Martedì 25 Febbraio 2020 | 04:32

NEWS DALLA SEZIONE

il bilancio
Puglia, amministratori comunali sotto tiro: 71 casi nel 2019

Puglia, amministratori comunali sotto tiro: 71 casi nel 2019

 
Il processo
Bari, spaccio nella movida: 3 condanne e 9 patteggiamenti

Bari, spaccio nella movida: 3 condanne e 9 patteggiamenti

 
La decisione
Regione Puglia: «Chi rientra dal Nord deve segnalarlo al medico di base»

Coronavirus, Regione Puglia: «Chi rientra dal Nord deve segnalarlo al medico di base»

 
L'operazione
Taranto, rapinarono una banca: 2 pregiudicati in manette

Taranto, rapinarono una banca: 2 pregiudicati in manette

 
Il caso
Bitonto, beccati due baby scippatori seriali di 16 e 17 anni

Bitonto, beccati due baby scippatori seriali di 16 e 17 anni

 
La vertenza
Eipli e i 67 mln di debiti: a rischio stipendi 150 lavoratori che gestiscono 8 dighe

Eipli e i 67 mln di debiti: a rischio stipendi 150 lavoratori che gestiscono 8 dighe

 
monica imperiale
Potenza città dello sport 2021. Da cestista a buttafuori: «Ecco i valori dello sport»

Potenza città dello sport 2021. Da cestista a buttafuori: «Ecco i valori dello sport»

 
Il caso
Coronavirus, al Tribunale di Foggia l'invito ad avvocati e utenti: «In aula singolarmente»

Coronavirus, a Tribunale Foggia «In aula singolarmente». Lecce, processi a porte chiuse. Potenza: allontanato avvocato

 
I controlli
Dal Lodigiano ad Andrano: sospetto contagio da Coronavirus a pranzo nuziale per famiglia salentina

Dal Lodigiano ad Andrano: sospetto contagio da Coronavirus a pranzo nuziale per famiglia salentina

 
I controlli
Caporalato, accoltella connazionale nel ghetto di Borgo Mezzanone : arrestato

Caporalato, accoltella connazionale nel ghetto di Borgo Mezzanone : arrestato

 

Il Biancorosso

Calcio
Cavese-Bari: la diretta della partita

Bari, solo un punto con la Cavese

 

NEWS DALLE PROVINCE

Tarantotragedia sfiorata
Taranto Mittal, incendio divampa in Colata, il video inviato a Patuanelli

Taranto Mittal, incendio divampa in Colata, il video inviato a Patuanelli

 
BatL'appuntamento
Barletta, tutto pronto per la «Disfida della sicurezza»

Barletta, tutto pronto per la «Disfida della sicurezza»

 
BariIl rientro
Terremoto Albania, dimessi i due pazienti curati a Bari

Terremoto Albania, dimessi i due pazienti curati a Bari

 
PotenzaIl caso
Coronavirus: da Milano a Potenza, allontanato avvocato dal Tribunale

Coronavirus: da Milano a Potenza, allontanato avvocato dal Tribunale

 
FoggiaL'incendio nel Foggiano
Borgo Mezzanone, scoppia rogo in baraccopoli: nessun ferito

Borgo Mezzanone, scoppia rogo in baraccopoli: nessun ferito

 
BrindisiLa riserva
Palle verdi, alghe rosse e foglie nere: Torre Guaceto e... i «doni» del mare:

Palle verdi, alghe rosse e foglie nere: Torre Guaceto e... i «doni» del mare

 
LecceI controlli
Dal Lodigiano ad Andrano: sospetto contagio da Coronavirus a pranzo nuziale per famiglia salentina

Dal Lodigiano ad Andrano: sospetto contagio da Coronavirus a pranzo nuziale per famiglia salentina

 

i più letti

Politica

Governo, Di Maio si dimette da capo M5S, la reggenza passa a Crimi.
«I peggiori nemici al nostro interno»

Conte: nessuna ripercussione sul Governo. L’annuncio in occasione della presentazione dei facilitatori regionali, al Tempio di Adriano

Vito Crimi e Luigi Di Maio

Vito Crimi e Luigi Di Maio

«Di Maio: rassegno dimissioni da capo M5S. Le mie funzioni passano a Vito Crimi che è il rappresentate anziano del Comitato di garanzia, che ringrazio». Così Luigi Di Maio parlando al M5s dal tempio di Adriano ha ufficializzato le sue dimissioni da capo politico del Movimento dopo le anticipazioni di questa mattina nella riunione con i ministri del Movimento. «Tanti mi hanno scritto non mollare. Ma io non mollerò mai il M5S, il Movimento è la mia famiglia». L’annuncio in occasione della presentazione dei facilitatori regionali, al Tempio di Adriano. E ha aggiunto: «Abbiamo ancora tanta strada da fare al governo e nel Movimento. Questa è la fine di una fase ma non del mio percorso nel Movimento. Io resterò con voi, credo nel M5s più di tanti altri». 

La fase di transizione del partito passa per alcune deroghe allo Statuto. Una prima deroga dovrebbe essere attivata per allungare rispetto ai 30 giorni previsti dallo Statuto la nomina del nuovo capo politico. Questo per consentire l’elezione nella riunione degli Stati Generali del Movimento annunciata per metà marzo. Un’altra deroga dovrà essere assunta da Crimi per confermare la validità in carica dei facilitatori, nazionali e regionali, che per regolamento decadono con la fine del mandato del capo politico.

Di Maio ha rivolto un ringraziamento anche al presidente della Repubblica Mattarella «per il lavoro incessante che ha fatto e
che ha consentito al Movimento di far parte di due governi».

Conte: nessuna ripercussione su Governo - «La scelta di Luigi Di Maio di lasciare la guida del M5s mi rammarica, ma è una decisione di cui prendo atto con doveroso rispetto. La sua decisione rappresenta una tappa di un processo di riorganizzazione interna al Movimento ormai in corso da tempo e che, sono persuaso, non avrà alcuna ripercussione sulla tenuta dell’esecutivo e sulla solidità della sua squadra». Lo dichiara il presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

Il grazie dai consiglieri della Puglia - Luigi Di Maio si è dimesso da capo politico del M5S, dopo due anni e quattro mesi in cui ha portato il M5S al 32% al Governo del paese per due volte. Ma soprattutto dopo aver lasciato un’organizzazione al M5S che ci permetterà finalmente di rispondere alle esigenze dei territori come avremmo sempre voluto. Lo ringrazio per tutto quello che ci ha dato, fino all’ultimo giorno, anche oggi con delle parole importanti». Lo afferma la presidente del gruppo del M5s nel Consiglio regionale della Puglia, Antonella Laricchia. «È la fiducia - prosegue - il valore principale che mi ha portato nella comunità del M5S, ha permesso a me come a lui di ottenere risultati, di vedersi riconosciuti ruoli strategici e delicati da quando ero una sconosciuta fino a oggi che sono una Consigliera regionale da ormai cinque anni». «Certo - evidenzia Laricchia - ci vuole la giusta dose di accortezza e distacco ma io personalmente non rinuncerò mai a fidarmi delle persone, anche degli sconosciuti anche se la storia ci dice, a volte piuttosto brutalmente, che alcuni la nostra fiducia l’hanno tradita. Non rinuncio a fidarmi perché senza fiducia nel prossimo non può esserci partecipazione».

Di Maio: Atlantia cresce? Avanti su stop a concessioni - «E' il momento di dire che il Movimento è nato in opposizione al potere costituito: abbiamo lavorato per rompere tutte le nicchie di potere e le resistenze. Ora stiamo combattendo la battaglia per il ritiro della concessione. A proposito, ho letto che alla notizia delle mie dimissioni il titolo Atlantia in borsa ha iniziato a guadagnare dopo molte settimane e questo testimonia che i mercati non hanno capito nulla di noi».

Di Maio: i peggiori nemici sono al nostro interno - «Abbiamo tanti nemici, qualcuno che resiste e che ci fa la guerra. Ma nessuna forza politica è mai stata sconfitta dall’esterno. I peggiori nemici sono quelli che al nostro interno lavorano non per il gruppo ma per la loro visibilità». Così Luigi Di Maio parlando al M5s dal tempio di Adriano che ha aggiunto.«Ho lavorato per far crescere il Movimento e proteggerlo dagli approfittatori e dalle trappole lungo il percorso, anche prendendo scelte dure e a volte incomprensibili. La storia ci dice che alcuni la nostra fiducia l'hanno tradita ma per uno che ci ha tradito almeno dieci quella fiducia l’hanno ripagata».

«Di Maio: Non è finito, è appena cominciata» - «Il M5s è un progetto visionario che non era mai stato realizzato prima e che non ha eguali nel mondo: siamo arrivati al governo, abbiamo indicato un ottimo presidente del Consiglio e due bravissime squadre di ministri e sottosegretari. Nessuno ancora oggi sarebbe pronto a scommettere sul nostro futuro, siamo stati l’incubo degli analisti ma non è finita, è appena cominciata. Il progetto di crescita per i prossimi decenni continua». Lo dice il capo M5s Luigi Di Maio parlando al Tempio di Adriano. 

Di Maio: mi fido di voi e ci chi verrà dopo di me - «Io mi fido di voi, mi fido di noi e di chi verrà dopo di me. Per arrivare fin qui abbiamo fatto salti mortali. Hanno iniziato Beppe e Gianroberto e a loro va tutto il mio grazie di cuore». Così Luigi Di Maio parlando al «E' giunto il momento di rifondarsi:
oggi si chiude un’era. Ed è per l’importanza di questo momento che ho iniziato a scrivere questo documento un mese fa».

M5S, presentati facilitatori: c'è anche fidanzata di Di Maio - Al via al tempio di Adriano a Roma la presentazione nei nuovi facilitatori regionali del M5s. Nelle prime file, tra numerosi parlamentari del Movimento presenti , ci sono il ministro Federico D’incà, il capo gruppo senato Gianluca Perilli , i facilitatori nazionali Paola Tavena, Enrica Sabatini , Emilio Carelli e Barbara Floridia , il senatore Emanuele Dessì. Ad introdurre i lavori Emilio Carelli. Dietro il palco c'è la fidanzata di Luigi Di Maio Virginia Saba.

Meloni: assistiamo a battute finali del Governo - «Tra Zingaretti che tenta di nascondere il Pd proponendo lo scioglimento del suo partito e Di Maio che si dimette da capo politico del M5S, assistiamo alle battute finali di un Governo fantoccio nato nel palazzo con il solo scopo di non far decidere agli italiani da chi vogliono essere rappresentati. Fratelli d’Italia non ha alcuna intenzione di stare in silenzio: elezioni subito per dare alla Nazione un Governo forte e coeso». Lo dichiara la leader di Fdi, Giorgia Meloni.

Zingaretti (Pd): nessun effetto sul Governo - Le dimissioni di Luigi Di Maio da capo politico di M5s «credo che sul governo non avranno effetti. Sono segnali di un dibattito interno a M5s, che io rispetto, su come stare in questa fase politica. Io penso che schierarsi contro il centrodestra sia un punto dirimente». Lo ha detto il segretario del Pd Nicola Zingaretti a Rainews 24. 

Salvini: traditore è Grillo abbracciando Pd - «Non commento le scelte personali e i problemi degli altri partiti. É Grillo che, abbracciando il Pd, ha tradito la voglia di cambiamento degli italiani. Io li incontro quotidianamente, tantissimi elettori che avevano visto in M5S una speranza di cambiamento. Una volta che Grillo li ha portati a sinistra col Pd sono rimasti delusi. Quindi sceglieranno l’unico cambiamento rimasto, che è la Lega. E poi non commento le scelte personali e in bocca al lupo». Così Matteo Salvini a Catanzaro.

Bersani: ora scelgano se a destra o a sinistra - «Né di destra né di sinistra...diceva Di Maio, ma il mondo va in un’altra direzione, bisogna stare o di là o di qua. Il problema di M5S è che non hanno modo di decidere, da questo devono uscire». Così Pierluigi Bersani, deputato di Leu. «Perché si dimette a 4 giorni dalle elezioni regionali? Mi sfugge, ma le loro sono dinamiche un pò esoteriche, si fatica a vedere elementi tattici - aggiunge l’ex segretario Pd -. Mettici chiunque al posto di Di Maio, comunque nessuno può fare tutte quelle cose insieme a 33 anni, dopo Alessandro Magno e Mozart...nessuno reggerebbe».

Silvestri (M5S): finita epoca "E' colpa di Di Maio" - «Finita l’epoca degli «è colpa di di maio». siamo i soli artefici del nostro presente e futuro. Adesso vi dico cosa succederà. I media vorranno in tutti i modi estorcere i nomi del prossimo capo politico. Il motivo è puramente commerciale, le lotte fra correnti vendono copie, quindi è normale il tentativo della stampa di fossilizzare tutto il dibattito su questo. Noi abbiamo uno scopo diverso adesso, che non è la ricerca dei nomi. Il Movimento deve sciogliere dei nodi importanti che, data la sua crescita precoce, sono rimasti irrisolti». Lo scrive su Fb Francesco Silvestri, tesoriere del M5S alla Camera.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie