Mercoledì 24 Aprile 2019 | 20:09

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Stupro in Cara Bari, in carcere sesto uomo gang nigeriana

Stupro in Cara Bari, in carcere sesto uomo gang nigeriana

 
Verso il 26 maggio
Bari, due sondaggi sulle comunali: «Decaro vince al primo turno», «Ballottaggio con Di Rella»

Bari, due sondaggi sulle comunali: «Decaro vince al primo turno», «Ballottaggio con Di Rella»

 
A Bari
Concessione spiaggia Torre Quetta: rinvio a giudizio per 3 indagati

Concessione spiaggia Torre Quetta: rinviati a giudizio 3 indagati

 
Serie C
Bari calcio, «San Nicola» boom boom: festa della resurrezione

Bari calcio, «San Nicola» boom boom: festa della resurrezione

 
Elezioni in vista
A Bari e a Lecce ecco i nomi dei «figli d'arte» nelle liste politiche

A Bari e a Lecce ecco i nomi dei «figli d'arte» nelle liste politiche

 
Primo caso a Sud
Taranto, operata di tumore al cervello mentre suona il violino

Taranto, operata di tumore al cervello mentre suona il violino

 
Nel quartiere San Paolo
Bari, col fratello fa irruzione in casa e aggredisce ex moglie: arrestati

Bari, col fratello fa irruzione in casa e aggredisce ex moglie: arrestati

 
Stalking
Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

 
emergenza in puglia
Xylella nel Barese, Noci firma l'ordinanze per bloccare il batterio

Xylella nel Barese, Noci firma l'ordinanza per bloccare il batterio

 
La visita
Ex Ilva, Di Maio a Taranto: scatta il sit in oltre la zona rossa

Ex Ilva, Di Maio a Taranto: «Mai pensato di chiudere lo stabilimento» 
Associazioni vanno via: «È teatrino»

 
La festa non autorizzara
Taranto, si sballano a rave party: 17 denunciati, tra loro un minorenne

Taranto, si sballano a rave party: 17 denunciati, tra loro un minorenne

 

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, e adesso cosa si fa?Si accarezza il sogno scudetto

Bari, e adesso cosa si fa?
Si accarezza il sogno scudetto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl premio
Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

 
TarantoAmbiente ferito
Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

 
LecceTecnologia
Lecce, ecco Dumbo: miniescavatore radiocomandato che pulisce le vasche Aqp

Lecce, ecco Dumbo: miniescavatore radiocomandato che pulisce le vasche Aqp

 
BatLavoro
Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

 
FoggiaL'intervista
Giannini: «Al treno-tram la Regione ha rinunciato»

Giannini: «Al treno-tram Foggia-Manfredonia la Regione ha rinunciato»

 
BrindisiStalking
Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 
PotenzaIl nuovo volto della regione
Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

 

La storia

Il gelato sushi «made in Mola» spopola a NY: l'idea del 28enne Pasquale

Pasquale Ragone dalla Puglia è arrivato al successo negli Usa. «Tra i clienti vip anche Emma Thompson e Sofia Coppola»

Il gelato sushi «made in Mola» spopola a NY: l'idea del 28enne Pasquale

Pasquale Ragone con Sofia Coppola e Molly Shannon

BARI - Nel cuore di New York, nell’East Village a Manhattan, ha aperto «Gelarto», una gelateria tutta italiana, con tanto di sedie a forma di Vespa e poltrone ricavate dalle Fiat 500 che rendono forte l’immagine del made in Italy e indimenticabile la propria coppa gustosa. E ha avuto cosi successo che vende mediamente oltre mille gelati al giorno, dà lavoro a 13-16 dipendenti ma, soprattutto, è diventata la gelateria preferita dalle star del cinema, della musica e della televisione che ha richiamato l’attenzione dei media. Tant’è che, da qualche settimana, il direttore di Gelarto, il 28enne Pasquale Ragone di Mola, deve districarsi tra macchine mantecatrici, telecamere e taccuini.

Ragone è infatti la star del momento a New York. È finito sulle colonne del «New York Times» e negli studi di Abc e Martha Stewart Tv per spiegare i segreti della ricetta, tutta italiana, della pasta per biscotti servita cruda col gelato. Il prodotto che tuttavia ha scatenato l’attenzione dei media e delle star è stato il Gelato Sushi: «L’ho presentato a Insider Food, Eater, Mashable, Thrillist e Food Network - racconta lo chef -. Siamo stati scelti anche per partecipare alla festa-evento che si è tenuta per il venticinquesimo compleanno di Food Network con Giada De Laurentiis, Bobby Flay, Alton Brown e Ina Garten».

Com’è nata la sua passione per il gelato artigianale?
«Ho scoperto questa arte per puro caso. Mentre frequentavo l’università, io e mia madre abbiamo trovato una piccola gelateria in vendita a Mola e abbiamo subito colto l’occasione per una nuova avventura lavorativa. Mesi prima dell’apertura ufficiale, ho lavorato sodo con due artigiani rinomati per imparare questo mestiere del tutto nuovo per me. I miei maestri sono Pantaleo Gesmundo e Angelo De Benedictis, due grandi gelatieri e pasticceri che stimo e ringrazierò sempre. Grazie a loro è subito nata in me la passione per questa creazione gastronomica e ad aprile del 2011 abbiamo aperto le porte del nostro punto vendita nel borgo antico a Mola».

E poi?
«Nel 2016 ho iniziato a ricevere proposte di lavoro importanti a New York, quindi abbiamo preso la decisione durissima di chiudere l’attività a Mola, che ci dava tantissime soddisfazioni, ma che non poteva darmi la possibilità di avere una carriera nel settore come quella che ho costruito qui negli Stati Uniti».

Ha cominciato con i dessert shops. Che cosa sono?
«Sono un tipo di attività tipicamente americana. Puoi trovarci una grande varietà di opzioni nel menu che nascono dai classici dessert, modificati con ricette e arrangiamenti originali. In questo caso, con il gelato si può fare tantissimo, come per esempio il gelato-sushi».

Poi è arrivata Gelarto con la notorietà.
«Gelarto è nata principalmente dalla condivisione di un idea con l’imprenditore inglese Nigel Langstone, innamorato della cultura e del cibo italiani. Ha prima fondato la catena Joe Delucci nel Regno Unito, per poi ideare il modello imprenditoriale di Gelarto negli Stati Uniti. Il successo è stato immediato. Nel periodo che va dalla primavera all’autunno riusciamo a servire all’incirca mille gelati al giorno, con il personale che varia dai 13 ai 16 dipendenti».
Che tipo di gelato preferiscono i newyorchesi?
«Preferiscono sempre la qualità e capiscono perfettamente la differenza di gusto tra l’ice cream americano e il vero prodotto italiano. La nostra decisione è stata appunto quella di proporre gelato fatto con latte e materie prime italiani, non utilizziamo conservanti o semilavorati e siamo gli unici a farlo a New York. Ovviamente l’America ama tutto ciò che è italiano».

Intenso il viavai di star del cinema e della tv.
«Una nostra cliente fissa è Emma Thompson, poi abbiamo il nostro vicino Alan Cumming (star di Hollywood), l’attore televisivo Will Estes, Molly Shannon (l’attrice del “Fantasma dell’opera” e della serie “Sex and the city” e protagonista del “Saturday Night Live”), la grande Sofia Coppola (la regista e attrice figlia di Francis Ford Coppola) e tanti altri che risiedono in zona». Queste presenze accanto alla prelibatezza gastronomica italiana hanno richiamato l’attenzione dei media su un prodotto, il gelato artigianale: un must della gastronomia del Belpaese nel mondo. «Noi volevamo creare una sorprendente esperienza intorno al gelato», conclude Ragone. E possiamo dire che ci sono riusciti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400