti on line, gli incentivi per gli investimenti pubblicitari sull'emittenza e i giornali locali e l'istituzione dei Giurì per la correttezza dell’informazione.

E' stato altresì chiesto ai senatori di ritirare, invece, gli emendamenti che rischiano di far saltare il riordino delle competenze e la riduzione degli organismi pletorici che oggi governano l’Ordine professionale, spingendo per una revisione che - al di là dei numeri - privilegi l’ingresso negli enti della categoria di chi svolge realmente la professione giornalistica e non di chi, pur svolgendo tutt'altro lavoro e versando presso altri enti i relativi contributi previdenziali, li governa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400