Venerdì 18 Giugno 2021 | 10:50

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Taranto, «L'aria non rispetta i limiti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità»

Taranto, «L'aria non rispetta i limiti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità»

 
Il fatto
Monopoli, nasconde droga nel manichino ma i carabinieri lo arrestano

Monopoli, nasconde droga nel manichino ma i carabinieri lo arrestano

 
sangue sulle strade
Incidente sulla Nardò Avetrana, morto un motociclista

Incidente sulla Nardò Avetrana, morto un motociclista

 
Il bollettino
Coronavirus, in Italia 1325 casi e 37 decessi, calano le terapie intensive

Coronavirus, in Italia 1325 casi e 37 decessi, calano le terapie intensive

 
L'emergenza
Covid Puglia, Emiliano: «La variante Delta ci preoccupa molto»

Covid Puglia, Emiliano: «La variante Delta ci preoccupa molto»

 
29 giugno
G20, Decaro: «Bari è pronta ad accogliere le delegazioni»

G20, Decaro: «Bari è pronta ad accogliere le delegazioni»

 
Dopo l'emergenza
Focolai Covid in due Rssa nel Barese: Procura rinuncia a richieste d'arresto per gli amministratori

Focolai Covid in due Rssa nel Barese: Procura rinuncia a richieste d'arresto per gli amministratori

 
L'analisi
Puglia, la pandemia da Covid ha contratto l'attività economia dell’8% nel 2020

Puglia, la pandemia da Covid ha contratto l'attività economica dell’8% nel 2020

 
A Roma
Made in Italy: un evento per celebrare le eccellenze in tandem con gli Stati Uniti

Made in Italy: un evento per celebrare le eccellenze in tandem con gli Stati Uniti

 
Il fatto
Altamura, video hard per vendetta in quattro davanti al giudice

Altamura, video hard per vendetta in quattro davanti al giudice

 

Il Biancorosso

verso il futuro
Il Bari di Mignani vira verso il 4-3-1-2

Il Bari di Mignani vira verso il 4-3-1-2

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl caso
Taranto, «L'aria non rispetta i limiti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità»

Taranto, «L'aria non rispetta i limiti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità»

 
NewsweekDiritti
Bari si mobilita per la Giornata mondiale del Rifugiato

Bari si mobilita per la Giornata mondiale del Rifugiato

 
LecceFormazione
UniSalento, Ingegneria Civile torna a respirare in cantiere

UniSalento, Ingegneria Civile torna a respirare in cantiere

 
BrindisiIl fatto
Brindisi, Altri 4 indagati per il 13enne costretto a prelevare forti somme dal bancomat

Brindisi, altri 4 indagati per il 13enne costretto a prelevare forti somme dal bancomat

 
Foggiacovid 19
Foggia, vaccini: è stato il giorno dei ragazzi

Foggia, vaccini: è stato il giorno dei ragazzi

 

i più letti

verso il voto

Regionali, la Lega frena su Fitto e aspetta il voto in Emilia

Spunta l'ipotesi di un nome condiviso

Regionali, la Lega frena su Fitto e aspetta il voto in Emilia

Le sorti della Puglia potrebbero passare dall’Emilia Romagna e dalla Calabria. Almeno, per quanto riguarda il centrodestra. La candidatura di Raffaele Fitto alla guida della Regione, lanciata dai meloniani e accolta con freddezza dai leghisti, è infatti al centro di un tetris piuttosto complicato.

Il QUADRO NAZIONALE - Finora, si è detto che la resistenza del Carroccio era motivata dalle acredini tra Fitto e qualche leghista salentino, nonché dalla volontà della dirigenza pugliese dei salviniani di indicare un proprio candidato, cioè il presidente dell’Invimit Nuccio Altieri. In nome di questo sarebbero partite le pressioni su Matteo Salvini per convincerlo a non chiudere l’accordo e a lasciare aperta la partita pugliese. C’è molto di vero in questa ricostruzione, ma forse non è tutto qui. La spartizione delle regioni al tavolo nazionale ha finora obbedito a una logica piuttosto equilibrata: tre alla Lega (Emilia Romagna, Toscana e Veneto), due a Forza Italia (Calabria e Campania) e due a Fratelli d’Italia (Marche e Puglia). Ma se i rapporti di forza dovessero cambiare e, ad esempio, il solco fra leghisti ed azzurri allargarsi ancora di più, ecco che le carte potrebbero rimescolarsi. Tradotto: una vittoria della Lega in Emilia Romagna e una sconfitta dei berlusconiani in Calabria (dove Forza Italia è spaccata coni fratelli Occhiuto da una parte e la candidata Santelli dall’altra), potrebbero permettere al Capitano di chiedere una revisione dell’accordo. A quale scopo? Per ottenere di più, naturalmente. Rumors suggeriscono che l’obiettivo possa essere la Campania, lì dove la candidatura del forzista Stefano Caldoro non fa precisamente ballare di gioia i leghisti. Addirittura è trapelata la voce di un possibile dirottamento di Fratelli d’Italia proprio sulla Campania con la Lega in Puglia e Forza Italia decurtata di una Regione, ma alla luce dello scarso interesse dei meloniani per il governo dell’area partenopea l’ipotesi non sta in piedi. E poi c’è da fare i conti con Forza Italia che, a meno di un disastro alle urne, certo non arretrerebbe così facilmente.

IL NOME CONDIVISO - Insomma, le voci si rincorrono e la partita sembra ancora aperta. In serata, trapela poi la voce di una possibile mediazione. Si tratterebbe di una controproposta leghista: Fratelli d'Italia rinuncia a Fitto, il Carroccio non insiste sulla carta Altieri e ci si incontra a metà strada, con un candidato di area sovranista che non provochi scintille. Ma, a quel punto, dovrebbe essere l’ex governatore salentino, già lanciato dalla Meloni, a mostrarsi disponibile a farsi da parte. Un sentiero stretto, si vedrà. Nel frattempo, in caso di mancata chiusura, lo stesso Fitto potrebbe trarre giovamento da un monitoraggio della situazione. Un centrodestra vittorioso ovunque sarebbe già una mezza garanzia di successo. Ma se i conservatori perdessero sia in Emilia che in Calabria il cielo si farebbe improvvisamente più scuro anche a queste latitudini.

In tutto questo, a fronte dell'ovvio silenzio dei protagonisti della vicenda, il governatore pugliese Michele Emiliano continua invece a ragionare nel merito: «In tutta sincerità - osserva -, mi dispiace che una personalità importante come Fitto in questo momento sia sballottato dentro le decisioni di quadri nazionali che, più che della Puglia, si occupano della Calabria, della Campania, del resto d’Italia. È un modello politico che pensavamo fosse finito e invece stiamo tornando a vent’anni fa nel centrodestra, e questo mi dispiace».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie