Venerdì 23 Agosto 2019 | 06:27

NEWS DALLA SEZIONE

L'evento
Notte della Taranta, preconcertone con i bambini di Piccola Ronda

Notte della Taranta, preconcertone con i bambini di Piccola Ronda

 
Inquinamento
Emissioni a Taranto, forse riaperte scuole ai Tamburi. Cisl: camino «fuma» ancora

Emissioni a Taranto, forse riaperte scuole ai Tamburi. Cisl: camino «fuma» ancora

 
Il caso
Puglia, grandinata di maggio: da Regione nessuna richiesta di calamità

Puglia, grandinata di maggio: da Regione nessuna richiesta di calamità

 
Bari, boss Montani torna in cella: sparò per vendicare morte del figlio

Bari, boss Montani torna in cella: sparò per vendicare morte del figlio

 
San Carlo
Potenza, medici malati e infortunati: chiuso reparto neonatale, disposta inchiesta

Potenza, medici malati e infortunati: chiuso reparto neonatale, disposta inchiesta

 
Operazione dei Cc
Poggiorsini, sfruttavano extracomunitari a 70 cent l'ora: arrestati due agricoltori

Poggiorsini, sfruttavano extracomunitari a 70 cent l'ora: arrestati due agricoltori

 
L'inchiesta
Bari e il turismo, viaggio fra info point chiusi o nascosti

Bari e il turismo, viaggio fra info point chiusi o nascosti

 
La condanna
Foggia, 8 chili marijuana in frigo: patteggia due anni

Foggia, 8 chili marijuana in frigo: patteggia due anni

 
Il provvedimento
Ostuni, minacciava e picchiava ex: divieto di avvicinamento a stalker

Ostuni, minacciava e picchiava ex: divieto di avvicinamento a stalker
A Massafra in cella 46enne

 
Dai Cc
San Ferdinando, aveva una pistola con cartucce: arrestato 49enne

San Ferdinando, aveva una pistola con cartucce: arrestato 49enne

 

Il Biancorosso

IL PUNTO
Il Bari gioca la carta Schiavone ci sarà più qualità a centrocampo

Il Bari gioca la carta Schiavone
ci sarà più qualità a centrocampo

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoInquinamento
Emissioni a Taranto, forse riaperte scuole ai Tamburi. Cisl: camino «fuma» ancora

Emissioni a Taranto, forse riaperte scuole ai Tamburi. Cisl: camino «fuma» ancora

 
PotenzaInquinamento
Maratea, allarme liquami: nuovo stop bagni a Fiumicello

Maratea, allarme liquami: nuovo stop bagni a Fiumicello

 
FoggiaLa condanna
Foggia, 8 chili marijuana in frigo: patteggia due anni

Foggia, 8 chili marijuana in frigo: patteggia due anni

 
BrindisiIl provvedimento
Ostuni, minacciava e picchiava ex: divieto di avvicinamento a stalker

Ostuni, minacciava e picchiava ex: divieto di avvicinamento a stalker
A Massafra in cella 46enne

 
LecceSalento e movida
Lecce, l'amarezza dei gestori delle discoteche dopo il blitz: noi estranei

Lecce, l'amarezza dei gestori delle discoteche dopo il blitz: noi estranei

 
MateraDalla Gdf
Matera, arrestato un uomo sulla 106: aveva 142 gramm di hashish

Matera, arrestato un uomo sulla 106: aveva 142 gramm di hashish

 

i più letti

indagine petrolio lucano

Al largo di Brindisi alterati dati delle cozze

Risulta da alcune intercettazioni del 2014 nell’ordinanza che riguarda le attività dell’Eni, nell’ambito dell’inchiesta della Procura di Potenza

Nel cerchio, la concessione Eni denominata Campo Aquila-2

POTENZA - Sulla nave «Firenze» dell’Eni, ormeggiata al largo di Brindisi, i tecnici dell’Ispra nel 2014 avevano installato gabbie con mitili ("come bio-indicatori"), per monitorare la qualità degli scarichi in mare: a causa del forte moto ondoso, i sacchetti con le cozze si sono rotti e alcuni dipendenti della compagnia petrolifera «omettono deliberatamente di avvertire l’Ispra» dell’accaduto e sostituiscono le cozze con «altri mitili da loro procurati, inficiando di fatto - scrive il gip di Potenza - l’efficacia del controllo ambientale».
E’ uno dei passaggi contenuti nell’ordinanza che riguarda le attività dell’Eni, nell’ambito dell’inchiesta della Procura di Potenza sulle attività estrattive in Basilicata. Secondo il gip due dei dipendenti Eni (oggi agli arresti domiciliari) «sono apparsi ancora una volta soggetti portatori di una significativa attitudine a incidere illecitamente sulle situazioni attraverso meccanismi di alterazione», fino a spingersi «a situazioni artificiose destinate a ostacolare» gli accertamenti».


I due dipendenti Eni, in alcune conversazioni telefoniche del 2014, ripercorrono l’accaduto, e in particolare la rottura dei contenitori: «Glielo diciamo a Ispra o no?», «No, io sono qua con loro ma non glielo dico, io mi sto zitto e basta», «Ce le rimettiamo, le compriamo e si rimettono». «Eh va beh, le cozze dove le andiamo a prendere uguali?». I mitili «dovrebbero essere successivamente e periodicamente utilizzati - precisa il gip di Potenza - al fine di rilevare un possibile inquinamento ambientale causato dalle acque reflue scaricate dalla motonave, poiché nei tessuti dei mitili si bio-accumulano gli inquinanti, come metalli e idrocarburi». La nave infatti veniva utilizzata per «la produzione petrolifera off-shore» e «durante il periodo temporale delle intercettazioni era al largo delle coste pugliesi».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie