Venerdì 18 Gennaio 2019 | 21:09

NEWS DALLA SEZIONE

Violenza in città
Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

 
La denuncia
Ex Ilva: da domenica raccolta di firme per esposto contro Arcelor Mittal

Ex Ilva: da domenica raccolta di firme per esposto contro Arcelor Mittal

 
A Bari
Giachetti contro Emiliano: «Ha lavorato per distruggere il Pd»

Giachetti contro Emiliano: «Ha lavorato per distruggere il Pd»

 
L'inchiesta
Cloro sporco in Puglia, interdetti due funzionari di Aqp

«Cloro sporco» in Puglia, interdetti due funzionari di Aqp

 
Ferrovie
Treni in Puglia, in arrivo una task force per garantire la puntualità

Treni in Puglia, in arrivo una task force per garantire la puntualità

 
SERIE D
Cittanova - Bari: il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Cittanova - Bari: il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

 
L'APPUNTAMENTO
Circolo della Vela Bari, i primi 90 annidomani la grande festa con l'open day

Circolo della Vela Bari, i primi 90 anni
domani la grande festa con l'open day

 
Morirono 10 persone
Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

 
La visita
Criminalità, capo polizia Gabrielli: «Foggiano area difficile, sottovalutata criminalità»

Criminalità, capo polizia Gabrielli: «Foggiano area difficile, sottovalutata criminalità»

 
Il movimento nel Salento
Melendugno: No Tap protestano in tute anticontaminazione

Melendugno: No Tap protestano in tute anticontaminazione

 

incontro coi sindaci a foggia

Trivelle, Emiliano: referendum
come palo in fronte al governo

stop trivelle, Greenpeace

FOGGIA - «Il Governo è in trance agonistica. Sta prendendo diversi pali, uno dietro l’altro e questo delle Tremiti è il palo più grosso che ha preso sulla fronte, dopo aver incassato per la prima volta nella storia d’Italia il referendum delle Regioni che mirava a bloccare le ricerche petrolifere in Adriatico». Lo ha dichiarato il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, a margine dell’assemblea dei sindaci contrari alla ricerca di idrocarburi e trivellazioni in Adriatico che si è tenuta presso Palazzo Dogana, sede della Provincia di Foggia.

«Quando il Governo ci farà capire cosa vuol fare, noi saremo anche disponibili a parlarne perchè non manca mai la disponibilità al dialogo. Tanto per cominciare - ha proseguito Emiliano - oggi comincia la campagna referendaria, che ha un valore politico, indipendentemente dal quesito che pure è molto rilevante, quello sulla durata delle concessioni, perchè più durano le concessioni, più i rischi per l’ambiente aumentano». "Con il referendum si chiede al popolo italiano di sapere se pensa che per l’economia nazionale sia indispensabile mettere a rischio un bene, secondo noi, di ordine superiore che è il nostro mare, sia a fini turistici che di economia».

«Quando il popolo italiano si esprimerà al referendum che ovviamente dovrà coincidere con le elezioni amministrative, ci mancherebbe che qualcuno spenda 350 milioni di euro degli italiani, per cercare di non far raggiungere al quorum al referendum, ecco, io mi auguro che quando si esprimerà e noi avremo fatto un dibattito spero positivo sul piano energetico nazionale, tutto sarà più chiaro e sarà più semplice ricominciare il dialogo tra le regioni e il Governo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400