Domenica 28 Febbraio 2021 | 08:37

NEWS DALLA SEZIONE

l'aggressione
Cannole, bambina azzannata alla gola da un cane: ricoverata in codice rosso

Cannole, bambina azzannata alla gola da un cane: ricoverata in codice rosso

 
dati nazionali
Covid in Italia, calano i nuovi contagi (quasi 19mila) ma più decessi (+280): aumentano pazienti in terapia intensiva

Covid in Italia, calano nuovi contagi (quasi 19mila) ma più decessi (+280) e pazienti in terapia intensiva

 
Serie C
Nel derby di Puglia, Il Bari in 10 batte il Foggia 1-0: segna il bomber Cianci

Nel derby di Puglia, Il Bari in 10 batte il Foggia 1-0: segna il bomber Cianci

 
L'intervista
Parla l'ex presidente della Camera: «Troppi partiti nel Governo? Conta il senso di responsabilità

Parla l'ex presidente della Camera: «Troppi partiti nel Governo? Conta il senso di responsabilità»

 
L'intervista
Puglia, Marti (Lega): «Sanità, infrastrutture e turismo ecco le sfide per il rilancio»

Puglia, Marti (Lega): «Sanità, infrastrutture e turismo ecco le sfide per il rilancio»

 
Serie B
Parità (1-1) tra ra Pescara e Lecce nella 25esima giornata del campionato

Parità (1-1) tra Pescara e Lecce nella 25esima giornata del campionato

 
a Baia Verde
Gallipoli, in 14 nel cortile della casa al mare, senza mascherina ma con l'hashish: multati

Gallipoli, in 14 nel cortile della casa al mare, senza mascherina ma con l'hashish: multati

 
il bollettino
Coronavirus, in Puglia 1123 nuovi casi su 9mila test (12,4%), 506 positivi solo nel Barese. 20 decessi

Covid in Puglia, 1123 nuovi casi su 9mila test (12,4%), 506 positivi solo nel Barese. 20 morti. Oltre 240mila vaccini effettuati

 
L'appello
Puglia, l'Ordine dei Giornalisti chiede di valutare vaccini per operatori informazione

Puglia, l'Ordine dei Giornalisti chiede di valutare vaccini per operatori informazione

 
il bollettino
Coronavirus, in Basilicata 131 nuovi positivi su 1438 tamponi. Un'altra vittima

Coronavirus, in Basilicata 131 nuovi positivi su 1438 tamponi. Un'altra vittima. Oltre 41mila vaccini effettuati

 
Il caso
Taranto, spara per errore all'amico: 20enne si consegna in Questura, arrestato

Taranto, spara per errore all'amico: 20enne si consegna in Questura, arrestato

 

Il Biancorosso

Serie C
Nel derby di Puglia, Il Bari in 10 batte il Foggia 1-0: segna il bomber Cianci

Nel derby di Puglia, Il Bari in 10 batte il Foggia 1-0: segna il bomber Cianci

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaTragedia sfiorata
Auto esce di strada tra Foggia e Manfredonia e si ribalta: due persone ferite

Auto esce di strada tra Foggia e Manfredonia e si ribalta: 2 persone ferite

 
Leccel'aggressione
Cannole, bambina azzannata alla gola da un cane: ricoverata in codice rosso

Cannole, bambina azzannata alla gola da un cane: ricoverata in codice rosso

 
PotenzaCoronavirus
«Vaccinateci!», in Basilicata il coro unanime dei malati rari

«Vaccinateci!», in Basilicata il coro unanime dei malati rari

 
TarantoIl caso
Taranto, spara per errore all'amico: 20enne si consegna in Questura, arrestato

Taranto, spara per errore all'amico: 20enne si consegna in Questura, arrestato

 
BatL'episodio
Trani, a fuoco portone del sindaco Bottaro: ieri l'ordinanza anti-stazionamento

Trani, a fuoco portone sindaco Bottaro: ieri l'ordinanza anti-stazionamento

 
Covid news h 24Lotta al virus
Vaccini, l'appello del sindaco di Matera a Bardi: «serve accelerazione»

Vaccini, l'appello del sindaco di Matera a Bardi: «serve accelerazione»

 
BrindisiIl ricordo
Brindisi, 30 anni fa lo sbarco degli albanesi: in teatro uno spettacolo in streaming

Brindisi, 30 anni fa lo sbarco degli albanesi: in teatro uno spettacolo in streaming

 

Il caso

Bari, bimbo morto asfissiato, il Garante: «Il cell non può sostituire i genitori». La psicologa: «Responsabilizzare gli adulti»

Parla Abbaticchio: troppo facile entrare in certi siti. Il commento sulla tragedia della psicologa dell'infanzia Anna Coppola De Vanna

Bari, bimbo morto asfissiato, il Garante: «Il cell non può sostituire i genitori». La psicologa: «Responsabilizzare gli adulti

BARI - «È un dolore che ci lascia tutti sgomenti perché non può essere accettabile che nel luogo che riteniamo più sicuro, ossia la nostra casa, sotto forma di gioco, possa arrivare un invito a confrontarsi con la morte». Commenta così il Garante pugliese per i diritti del Minore, Ludovico Abbaticchio, la morte del bimbo trovato impiccato a Bari. «Questo genere di tragedie non può essere attribuito alla mancata educazione da parte dei genitori: il tema è molto più complesso. Come Garante, come genitore e nonno penso che un evento del genere debba spingerci a scendere in campo e pretendere che la rete sia un territorio dove non tutto può accadere e non tutto è lecito. Siamo tutti chiamati a vigilare e a inserire i filtri e i parental control, ma il sistema si rigenera di continuo ed è difficile mantenere una zona protetta costante».

Abbaticchio sottolinea che «al momento a livello territoriale, nazionale ed europeo c’è una completa disinformazione sul tema. Non basta parlarne però. Il tutto deve essere governato da un processo di riforma radicale. Sono decenni che si parla del tema della salute minorile, ma non sono mai state avviate delle procedure di rinnovamento e di confronto». Nel concreto, per il Garante «c’è bisogno di rimodulare il lavoro della Polizia postale con sistemi di controllo molto più attivi. Un esempio può essere l’uso dell'impronta digitale e di una password che il genitore deve inserire assieme al codice fiscale, appena si accede all’app o al sito. Una sorta di controllo d'ingresso. Tutto questo però, senza demonizzare i sistemi informatici che, con la pandemia, ci hanno permesso di “vivere” una pseudo normalità. Occorre instaurare un nuovo sistema educativo in cui lo smartphone non può sostituire il genitore». La soluzione sta nel ripristinare quel rapporto interpersonale tra genitore e figlio, supportandolo con lo studio dell'educazione civica e digitale che devono diventare materie fondamentali a scuola. «Ci vuole - conclude Abbaticchio - una profonda presa di coscienza e una riforma totale del settore, solo così potremo combattere questo tipo di tragedie».

Anna Coppola De Vanna: «Gli adulti comprendano le proprie responsabilità» - «Gesti così tragici devono solo portare gli adulti a capire quanto è vitale il loro ruolo nell’esistenza dei più piccoli». Con queste parole Anna Coppola De Vanna, psicologa dell’infanzia e responsabile di Rete Dafne Puglia, servizio di assistenza alle vittime di reato, unico nell’Italia meridionale e gestito insieme con il Centro di giustizia riparativa, dalla Cooperativa Crisi, commenta la morte del bimbo di 9 anni che ha scosso Bari e l’Italia intera. «Bisogna avere uno sguardo microscopico sulla realtà: si passa dall’ineluttabile all’evitabile. Questa vicenda cade sicuramente nella seconda casistica. In qualità di adulti abbiamo l'obbligo morale di evitare queste situazioni, ci addoloriamo, poi ci indigniamo e cominciamo ad andare alla ricerca del colpevole senza renderci conto che magari i colpevoli siamo noi. Non mi riferisco al caso specifico in questione, ma vorrei porre l’accento sul quadro generale».

Prego. Ci spieghi meglio.
«Tutta questa analisi si insinua in una cornice di rimpallo di responsabilità tra istituzioni e famiglie, che non giova a nessuno. Men che meno ai bambini che non hanno gli strumenti per capire la differenza tra mondo reale e mondo vrtuale».

Cosa possiamo fare per aiutare i minori in questo percorso di crescita?
«C'è bisogno di un'alleanza tra istituzioni e famiglia che non sia solo su carta. Ma diventi qualcosa di concreto. Ed è proprio in questa mancanza di collante che si sviluppano le tragedie, balzate alle cronache in questi giorni. Per quana attenzione si possa prestare al mondo dei bambini, non sempre noi adulti abbiamo un ascolto così raffinato nei loro confronti. In un momento storico come quello che stiamo vivendo, dovuto alla pandemia, i bimbi osservano il mondo attraverso uno schermo. Così facendo i piccoli, e di conseguenza gli adulti, rischiano di perdere la loro umanità, portando le nuove generazioni a un impoverimento galoppante che non riesce a distiguere il reale dal virtuale».

E quali sono gli strumenti per farlo?
«Bisogna responsabilizzare gli adulti ancora di più. Renderli una roccia, un porto sicuro, creando una sinergia tra scuola, istituzioni e famiglia. In altre parole ri-umanizzarli riconnettendosi ai valori del passato. Pensiamoci. Che cosa facciamo vedere ai bimbi? Liti e non sorrisi, in ogni campo. E che modello offriamo loro? Questa cosa mi spaventa. Bisogna fare mea culpa e ricominciare, se ne siamo capaci. Altrimenti davvero l'ineluttabile è dietro l'angolo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie