Domenica 31 Maggio 2020 | 06:37

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Si torna a sparare per strada a Taranto: nessun ferito

Si torna a sparare per strada a Taranto: tanta paura, ma nessun ferito

 
L'accusa
Fitto contro Emiliano: «Xylella infetta Bari? È il fallimento delle sue politiche agricole»

Fitto contro Emiliano: «Xylella infetta Bari? È il fallimento delle sue politiche agricole del governatore»

 
La polemica
Regionali 2020, la Lega Puglia conferma: «Altieri è il nostro candidato»

Regionali 2020, la Lega Puglia conferma: «Altieri è il nostro candidato»

 
Sanità
Sanità, la protesta dei neomedici: «Troppo pochi i posti per le specializzazioni»

Bari, la protesta dei neomedici: «Troppo pochi i posti per le specializzazioni»

 
La lite
San Severo, poliziotto aggredito e preso a calci nei genitali da 3 ragazzi

San Severo, poliziotto aggredito e preso a calci nei genitali da 3 ragazzi

 
emergenza coronavirus
Puglia, in caso di seconda ondata di contagi saranno pronti 4 ospedali Covid

Puglia, in caso di seconda ondata di contagi, in autunno pronti 4 ospedali Covid

 
Il bollettino nazionale
Coronavirus Italia, 416 nuovi positivi, ma i morti sono oltre 100. Via libera agli spostamenti tra regioni dal 3 giugno

Coronavirus Italia, 416 nuovi positivi, ma i morti sono oltre 100. Via libera agli spostamenti tra regioni dal 3 giugno

 
Post Covid 19
Fase 2 in Puglia, da smaltire circa 700mila prestazioni sanitarie tra esami e visite

Fase 2 in Puglia, da smaltire circa 700mila prestazioni sanitarie tra esami e visite

 
La manifestazione
Dal web alle piazze: la protesta anti-euro del pugliese Farina

Dal web alle piazze: la protesta anti-euro del pugliese Farina

 
In Basilicata
Rionero, vinti oltre 33 milioni con l' Eurojackpot

La fortuna bacia Rionero, vinti oltre 33 milioni con l'Eurojackpot

 
Trasporti
Bari e Tirana sempre più vicine: dal 1 luglio nuova rotta di WizzAir

Bari e Tirana sempre più vicine: dal 1 luglio nuova rotta di WizzAir

 

Il Biancorosso

Calcio
Bari in campo a luglio per lo sprint e la B è un sogno di mezza estate

Bari in campo a luglio per lo sprint e la B è un sogno di mezza estate

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraArte
Fase 2 a Matera, riaprono i siti delle chiese rupestri nei Sassi

Fase 2 a Matera, riaprono i siti delle chiese rupestri nei Sassi

 
Bariemergenza coronavirus
Fase 2 a Bari, Decaro incontra e ringrazia i volontari: «Siete la nostra forza»

Fase 2 a Bari, Decaro incontra e ringrazia i volontari: «Siete la nostra forza»

 
TarantoIl siderurgico
Arcelor Mittal, parlamentari M5s: «Chiarire rinvio prescrizione Aia»

Arcelor Mittal, parlamentari M5s: «Chiarire rinvio prescrizione Aia»

 
LecceIndustria
L’automotive riparte dopo tre mesi si punta su tecnologie ibride ed elettriche

L’automotive riparte dopo tre mesi si punta su tecnologie ibride ed elettriche

 
FoggiaLa lite
San Severo, poliziotto aggredito e preso a calci nei genitali da 3 ragazzi

San Severo, poliziotto aggredito e preso a calci nei genitali da 3 ragazzi

 
BariTemporali
Maltempo Puglia

Puglia e Basilicata, maltempo da brividi: prima la shelf cloud e poi la maxi grandinata

 
Batl'ordinanza
Foggia, partecipò a rapina in Emilia, arrestato capoclan di Trinitapoli

Foggia, partecipò a rapina in Emilia, arrestato capoclan di Trinitapoli

 
BrindisiLa decisione
Fase 2, sindaco di Brindisi frena sulla movida: locali chiusi a mezzanotte

Fase 2, sindaco di Brindisi frena sulla movida: locali chiusi a mezzanotte

 

i più letti

Il problema

In Puglia è difficile produrre mascherine: sfornate poche decine di migliaia al giorno

E nessuno fa quelle per gli ospedali. Corsa alla certificazione per introdursi in un settore con grandi prospettive: è pronto pure Natuzzi. Il prontuario del Politecnico di Bari

In Puglia è difficile produrre mascherine: sfornate poche decine di migliaia al giorno

BARI - La corsa alla produzione di mascherine è «la battaglia del grano» del nostro tempo, una sfida dove si saldano le necessità sanitarie con l’urgenza di assicurare la minore dipendenza possibile dell’Italia dalle importazioni nel settore. In questo percorso la Puglia gioca un ruolo di primo piano grazie all’impegno del Politecnico di Bari che - con il gruppo di lavoro del prof. Giuseppe Carbone - ha realizzato un prontuario con le indicazioni per produrre “mascherine filtranti” (quindi non chirurgiche o rientranti tra i Dpi), ma “intese a limitare la trasmissione del contagio”, come indicato nell’articolo 16 del Decreto del 17 marzo. Al momento alcune aziende pugliesi hanno dato vita ad una riconversione della propria produzione (azzerata o ridotta dalla crisi) e ci sono già i primi pezzi made in Puglia messi sul mercato: a pieno regime questa nuova filiera può arrivare anche a produrre dae 500mila a un milione di mascherine al giorno, mentre allo stato non supera alcune decine di migliaia.

Spiega il prof. Carbone: «I primi effetti del protocollo sono stati un grande interesse delle aziende, alle quali abbiamo indicato la strada per produrre mascherine filtranti». Quante sono? «Decine, tra queste anche la Natuzzi e la Fas, oltre a numerosi piccoli produttori». I prototipi realizzati sono stati inviati ai laboratori che dispongono di certificazione: «Con l’approvazione dei laboratori - aggiunge Carbone - possono essere commercializzate come mascherine chirurgiche. Questo passaggio consentirebbe ai produttori locali di rifornire anche Regione Puglia e Protezione civile, che non possono comprare mascherine filtranti, ma solo chirurgiche o Dpi». «Approvvigionarsi di materie prime non è facile: alcuni schemi produttivi si fondano su materiale trattenuto in Asia, mentre altre si possono realizzare con basi che sono presenti sul mercato italiano, consentendo così l’autosufficienza produttiva». A pieno regime, con le certificazioni, cambierebbe tutto nei settori dove le protezioni sono indispensabili: «Le aziende selezionate allo stato - chiarisce Carbone - potrebbero produrre 10mila mascherine al giorno, ma la Fas riconvertendo i propri macchinari per pannolini, può arrivare a 500mila. Il tessile pugliese può produrre dalle 10mila alle cinquecentomila maschere al giorno». Il nodo prezzi: «Il costo di una mascherina filtrante secondo indicazioni della Protezione civile, dovrebbe avere il prezzo etico massimo di 70-80 centesimo per pezzo, con un margine per l’azienda». Il prezzo finale risente anche delle spinte speculative presenti sul mercato: il presso del Tnt meltblown, materiale utile come tessuto filtrante, è passato in due settimane da due euro a 40 al chilo ed è venduto ora solo con partite da 70mila euro, con pagamento anticipato.

L’impegno di una azienda riconvertita emerge nell’iniziativa di Attilio Posa, della SmartLab Italia di Bitonto, passato dal produrre abbigliamento sportivo alle mascherine: «Il nostro mercato si è fermato e ci ingegniamo per produrre quello che può servire all’Italia e alla Puglia: dalle visiere alle tute e alle mascherine per i medici». L’azienda ha allineato i priori tecnici ai protocolli diffusi da Poliba e con la collaborazione anche del Dipartimento di chimica dell’Università di Bari ha realizzato già un prototipo inviato in Lombardia dove c’è il laboratorio che potrebbe certificarne la tipologia di mascherina chirurgica. «Attendiamo il responso entro dieci giorni - spiega l’imprenditore Posa - ma allo stato vendiamo i primi prodotti come mascherine filtranti, in grado di frenare goccioline d’acqua e batteri». Il prezzo è superiore a quello consigliato dalla Protezione civile: «Vendiamo la mascherina a due euro come monouso. Le nostre sono realizzate a mano. I prezzi più bassi possono essere garantiti solo da aziende con linee di produzione automatiche». Venerdì l’azienda barese ha già consegnato al comune di Mottola e ad associazioni le prime partite: «Ne realizziamo cinquemila al giorno, ma abbiamo un progetto di investimento legato al bando Invitalia per per acquistare un macchinario che automatizzerebbe la produzione di 150mila pezzi». L’ultima battuta riguarda la possibilità con la riconversione di scongiurare la cassa integrazione per i propri dipendenti: «Dei nostri quindici assunti - conclude Posa - ora lavorano in cinque sulle mascherine. Con questo impegno speriamo di tornare alla piena occupazione aziendale».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie