Mercoledì 21 Ottobre 2020 | 17:29

NEWS DALLA SEZIONE

La novità
Ecco il tessuto «ammazza» Covid 19: realizzato in Puglia è utile a scuola e in ospedale

Ecco il tessuto «ammazza» Covid 19: realizzato in Puglia è utile a scuola e in ospedale

 
I dati regionali
Covid in Puglia, curva contagi stabile: 295 nuovi casi su oltre 5.800 tamponi e altri due decessi nel barese

Covid in Puglia, curva contagi stabile: 324 casi su 5300 tamponi e altri 2 morti nel Barese. Potenziato il Riuniti a Foggia

 
Tragedia sfiorata
Foggia, cassone di camion sbatte contro grosso ramo di albero: illeso il conducente

Foggia, cassone di camion sbatte contro grosso ramo di albero: illeso il conducente

 
Paura contagio
Bari, presunto caso Covid tra i poliziotti della squadra mobile: sanificati gli uffici

Bari, presunto caso Covid tra i poliziotti della squadra mobile: sanificati gli uffici

 
dati regionali
Covid in Basilicata, 95 positivi su 1200 tamponiBardi: «Sarà operativo ospedale da campo dono del Quatr»

Covid in Basilicata, 95 positivi su 1200 tamponi
Bardi: «Sarà operativo ospedale da campo dono del Quatar»

 
Serie B
Lecce calcio, mister Corini: «Contro la Cremonese squadra d'attacco ma più attenta»

Lecce calcio, mister Corini: «Contro la Cremonese squadra d'attacco ma più attenta»

 
ammortizzatori sociali
Mittal Taranto, chiesta proroga cassa integrazione per 13 settimane

Mittal Taranto, chiesta proroga cassa integrazione per 13 settimane

 
Le indagini
Marconia, violenza di gruppo su turiste minorenni: altri 4 arresti

Marconia, violenza di gruppo su turiste minorenni: altri 4 arresti

 
l'andamento dei contagi
Covid in Puglia, l'assessore Lopalco: ««Tracciamento difficilee pochi anestetisti»

Covid in Puglia, l'assessore Lopalco: «Tracciamento difficile e pochi anestesisti». Aumentano scuole chiuse nel Barese e nel Brindisino

 
operazione «La svolta 2.0»
Lecce, traffico e spaccio si stupefacenti: 23 arresti all'alba

Lecce, omicidi, traffico di stupefacenti e guerra tra clan: 23 arresti all'alba

 
L'ordinanza del sindaco
Bari, in vigore ordinanza coprifuoco: ecco le 19 zone off limits dalle 21 alle 2. «Non si può stazionare»

Bari, in vigore ordinanza coprifuoco: ecco le 19 zone off limits dalle 21 alle 2
Decaro a Bari vecchia deserta - Video

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Bari, Auteri: «Derby col Monopoli sarà partita tosta»

Bari, Auteri: «Derby col Monopoli sarà partita tosta»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Bariemergenza coronavirus
Toritto, troppi contagi Covid: sindaco chiude scuole, parchi e sale gioco sino a fine ottobre

Toritto, troppi contagi Covid: sindaco chiude scuole, parchi e sale gioco sino a fine ottobre

 
Lecce#IoStoconMarilù
Puglia, al via la campagna social a sostegno della giornalista minacciata Mastrogiovanni

Puglia, al via la campagna social a sostegno della giornalista minacciata Mastrogiovanni

 
BatL'impatto
S. Ferdinando di Puglia, scontro tra auto e mezzo Anas: : 2 feriti, SS16 chiusa al traffico

S. Ferdinando di Puglia, scontro tra auto e mezzo Anas: : 2 feriti, SS16 chiusa al traffico

 
FoggiaTragedia sfiorata
Foggia, cassone di camion sbatte contro grosso ramo di albero: illeso il conducente

Foggia, cassone di camion sbatte contro grosso ramo di albero: illeso il conducente

 
GdM.TVSocial news
In Puglia il self service di benzina parla in dialetto tarantino: il video è virale

In Puglia il self service di benzina parla in dialetto tarantino: il video è virale

 
Potenzaintervento dei CC
Rapolla, atti osceni in luogo pubblico e adescamento: 35enne arrestato

Rapolla, atti osceni in luogo pubblico e adescamento: 35enne arrestato

 
Brindisil'arresto
Cisternino, blitz dei carabinieri in hotel: preso latitante affilato Scu

Cisternino, blitz dei carabinieri in hotel: preso latitante affiliato Scu

 
MateraLe indagini
Marconia, violenza di gruppo su turiste minorenni: altri 4 arresti

Marconia, violenza di gruppo su turiste minorenni: altri 4 arresti

 

Il caso

PopBari, le verità di Vito Fusillo: «Mi dissero: vendi, oppure fallirai»

L'imprenditore contro Jacobini jr.: fui minacciato. Ma il gip: tenta di salvarsi

PopBari, le verità di Vito Fusillo: «Mi dissero: vendi, oppure fallirai»

Vito Fusillo si riteneva in balia dei vertici della Banca Popolare di Bari, che a suo dire esercitavano una sorta di eterodirezione delle sue imprese: tentando di evitarne il crac, l’imprenditore di Noci coinvolto insieme al figlio Giacomo nella seconda fase dell’inchiesta sull’istituto di credito avrebbe assecondato le richieste di Marco e Gianluca Jacobini, rispettivamente ex presidente ed ex condirettore generale. Questo il senso delle dichiarazioni che Fusillo ha reso in Procura, sufficienti a evitargli la custodia cautelare (interdetto per 12 mesi, mentre il figlio è finito ai domiciliari come Gianluca Jacobini) ma non a convincere il gip Luigia Lambriola: parole «solo parzialmente ammissive degli addebiti» allo scopo di «sminuire la portata» delle accuse che lo riguardano per attribuire «un ruolo di rilievo» agli Jacobini e agli altri coindagati.

Il caso centrale è senz’altro la vendita del «Palazzo Trevi» di via delle Muratte a Roma, un cespite da 40 milioni di euro che la Fimco di Fusillo (oggi fallita) ha ceduto a Salvatore Leggiero: l’immobiliarista napoletano (pure lui finito ai domiciliari) non ci ha messo un centesimo, in quanto l’acquisto è stato interamente finanziato dalla Popolare. L’operazione - mette nero su bianco Fusillo in un lungo memoriale - gli fu imposta dalla Popolare. «Il dottor Gianluca Jacobini, che pretese di essere presente pur non avendone titolo, mi impose tutte le linee della “trattativa”, mentre in sede di redazione del relativo atto pubblico il dottor Loperfido (Nicola, ex capo dei crediti pure lui finito ai domiciliari, ndr) mi disse che aveva ricevuto disposizione in forza delle quali avrei dovuto immediatamente girare gli importi che il Leggiero si apprestava a corrispondere» direttamente alla Popolare. Con una parte di quei soldi, Fusillo avrebbe voluto estinguere uno dei prestiti obbligazionari ricevuti dal fondo maltese Futura, quello che poi farà istanza al Tribunale di Bari per far fallire sia Fimco che Maiora facendo emergere un buco da 340 milioni di euro. Nei fatti Fusillo ammette di essere stato avvertito dal suo avvocato dei «rischi di natura penale dell’operazione, ove la Fimco deprivata del valore di tale importante cespite immobiliare fosse dichiarata fallita». Ma - mette per iscritto - «durante la redazione del contratto preliminare il dottor Jacobini di fronte alle mie insistenze e a quelle dell’avvocato utilizzò anche espressioni poco rispettose ed apertamente minacciose nei confronti di quest’ultima, mentre rivolgendosi a me direttamente mi fece capire con toni parimenti espliciti che ove mi fossi sottratto alle sue richieste mi avrebbero tagliato tutti i canali finanziari e le linee di credito in essere, in tempo reale». L’offerta di Leggiero, dice Fusillo, gli arrivò «per il tramite di Loperfido», mentre lui era in trattativa per cedere il palazzo con un altro immobiliarista romano, Elio Raccah, «che mi avrebbe pagato un prezzo persino superiore».

Prima di depositare, a fine agosto, il memoriale in cui ammette anche che i bilanci delle sue società erano stati alterati, Fusillo è stato ascoltato per due volte dal procuratore aggiunto Roberto Rossi e dal pm Lanfranco Marazia. Ciò che ha raccontato, scrive il gip, «non vale a scalfire il grave quadro indiziario a suo carico». Fimco e Maiora sono state dichiarate fallite lo scorso anno. A giugno 2019 le intercettazioni della Finanza hanno registrato i momenti, drammatici, in cui la proposta di concordato è saltata perché è venuto meno il supporto della banca. Fusillo racconta di aver chiesto invano di incontrare Marco Jacobini: «Vedi che ho chiesto già appuntamento, ho chiamato già la presidenza. Così adesso gli viene la febbre pure a lui...».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie