Sabato 20 Luglio 2019 | 10:16

NEWS DALLA SEZIONE

Le aggressioni al San Paolo
Bardi, ordinavano cena online e rapinavano fattorini: arrestato un neo-18enne

Bari, ordinavano la cena e rapinavano i fattorini: arrestato neo-18enne

 
Bottino di 25mila euro
Colpo al mobilificio in pieno giorno nel Brindisino: arrestato 57enne latitante

Colpo al mobilificio in pieno giorno nel Brindisino: arrestato 57enne latitante

 
Credito
Banca Popolare di Bari, da Trani archiviazione per due denunce

Banca Popolare di Bari, da Trani archiviazione per due denunce

 
Calcio
Lecce, record di abbonamenti: oltre 13mila per la serie A

Lecce, record di abbonamenti: oltre 13mila per la serie A

 
Il caso
Dress-code alle corsiste: confermati i domiciliari a ex giudice Bellomo

Dress-code alle corsiste: confermati i domiciliari a ex giudice Bellomo

 
Al rione Salinella
Taranto, uccisero pregiudicato sparando tra la gente: 20 anni a 2 fratelli

Taranto, uccisero pregiudicato sparando tra la gente: 20 anni a 2 fratelli

 
Il rapporto
Relazione semestrale Dia: «Mafia foggiana più efferata della 'ndrangheta»

Relazione semestrale Dia: «Mafia foggiana più efferata della 'ndrangheta»

 
A taranto
ArcelorMittal, sindacato Usb: «Materiale ferroso in insalata a mensa»

ArcelorMittal, sindacato Usb: «Materiale ferroso in insalata a mensa»

 
Società fallì nel 2011
Bancarotta, Riesame restituisce 1mln di euro a imprenditore barese Degennaro

Bancarotta, Riesame restituisce 1mln di euro a imprenditore barese Degennaro

 
L'incidente
Teana, travolto da trattore mentre lavorava i campi: morto 77enne

Teana, travolto da trattore mentre lavorava i campi: morto 77enne

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Cornacchini aspetta altri rinforziIl Bari va a caccia di difensori

Cornacchini aspetta altri rinforzi
Il Bari va a caccia di difensori

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'annuncio
Sophia Loren riceverà le chiavi della città di Bari

Sophia Loren riceverà le chiavi della città di Bari

 
BrindisiBottino di 25mila euro
Colpo al mobilificio in pieno giorno nel Brindisino: arrestato 57enne latitante

Colpo al mobilificio in pieno giorno nel Brindisino: arrestato 57enne latitante

 
TarantoAl rione Salinella
Taranto, uccisero pregiudicato sparando tra la gente: 20 anni a 2 fratelli

Taranto, uccisero pregiudicato sparando tra la gente: 20 anni a 2 fratelli

 
PotenzaL'incidente
Teana, travolto da trattore mentre lavorava i campi: morto 77enne

Teana, travolto da trattore mentre lavorava i campi: morto 77enne

 
LecceL'evento
Otranto, il Faro di Punta Palascìa apre al pubblico

Otranto, il Faro di Punta Palascìa apre al pubblico

 
MateraIl progetto
Huwaei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

Huawei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

 
BatL'istanza
Bat, stop al fumo in spiaggia: via libera della Prefettura

Bat, stop al fumo in spiaggia: via libera della Prefettura

 

i più letti

A Lecce

Giustizia svenduta a Trani, Savasta ammette dal gip: «È vero, ho sbagliato»

Durante l'incidente probatorio riguardante l'inchiesta sulle indagini pilotate a Trani

pm Antonio Savasta

Il pm Antonio Savasta

LECCE - «È vero, ho sbagliato, ho fatto cose contrarie al mio ufficio, è stato un grande errore». Nel corso dell’incidente probatorio dinanzi al gip di Lecce Giovanni Gallo, l’ex pm di Trani Antonio Savasta ammette ancora una volta le proprie responsabilità riguardo ai fatti contestati nell’inchiesta della Procura di Lecce sulle indagini truccate nel Tribunale di Trani tra il 2014 e il 2018.

Savasta - che è ai domiciliari perchè sta collaborando e si è dimesso dalla magistratura - è accusato, insieme con l’ex collega Michele Nardi e l’ispettore di polizia Vincenzo Di Chiaro, di associazione per delinquere finalizzata alla corruzione in atti giudiziari e falso commessi tra il 2014 e il 2018 per aver pilotato, in cambio di mazzette, indagini istruite dalla Procura di Trani dove Savasta era pubblico ministero.

L’ex pm ha confermato di aver falsificato processi e firme dicendo di averlo fatto per farsi amico l’ex collega Michele Nardi, indicato come il capo del sistema. «Avevo bisogno della sua amicizia», ha detto al gip, spiegando come questa avrebbe potuto garantirgli un appoggio in Procura in merito ad alcune questioni disciplinari pendenti a suo carico al Csm.

Savasta ha confermato anche il coinvolgimento nella spartizione delle mazzette versate da alcuni imprenditori, anche dell’ex pm Luigi Scimè, al quale avrebbe consegnato lui stesso in macchina una busta contenente una somma di denaro portatagli a casa dall’imprenditore di Corato Flavio D’Introno. «Ho aperto la busta - ha detto - ma non ho visto quanti soldi vi fossero, solo che c'erano mazzette da 200 e 500 euro». L’ascolto dell’ex magistrato proseguirà il 28 giugno e 3 luglio prossimi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie