Domenica 16 Giugno 2019 | 07:49

NEWS DALLA SEZIONE

La tragedia
Fragagnano, a centinaia ai funerali del pompiere morto

Fragagnano, a centinaia ai funerali del pompiere morto

 
Il matrimonio
Marò, il sì del fuciliere Latorre alla sua Paola: oggi le nozze

Marò, il sì del fuciliere Latorre alla sua Paola: oggi le nozze a Roma

 
L'annuncio
Medicina, parte a Taranto il primo corso per 60 studenti

Medicina, parte a Taranto il primo corso per 60 studenti

 
Serie c
Crisi del Matera calcio, l'appello del Comune: «Salviamo la squadra»

Crisi del Matera calcio, l'appello del Comune: «Salviamo la squadra»

 
La Regata
Vela, domani la Brindisi-Corfù con oltre 100 imbarcazioni

Vela, domani la Brindisi-Corfù con oltre 100 imbarcazioni

 
Il vademecum
Vacanze prenotate online, 8 consigli della polizia postale per evitare le truffe

Vacanze prenotate online, 8 consigli della polizia postale per evitare le truffe

 
L'evento a S. Giovanni Rotondo
S. Giovanni Rotondo, al raduno della Protezione civile la più piccola volontaria d'Italia

Raduno nazionale Protezione civile, ecco la più piccola volontaria d'Italia: è pugliese

 
Alla Bcc di Locorotondo
Cisternino, assaltano un bancomat ma i carabinieri li mettono in fuga

Cisternino, assaltano un bancomat ma i carabinieri li mettono in fuga

 
Il caso
Nel presidio ospedaliero di Melfi arriva il primo parto indolore

Nel presidio ospedaliero di Melfi arriva il primo parto indolore

 
Verso il 2020
Il «matrimonio» tra FI e Lega non piace ai dirigenti pugliesi

Il «matrimonio» tra FI e Lega non piace ai dirigenti pugliesi

 
Lo scandalo della galleria
Irpinia, Pavoncelli bis, sprecati 20 mln: indaga la Corte dei conti

Irpinia, Pavoncelli bis, sprecati 20 mln: indaga la Corte dei conti

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Il Monopoli sulle tracce di Barretoriparte dalla Puglia l'avventura ?

Il Monopoli sulle tracce di Barreto, riparte dalla Puglia l'avventura ?

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoLa tragedia
Fragagnano, a centinaia ai funerali del pompiere morto

Fragagnano, a centinaia ai funerali del pompiere morto

 
BariIl progetto
Bari, Goldman Sachs investe nella musica lirica per aiutare ragazzi a rischio

Bari, Goldman Sachs investe nella musica lirica per aiutare ragazzi a rischio

 
NewsweekDal 23 al 27/7
Richard Gere in Basilicata: superospite alle Giornate di Maratea

Richard Gere in Basilicata: superospite alle Giornate di Maratea

 
HomeL'evento a S. Giovanni Rotondo
S. Giovanni Rotondo, al raduno della Protezione civile la più piccola volontaria d'Italia

Raduno nazionale Protezione civile, ecco la più piccola volontaria d'Italia: è pugliese

 
BrindisiAlla Bcc di Locorotondo
Cisternino, assaltano un bancomat ma i carabinieri li mettono in fuga

Cisternino, assaltano un bancomat ma i carabinieri li mettono in fuga

 
BatIl ritrovamento
San Ferdinando, Nascondeva nel box un fucile: arrestato incensurato

San Ferdinando, nascondeva nel box un fucile: arrestato incensurato

 
MateraL'iniziativa
Matera, un bonus per l'e-bike: in centinaia in fila al Comune

Matera, un bonus per l'e-bike: in centinaia in fila al Comune

 

i più letti

Regione

Sanità, Puglia fuori dal commissariamento, slittata a marzo decisione del ministero

Il nodo del Piano Operativo, doveva chiudersi il 31 dicembre, ma al momento è tutto sospeso

corsia d'ospedale

Sul tavolo c’è l’uscita della Puglia dal Piano operativo, il commissariamento soft che tiene le Asl sotto il controllo dei ministeri e che - sulla carta - doveva concludersi il 31 dicembre. Ma i tecnici di Salute ed Economia fanno resistenza, pur riconoscendo che la gestione della sanità è ormai tornata nei ranghi. Ma la partita si giocherà nel mese di marzo.
Lunedì sera, a Roma, il presidente Michele Emiliano ha incontrato il ministro della Salute, Giulia Grillo. Un colloquio cordiale, dicono fonti della Regione, in cui però il tema del Piano operativo sarebbe stato toccato solo in termini generali. E dunque lasciando che l’iter faccia il suo corso: la Puglia entro il 9 marzo dovrà mandare gli aggiornamenti del Piano operativo 2016-2018 (già informalmente consegnati al ministero), e la riunione convocata per il 9 aprile prenderà la decisione definitiva.
Le perplessità, da ciò che è stato possibile ricostruire, riguardano non tanto gli aspetti tecnici (da tre anni la Puglia è considerata adempiente per i Livelli essenziali di assistenza) quanto per quelli economici. Esiste infatti una divergenza sul saldo del bilancio 2018, che per la Regione è pari a -14 milioni mentre per il Mef sarebbe negativo per 33 milioni. La differenza è dovuta all’incidenza del payback farmaceutico, la quota di fatturato che le case produttrici restituiscono alle Regioni a fine anno: sul meccanismo di riparto è in atto da anni un contenzioso, e la legge di Stabilità ha sancito che la situazione dovrà essere sanata entro aprile.


È accaduto che la Puglia, a fronte di un credito pari a 130 milioni (soldi che dovrebbero arrivare ad aprile) ha ottenuto un anticipo di 19 milioni. Nel bilancio preventivo 2019 del sistema sanitario, la Regione li ha considerati tra i ricavi. Il ministero, con un approccio estremamente conservativo e temendo che possano essere presentati altri ricorsi, ritiene invece che vadano accantonati in attesa della chiusura definitiva del contenzioso. È così che si spiega la differenza contabile. Ma va anche detto che fino al 1° novembre scorso la Regione era certa di chiudere in attivo di 30 milioni, fino a quando il Mef non ha imposto l’obbligo di accantonare - già dal 1° gennaio 2018 - i circa 70 milioni necessari a coprire i rinnovi contrattuali della sanità, soldi che in passato sono sempre stati garantiti attraverso aumenti corrispondenti del fondo sanitario nazionale e che quest’anno sono stati scaricati alle Regioni.


Per far fronte a questo «regalo», la Puglia ha come noto accantonato (a copertura del debito) 50 milioni sul bilancio 2019, creando nei fatti una quarantina di milioni di deficit. Ma proprio per questo, i tecnici del dipartimento guidato da Giancarlo Ruscitti hanno chiesto all’Economia di essere elastica sul payback, consentendo alla Puglia di coprire anche gli altri 14 milioni con le somme in arrivo ad aprile. In caso contrario, la Regione dovrà chiudere in passivo il 2018 e comincerà il 2019 con un attivo di oltre 100 milioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400