Mercoledì 30 Settembre 2020 | 04:19

NEWS DALLA SEZIONE

Il virus
Covid in Basilicata, 16 nuovi contagi in casa di riposo a Marsicotevere

Covid in Basilicata, 16 nuovi contagi in casa di riposo a Marsicotevere

 
L'appello
Coronovirus, altri 4 casi a Locorotondo, il sindaco ai cittadini: «Rispettate voi e gli altri»

Coronavirus, altri 4 casi a Locorotondo, il sindaco ai cittadini: «Rispettate voi e gli altri»

 
Calcio
Il Bari dice addio a Berra e Scavone: arrivano al Pordenone

Il Bari dice addio a Berra e Scavone: arrivano al Pordenone

 
Serie B
Lecce calcio, arriva l'attaccante Stepinski in prestito dal Verona

Lecce calcio, arriva l'attaccante Stepinski in prestito dal Verona

 
Il virus
Coronavirus Bari, positivo addetto alle pulizie dell'Amtab: chiuso ufficio

Coronavirus Bari, positivo addetto alle pulizie dell'Amtab: chiuso ufficio

 
Il batterio killer
La Xylella avanza verso Nord: 50 nuovi ulivi infetti nell'area di Monopoli

La Xylella avanza verso Nord: 50 nuovi ulivi infetti nell'area di Monopoli

 
La cerimonia
Bari, 400 pergamene per i laureati durante il lockdown: cerimonia in piazza del Ferrarese

Bari, 400 pergamene per i laureati durante il lockdown: cerimonia in piazza del Ferrarese VD

 
Il bollettino nazionale
Covid 19 in Italia, 1648 contagi e 24 morti nell'ultimo giorno

Covid 19 in Italia, 1648 contagi e 24 morti nell'ultimo giorno

 
Salute
Andria, prelievo multiorgano al Bonomo: 86enne dona fegato e reni. Saranno trapiantati a Bari

Andria, prelievo multiorgano al Bonomo: 86enne dona fegato e reni. Saranno trapiantati a Bari

 
Il virus
Coronavirus in Puglia, attivi 35 focolai in tutta la Regione

Coronavirus in Puglia, attivi 35 focolai in tutta la Regione

 
Nel Potentino
Basilicata, cerca di vendere sui social un pappagallo australiano: denunciato

Basilicata, cerca di vendere sui social un pappagallo australiano: denunciato

 

Il Biancorosso

Calcio
Il Bari dice addio a Berra e Scavone: arrivano al Pordenone

Il Bari dice addio a Berra e Scavone: arrivano al Pordenone

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaIl virus
Covid in Basilicata, 16 nuovi contagi in casa di riposo a Marsicotevere

Covid in Basilicata, 16 nuovi contagi in casa di riposo a Marsicotevere

 
BatLa visita
Comunali, Di Maio ad Andria: «Sindaco M5s farà rinascere la città»

Comunali, Di Maio ad Andria: «Sindaco M5s farà rinascere la città»

 
BariL'appello
Coronovirus, altri 4 casi a Locorotondo, il sindaco ai cittadini: «Rispettate voi e gli altri»

Coronavirus, altri 4 casi a Locorotondo, il sindaco ai cittadini: «Rispettate voi e gli altri»

 
FoggiaIl caso
Partecipano a festa di Prima Comunione: 20 contagi nel Foggiano

Partecipano a festa di Prima Comunione: 20 contagi nel Foggiano

 
LecceIl video
Lecce, ecco l’assassino mentre rientrava casa dopo aver ammazzato i fidanzati

Lecce, ecco l’assassino mentre rientrava a casa dopo aver ammazzato i fidanzati. Tutti gli errori del killer

 
TarantoLa celebrazione
Mittal, a Taranto la cerimonia in memoria delle vittime del lavoro

Mittal, a Taranto la cerimonia in memoria delle vittime del lavoro

 
MateraNel Materano
Francis Ford Coppola è cittadino onorario di Bernalda

Francis Ford Coppola è cittadino onorario di Bernalda

 
BrindisiNel Brindisino
Campo di Mare, sbarcati 47 migranti egiziani nella notte: stanno tutti bene

Campo di Mare, sbarcati 47 migranti egiziani nella notte: stanno tutti bene

 

politica pugliese

Lattanzio lascia il M5S: «Che errore la linea da duri e puri, pronto al dialogo con Emiliano»

«Nessuna offerta da altri partiti, guardo al mondo rosso-verde»

«Che errore la linea da duri e puri pronto al dialogo con Emiliano»

È pronto ad avviare un dialogo «di contenuto» con Michele Emiliano e, a Roma, guarda agli altri ex 5 Stelle nonché al progetto di una rete rosso-verde progressista e ambientalista. Per il deputato barese Paolo Lattanzio, fresco di uscita dal Movimento, inizia un nuovo capitolo politico.

Lattanzio, ricapitoliamo: perché ha deciso di lasciare il M5S?
«È stata decisiva la scelta del M5S di correre da solo in Puglia. È il punto finale di un mancato posizionamento del Movimento nel campo progressista in maniera stabile, cosa che sostengo e ho sempre sostenuto. Di fatto, il Tacco d’Italia è diventato l’ultimo avamposto del grillismo duro e puro».

Chi incolpa maggiormente? Di Maio, Crimi, i pentastellati pugliesi?
«Guardi, io ho provato per mesi a combattere questa battaglia dall’interno. Non chiedevo di andare con la Meloni o chissà dove, ma solo di replicare una esperienza che al governo funziona. È la stessa cosa che, più volte, hanno sostenuto anche Grillo e il presidente Conte».

Appunto, quindi chi ha remato contro?
«Non lo so e anche questo è un problema. La verità è che la Puglia è la goccia che ha fatto traboccare un vaso già pieno di problemi: contenuti, organizzazione, democrazia interna».

Alla candidata Antonella Laricchia che correrà da sola per la Regione Puglia cosa si sente di dire?
«Non voglio alimentare alcuna polemica. Sottolineo solo che abbiamo perso un’occasione storica per non restare marginali e per rafforzare l’azione del Governo Conte».

C’è da dire che in Puglia l’identità del Movimento si è costruita, fin dall’inizio, in contrapposizione a Emiliano.
«Non può esistere un Movimento che ha 100 identità diverse a seconda dei territori. C’è una natura nazionale che poi si declina in loco. E non è un tradimento, è una crescita».

L’attuale governatore, però, è stato sempre giudicato divisivo dai 5 Stelle.
«Chiunque fa politica, fatalmente, lo è. E comunque sarebbe stato un ottimo motivo per mettersi al tavolo con la sinistra sette mesi fa e ragionare. Non per essere a traino di nessuno ma per guidare la coalizione»

Ora voterà Emiliano?
«Credo che il voto personale sia la questione più irrilevante»

Difficile pensare che voti Fitto o la Laricchia...
«Di certo avvierò un dialogo con il presidente Emiliano proponendogli due temi: i dottorati comunali e il mecenatismo diffuso. Sono due iniziative di valore che spero Emiliano prenda in carico. Confido che il centrosinistra voglia mettere in campo politiche realmente progressiste».

E a Roma, invece, che farà? Rimarrà nel Misto?
«Nel Misto ci sono persone di grandi capacità uscite, come me, dal Movimento 5 Stelle: l’ex ministro Fioramonti, poi Nitti e Zennaro. Lavoreremo bene».

È la premessa di un nuovo partito?
«Non so dire cosa accadrà. Con l’evento “Il Futuro insieme” si sono già poste le basi per una rete trasversale rosso-verde, cioè progressista e ambientalista. C’è fermento e i movimenti sono molti. Vedremo cosa succederà».

Qualcuno a sinistra, Pd, Leu o Italia viva, l’ha contattata per offrirle un ingresso nel partito?
«Ho ottimi contatti con i colleghi di maggioranza. Offerte non ce ne sono state, ma attestati di stima sì. Il dialogo è quotidiano senza bisogno di pensare ai cambi di casacca»

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie